Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Luis Ars ha messo la Bolivia contro la NATO alle Nazioni Unite

Luis Ars, Presidente della Bolivia (Reuters/Eduardo Muñoz)

Presidente Luigi Ars Nelle sue esibizioni all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha mostrato un pessimo carattere: Ha affermato di non voler sapere nulla dell’Unione europea e di non avere alcuna intenzione di migliorare le relazioni della Bolivia con gli Stati Uniti..

stare davanti a tutti Nato In un momento di tanta tensione causata dalle illusioni Il presidente russo Vladimir Putin E la sua sanguinosa invasione dell’Ucraina.

Per determinare meglio la sua posizione, e in modo che nessuno avesse dubbi, ebbe un incontro molto amichevole con lui Ibrahim RaisiIl presidente dell’Iran, a poche ore dalla morte del giovane a Teheran wsa aminiLa polizia della moralità l’ha uccisa perché non si copriva completamente i capelli per strada.

Ha chiuso le porte alla Nato e alle democrazie del mondo, perché forse ha dimenticato che prima della sua partenza per New York ha ricevuto le raccomandazioni del Consiglio di Sicurezza. Fondo Monetario Internazionale (FMI) Ridurre la spesa e, soprattutto, fare il possibile per attrarre investimenti esteri.

È in questo momento l’economia boliviana”.deteriorato‘, secondo l’ultima definizione dell’agenzia di rating Valutazioni Fitch Il quale, come il Fondo Monetario Internazionale, rileva l’elevato deficit fiscale e le sovvenzioni al carburante.

Il malumore del presidente si spiega con i litigi che ha avuto con l’ex presidente Evo MoralesEntrambi sono accusati di traffico di droga e corruzione mentre si decide un candidato alle elezioni del 2025.

Ha spiegato che la sua rabbia nei confronti degli europei era dovuta al fatto che, secondo il resoconto del partito al governo, l’ambasciatore dell’UE avrebbe preso parte al rovesciamento di Morales nel novembre 2019, anche se la verità è che quell’ambasciatore ha solo provveduto a evitare iscrizione. Quei giorni in cui la rivoluzione popolare chiudeva il parlamento.

READ  La Russia ha registrato più di 1.200 morti per il virus Corona per il quinto giorno consecutivo

Ora ha ricevuto immediatamente una dura risposta da Josep Borrell FontellesAlto Commissario per gli Affari Esteri dell’Unione Europea, ricordandogli che l’ambasciatore europeo si preoccupava solo di evitare la violenza e promuovere il dialogo in quei giorni del 2019.

Luis Ars all'Assemblea delle Nazioni Unite (Reuters/Eduardo Muñoz)
Luis Ars all’Assemblea delle Nazioni Unite (Reuters/Eduardo Muñoz)

Per quanto riguarda gli Stati Uniti, Ars ha affermato che quel Paese aveva complottato questo “colpo di stato”, poiché il governo decise di ricordare le dimissioni volontarie di Morales e la sua fuga precipitosa dal Paese l’11 novembre di quell’anno, temendo l’indurimento delle masse. insurrezione.

La cosa curiosa in questo caso è che Arce ora è presidente di conseguenza e grazie a quel “colpo di stato”, essendo stato eletto alle elezioni indette quando le piantagioni di coca erano in fuga e attirando l’attenzione dei governi di Messico e Argentina.

I rapporti con la dittatura iraniana sono stati il ​​risultato della stretta amicizia di Morales con l’ex Primo Ministro Mahmoud Ahmadinejad. Ha fornito al governo delle piantagioni di coca le attrezzature necessarie per un canale televisivo che ancora esiste e trasmette messaggi islamici.

Arce ha avuto incomprensioni con europei e nordamericani a New York, ma Aveva anche una contraddizione con il presidente colombiano Gustavo Petroquando ha parlato della distruzione della foresta pluviale amazzonica.

Petro afferma che questa giungla è bombardata dalle nazioni dominanti, dalla capitale, ma Arce sa che, almeno in Bolivia, la giungla viene data alle fiamme, come lo è adesso, da eserciti di coltivatori di coca agli ordini di Morales.

Arce ha elogiato la retorica roboante del colombiano contro il capitale e tutto il resto, ma il boliviano non potrebbe dissentire di più sugli autori della deforestazione.

READ  L'Ucraina annuncia di aver distrutto una nave russa e la celebra con un messaggio sarcastico

Inoltre, non ha voluto sostenere la proposta di Petro di sospendere il divieto di produzione, vendita e consumo di cocaina, e ha invece suggerito che la campagna contro la droga in America Latina dovrebbe essere “regionale”, in modo che gli scioperi non li raggiungano solo. …quelli che producono nella boscaglia, ma anche quelli che vendono droga nelle nazioni ricche.

Ha anche indebolito il fronte dei cosiddetti governi di sinistra sugli altri partiti. dopo il cileno Gabriel Borek Mantenendo la sua condanna dell’invasione russa dell’Ucraina, Arce si tolse di tasca una pretesa storica: nel 1879 anche il Cile invase il territorio boliviano in modo sorprendente e senza dichiarare guerra.

Comunque, Borek e Perù Castello di Pietro Sembravano essere i più moderati del gruppo di governanti di sinistra dell’America Latina alle Nazioni Unite.

Continuare a leggere: