Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Unione Europea cambierà la fissazione dei prezzi dell’energia per combattere la corsa inflazionistica

La guerra costringe Bruxelles a rivedere il mercato energetico europeo per ridurre la sua dipendenza dal gas russo

Il prezzo dell’energia ha raggiunto un nuovo record lunedì, superando i 400 euro per megawattora in Germania, Italia, Francia e Spagna. Questa tendenza al rialzo, causata dall’invasione russa dell’Ucraina, ha messo in una posizione imbarazzante l’Unione Europea, che ha dovuto accendere tutte le sue macchine per ripensare l’attuale mercato energetico – che dipende fortemente dal gas russo – e proporre un cambiamento il regime dei prezzi per far fronte alla spirale inflazionistica del gas.

Le misure adottate dalla Commissione europea saranno annunciate mercoledì a Strasburgo, dopo la riunione della Commissione dei Commissari. Il vicepresidente della commissione, Frans Timmermans, e il commissario per l’Energia, Kadri Simsun, saranno incaricati di presentare le linee guida che guideranno il mercato energetico europeo verso una maggiore indipendenza.

La proposta, che doveva essere presentata la scorsa settimana, conterrà nel prossimo futuro un piano per separare il prezzo del gas dal prezzo dell’elettricità, in modo che il suo aumento non influisca sui consumatori finali. Il prezzo del gas ha un impatto diretto sul prezzo dell’elettricità e dall’inizio dell’invasione russa ha battuto tutti i record. Così, nel mercato interno, il prezzo dell’elettricità lunedì è salito a 500 euro per megawattora e oggi schiaccerà questa cifra a 700 euro.

Già nell’ottobre dello scorso anno la Spagna aveva presentato a Bruxelles un’iniziativa per scollegare il prezzo del gas dal prezzo dell’elettricità, che è stata respinta dalla Commissione europea. Ora, però, il vortice inflazionistico ha fatto guadagnare terreno a questa proposta tra le ventisette.

READ  Fondi europei, obiettivo della strategia aziendale

I commissari hanno unito le proposte degli Stati membri per includere misure eccezionali che consentirebbero loro di proteggere i consumatori dalle fluttuazioni del mercato del gas. Tutte le opzioni sono sul tavolo: acquisti congiunti di gas e sviluppo di sistemi di stoccaggio comuni tra gli stati della comunità…

La Spagna è un partner chiave

Tuttavia, un divieto totale del gas russo sembra molto lontano. Almeno per ora. Lo ha affermato venerdì scorso il capo della diplomazia europea, Josep Borrell, che ha affermato che Mosca fornisce il 40% del gas naturale che raggiunge l’Europa. “Dobbiamo ridurre questa dipendenza”, ha insistito Borrell.

Bruxelles ha già bussato alle porte di Stati Uniti, Qatar, Egitto e Nigeria, oltre al Giappone, uno dei principali acquirenti di gas naturale liquefatto – GNL. Anche la Spagna gioca un ruolo chiave in questo nuovo modello energetico, poiché sta concentrando in Europa una parte significativa degli impianti di rigassificazione, essenziali per la conversione del GNL in gas naturale.

La scorsa settimana la presidente Ursula von der Leyen si è recata a Madrid per incontrare il presidente Pedro Sánchez e ha sottolineato che l’UE deve migliorare le sue relazioni con la penisola. Il piano di Bruxelles prevede il collegamento del continente con gasdotti e l’invio di gasiere in Spagna, al fine di distribuire energia all’intero continente da lì.

Aumenta l’energia verde

Per ora l’approvvigionamento di questo inverno è “garantito”. In un’apparizione la scorsa settimana, il commissario per l’Energia ha annunciato che l’Unione europea aveva anche un piano di emergenza per far fronte all’interruzione delle forniture di gas russe, come parte della rappresaglia di Putin contro le sanzioni europee. Simpson ha sostenuto questa tabella di marcia sulla base della diversificazione dei fornitori, dell’efficienza energetica e della promozione delle energie rinnovabili, “che è il modo critico per raggiungere l’indipendenza energetica”.

Dopo l’incontro di ieri con il Primo Ministro italiano, Mario Draghi, von der Leyen ha anche sottolineato la necessità di spostare il mix energetico degli Stati membri verso le tecnologie rinnovabili. “Attraverso massicci investimenti nelle energie rinnovabili, vedremo come aumenterà la loro partecipazione e questo cambierà la struttura del nostro mercato”, ha sottolineato.