Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’ufficio del procuratore degli Stati Uniti ha chiesto di ritirare sette delle otto accuse di riciclaggio di denaro contro Alex Saab, il frontman di Nicolas Maduro.

Alex Saab in carcere durante un’udienza con il giudice O. Sullivan (Corte federale della Florida)

L’ufficio del procuratore degli Stati Uniti ha chiesto lunedì alla corte di Miami Sette delle otto accuse di riciclaggio di denaro affrontate dall’uomo d’affari colombiano-venezuelano Alex Saab sono state respinte, il presunto frontman del dittatore venezuelano, Nicola Maduro.

Procuratore Generale degli Stati Uniti Kurt Lunkenheimer Richiesta di far cadere le sette accuse di riciclaggio di denaro e Lasciando solo cospirazione per commettere questo reato sulla base delle “garanzie date alla Repubblica di Capo Verde durante il processo di estradizione”, che è stato completato il 16 ottobre con l’arrivo di Saab a Miami.

nei loro social network giornalista venezuelano Roberto Deniz, perseguitato dalla dittatura chavista a causa delle sue indagini sul caso Saab, ha spiegato che questa richiesta faceva parte dell'”accordo delle autorità statunitensi con Capo Verde”: “Altrimenti la potenziale pena negli Stati Uniti supererebbe la pena massima a Capo Verde e questo non soddisfa i criteri di estradizione”.

La mozione è stata presentata da Lunkenheimer lunedì, il giorno in cui è stata fissata un’udienza in cui le otto accuse dovevano essere lette su Saab, La procedura è stata rinviata al 15 novembre.

L’Ufficio del Procuratore Generale osserva nel documento di sintesi pubblicato nel sistema giudiziario elettronico degli Stati Uniti che La petizione include solo Saab, non l’altro coinvolto, in riferimento all’uomo d’affari colombiano Alvaro Pulido, inseriti nello stesso procedimento penale.

Invia la domanda al tribunale di Miami
Invia la domanda al tribunale di Miami

SABB è accusato di sette capi d’accusa di riciclaggio di denaro e un conteggio di cospirazione per commettere tale crimine.

READ  La Russia stabilisce un altro record giornaliero di morti per COVID durante le ferie pagate di Vladimir Putin

Secondo l’accusa, dal maggio 2019, più di un anno prima di essere sequestrata a Capo Verde a causa di un ordine emesso dall’Interpol, Saab è stata oggetto di sanzioni da parte dell’Office of Foreign Assets Control (OFAC, in inglese) degli Stati Uniti. Dipartimento di Stato. dal tesoro.

I pubblici ministeri lo considerano Ho riciclato più di 350 milioni di dollari per pagare la corruzione del dittatore venezuelano attraverso il sistema finanziario statunitense.

La stampa non è riuscita a raggiungere la data odierna tramite Zoom o di persona il 18 ottobre.

Riguardo alla sessione presieduta oggi dal First Endowment Judge Edwin J. Torres, non c’erano dettagli.

Gli archivi della Corte degli Stati Uniti hanno diffuso oggi anche un documento firmato da Saab e dal suo avvocato, Henry BellLunedì, l’uomo d’affari colombiano si è dimesso per apparire di persona e nella versione online del pubblico attraverso la piattaforma Zoom.

Alla sessione in cui un avvocato difficile ha firmato l’agenzia EFE colui il quale Si dichiarerebbe non colpevoleAnche la difesa avrebbe dovuto chiedere la cauzione.

però, Tutte queste misure non saranno attuate fino al 15 novembre.

C'è grande preoccupazione all'interno della dittatura venezuelana per le informazioni che Alex Saab potrebbe fornire al Distretto Nordamericano (EFE)
C’è grande preoccupazione all’interno della dittatura venezuelana per le informazioni che Alex Saab potrebbe fornire al Distretto Nordamericano (EFE)

Saab, 49 anni, è stata consegnata il 16 ottobre dall’arcipelago africano di Capo Verde Da allora è stato rinchiuso in una prigione federale della Florida in attesa di processo, dove è stato accusato di otto capi di riciclaggio di denaro con l’uomo d’affari colombiano Alvaro Pulido.

Per il colombiano, che si presume sia un latitante in Venezuela, secondo il governo degli Stati Uniti, c’è una ricompensa di 10 milioni di dollari per chiunque aiuti con informazioni su dove si trova.

READ  Nonostante il divieto della dittatura di Castro, l'opposizione cubana ha ratificato la manifestazione del 15 novembre

Il regime venezuelano, che sostiene che Saab godesse dell’immunità diplomatica quando fu detenuto a Capo Verde, Ha dimostrato il suo rifiuto all’estradizione sospendendo unilateralmente il dialogo che aveva con l’opposizione in Messico.

Saab era stato precedentemente nominato in contumacia come rappresentante del governo in quei colloqui.

Mentre l’esilio venezuelano negli Stati Uniti confida che l’uomo d’affari colombiano collaborerà con la giustizia nordamericana e quindi smaschererà la vasta rete di corruzione della dittatura di Maduro, I funzionari di Caracas e la moglie dell’uomo d’affari insistono sul fatto che non si “inchinerà”.

Con informazioni da EFE

Continuare a leggere: