Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’ufficio del procuratore generale russo ha ordinato il controllo rigoroso delle compagnie straniere che hanno annunciato la sospensione delle loro operazioni a causa dell’invasione dell’Ucraina

La Russia verificherà i conti delle società che hanno annunciato la sospensione delle loro operazioni a causa dell’invasione dell’Ucraina

Il regime di Vladimir Putin ha annunciato venerdì “Stretto controllo” delle società estere che annunciano la sospensione delle loro attività nel Paese A causa dell’intervento militare russo in Ucraina.

Il procedimento sarà svolto per il tramite della Procura della Repubblica, che curerà l’attuazione della cessazione delle attività.

“Accusa Stabiliranno un controllo rigoroso sul rispetto del diritto del lavoro, sul pagamento dei salari e sull’adempimento degli obblighi contrattuali”.Lo ha annunciato il procuratore generale in una nota.

In precedenza gli Stati Uniti lo hanno detto La Russia soffrirà se si impossessa dei beni di società straniere che lasciano il Paese, Ha avvertito che potrebbe esporsi a cause legali da quelle società.

La portavoce della Casa Bianca Jen Psaki ha risposto in questo modo alla dichiarazione di Putin, secondo la quale Il tuo governo può gestire i beni di società straniere che hanno smesso di operare in Russia Oppure lasciare il paese in risposta all’invasione dell’Ucraina.

Il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki
Il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki

Qualsiasi decisione illegale da parte della Russia di confiscare i beni di queste società porterà alla fine a maggiori sofferenze economiche per la Russia. Invierà un chiaro messaggio alla comunità imprenditoriale globale che la Russia non è un luogo sicuro in cui investire e fare affari”.

Ha aggiunto che tali mosse della Russia “potrebbero anche portare ad azioni legali da parte di società la cui proprietà è stata sequestrata”.

“Sosteniamo le aziende americane che stanno prendendo decisioni difficili sul futuro delle loro operazioni in Russia”, ha affermato la portavoce.

READ  Stanno allentando le misure contro il coronavirus ed eliminando il distanziamento sociale obbligatorio - Società

Psaki ha affermato che la decisione di rimanere o meno in Russia dovrebbe spettare a ciascuna singola azienda, ma questo La Casa Bianca “accoglie con favore” gli annunci di società che lasciano il paese a seguito dell’invasione russa dall’Ucraina.

Il Cremlino ha minacciato di confiscare le aziende che hanno lasciato la Russia e gli Stati Uniti hanno avvertito che sarebbe stato danneggiato se avesse osato
Il Cremlino ha minacciato di confiscare le aziende che hanno lasciato la Russia e gli Stati Uniti hanno avvertito che sarebbe stato danneggiato se avesse osato

La portavoce ha fatto eco ai commenti di Vladimir Potanin, il magnate metal russo, che secondo il quotidiano. Il New York Times Al-Khamis ha affermato che una tale nazionalizzazione riporterebbe il paese “100 anni indietro, al 1917” quando scoppiò la rivoluzione russa.

In un incontro con i membri del suo governo raccolto dalle agenzie russe, Putin ha chiesto di “agire con decisione” contro coloro che vorrebbero chiudere i loro stabilimenti di produzione.

Non ci chiuderemo a nessuno, siamo aperti a lavorare con tutti i nostri partner esteri che lo desiderano. “I diritti degli investitori stranieri e dei colleghi che rimangono in Russia e lavorano in modo affidabile in Russia devono essere protetti”, ha affermato il presidente russo in un incontro con i membri del governo, secondo le agenzie russe.

“Dovremo introdurre una gestione esterna e poi trasferire queste aziende a chi vuole lavorare”, ha sottolineato il leader russo, che ritiene che “ci siano strumenti legali e di mercato sufficienti”.

La Casa Bianca ha accolto con favore gli annunci di società che lasciano il Paese a seguito dell'invasione russa dell'Ucraina.
La Casa Bianca ha accolto con favore gli annunci di società che lasciano il Paese a seguito dell’invasione russa dell’Ucraina.

Commissario Pertanto, ha risposto all’uscita o alla sospensione delle operazioni in Russia di centinaia di società straniere di beni e servizi provenienti da più settori dall’inizio dell’attacco all’Ucraina il 24 febbraio.

READ  Il conflitto tra Russia e Ucraina minuto per minuto | Mosca ha annunciato l'istituzione di 12 unità militari ai suoi confini occidentali a causa della minaccia della NATO

Giovedì la banca d’investimento Goldman Sachs ha annunciato la sospensione delle sue attività in Russia, diventando la prima grande banca di Wall Street ad annunciare la misura.

Mercoledì i marchi più famosi degli Stati Uniti e della cultura del capitalismo, come Coca Cola, McDonald’s o Starbucks, hanno annunciato quasi all’unisono che avrebbero sospeso le operazioni in quel Paese.

Inoltre, negli ultimi giorni, le principali società tecnologiche – Google, Meta (Facebook), Apple o YouTube hanno sospeso i loro servizi sul territorio russo, così come le società di pagamento internazionali Visa e Mastercard, la multinazionale di mobili Ikea o Nestlé food.

(Con informazioni da EFE)

Continuare a leggere: