Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’ultimo minuto delle elezioni in Italia, in diretta | Governo spagnolo, in vista della vittoria di Meloni: “Giornata preoccupante per tutti i democratici” | Internazionale

La sinistra italiana aveva già deciso mesi fa che avrebbe preferito perdere piuttosto che accettare una coalizione

Di Inigo Dominguez. Il successo della destra in Italia, oltre all’ampio consenso ottenuto, era dovuto al fatto che era più facile per loro formare coalizioni, perché era in grado di interpretare correttamente la legge elettorale che premiava le coalizioni. Lo hanno fatto, hanno vinto, la sinistra no. Era molto chiaro che chi avesse usato meglio questa formula avrebbe vinto. In parole povere: la fazione di sinistra ha dato la vittoria a destra. Con un’alleanza paritaria, il risultato, almeno, i seggi sarebbero stati più stretti o avrebbero dato un equilibrio diverso. Ma i partiti della coalizione di destra (Fratelli d’Italia di Meloni, Lega di Salvini e Forza Italia di Berlusconi) sono divisi da meno voci e hanno meno linee rosse rispetto ai loro rivali. Incapaci di unirsi, i partiti di sinistra hanno deciso di fallire mesi fa. Sapevano che sarebbe finita così, dovevano solo aspettare un miracolo, che era un trucco molto pericoloso. O credi che la paura dell’estrema destra funzionerà per loro.

Non è una novità, già nel 2001 la spaccatura della sinistra rese possibile la vittoria della coalizione berlusconiana, degli stessi alleati, della Lega Nord e di Alleanza Nazionale, il partito di Meloni. La celebre frase del cineasta Nanni Moretti, che il giorno successivo ha tenuto una conferenza stampa a Cannes: “Berlusconi ha ringraziato tutti gli italiani per la vittoria, ma sarebbe bastato se avesse ringraziato Fausto Bertinotti”. Si riferisce al leader di Rifondazione Comunista, che ha voluto fare per la sua strada e ha sottratto alla sinistra il voto in definitiva decisivo.

READ  Mangiare pizza e visitare le città d'Italia: Panja Merino e la vacanza romantica del fidanzato Andrea Marocchino

I risultati indicano che la mini-coalizione che ha unito PT e ha ottenuto il 26% dei voti ha effettivamente raggiunto il 41% con il Movimento Cinque Stelle (15%). È vero che questa coalizione non è mai stata seriamente sul tavolo tra accuse e insulti reciproci per la caduta dell’esecutivo Draghi, ma la sfida per evitare la vittoria dell’estrema destra non ha mai avuto una realtà concreta. Per la prima volta nella storia, tutti i sondaggi puntavano. È anche vero che sono solo calcoli, e Cinco Estrellas ha addirittura battuto gli scarsi risultati dei sondaggi. Gli elettori di sinistra sono per lo più puristi e odiano le coalizioni.

Invece la coalizione del PD è da formarsi con il cosiddetto Terzo Polo, i due partiti centristi di Calenda e Renzi, che hanno ottenuto il 7%. Il problema era che la sinistra radicale si poneva il veto, i comunisti contro i centristi, e il leader del PD, Enrico Letta, aveva una coperta che non poteva tendere, o che gli copriva le gambe o la testa. Alla fine se ne andò.

Con un terzo polo il centrosinistra avrebbe aggiunto il 33%, che è ancora lontano dalla percentuale mondiale di destra, ma in ogni caso la differenza è che sarebbe stata una coalizione più competitiva e la squadra sarebbe stata più numerose. simmetrico. In molte scuole la guerra è imminente. Il sistema elettorale è importante: un terzo dei seggi in entrambe le camere è assegnato alle scuole in base all’ordine di arrivo. Il piano era importante e ha beneficiato notevolmente la coalizione di Maloney, poiché era nella lista con il maggior numero di voti in quei seggi, anche se i voti combinati dei suoi rivali erano maggiori. I concorrenti, se sono andati insieme, occupano quel posto. E qui sta gran parte del successo di Meloni. L’esempio di Roma è molto chiaro. Con questo sistema c’erano 12 seggi (9 alla Camera e 3 al Senato), e la coalizione di centrodestra ha vinto 10 seggi.

READ  Undicesimo livello del Giro d'Italia, tra una strada sterrata e alcune vette

Il centrosinistra, all’opposizione, ora deve aspettare che la destra cada nel suo stesso abuso: attaccarsi. Ma, come abbiamo visto con Berlusconi nel 2001, con un governo che è durato quasi quattro anni e il più lungo nella storia recente d’Italia, il collante del potere è così forte che offre a questo Paese l’opportunità unica di governare per meno di cinque anni. D’altra parte, l’undicesimo sistema elettorale è stato progettato proprio per questo: stabilire un governo stabile e duraturo una volta per tutte. La destra ha fin troppo bene.