Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’ossessione di Paolo Rocca per il rapporto commerciale con la Cina | Parla all’anniversario della fondazione dell’Osservatorio per le PMI sponsorizzato da Techint

In Indonesia, il presidente Alberto Fernandez ha dato la priorità a un incontro bilaterale con il suo omologo cinese Xi Jinping al punto da farne la sua unica attività della giornata. dopo essere stato risarcito che lo ha costretto a trascorrere sei ore in un ospedale dell’isola; Dall’altra parte del mondo, sul palco dell’aula magna della Facoltà di Scienze Economiche dell’UBA, Paolo Rocca, titolare di Techint, si è espresso con il governo, criticando aspramente il rapporto commerciale con la Cina.

“là Processo pre-economico in alcuni paesi latinoamericani guidato dalle caratteristiche dell’economia cineseassetato di materie prime e ambizioso di conquistare mercati per i suoi prodotti industriali”, ha ricordato il titolare di Techint in apertura del convegno della Fundación Observatorio Pyme da lui sponsorizzato. Come ha fatto nella maggior parte delle sue apparizioni pubbliche, Roca ha evitato i riferimenti alla situazione locale , ma non poteva prescindere dalla critica ossessiva che portava da anni : Rapporti commerciali tra Argentina e Cina.

ossessione che ha Un’attenzione particolare, che richiede suggerimenti protezionistici per il tuo business Ad un certo punto della costruzione dei gasdotti per ridurre le importazioni e iniziare ad esportare energia. Sebbene negli ultimi anni Roca abbia combattuto varie battaglie con i cinesi, la più simbolica è stata la costruzione di tubi per l’installazione di gasdotti a Córdoba nel 2016. La provincia ha cercato di acquistare tubi cinesi a un prezzo più competitivo di quello offerto da Techint e questo è ciò che ha spinto la deputata Elisa Carrillo a chiedergli: “Sai che odio Roca, ma i cinesi lo fanno”, ha ammesso.

Davanti a una sala gremita da circa 500 imprenditori, e sotto l’ascolto attento di Jaime Campos dell’Associazione Imprenditori Argentina e Cristiano Razzazi di Fiat, Rocca ha parlato del “doloroso” cambiamento globale provocato dalla pandemia. C’è un cambiamento nell’equilibrio politico fondamentale. Ha sottolineato che l’attore principale di questo processo di trasformazione è la Cina, che rappresenta il 28 per cento della produzione industriale globale e ha una crescita straordinaria del commercio mondiale, “con un’influenza tutt’altro che neutra sulle società occidentali e sulla classe media”.

READ  Negligenza, corruzione ed esperimenti controversi: la commissione che ha indagato sull'epidemia in Brasile ha presentato i suoi preoccupanti risultati

Secondo Rocca, “la regione dovrebbe cogliere l’opportunità di ridisegnare la catena del valore in paesi che possono dare dipendenza, rigidità e catena del valore occidentale” e ha lasciato un messaggio alle 40mila Pmi che riforniscono il gruppo: “Abbiamo chiesto loro cosa catene su cui sono supportati e vedere come possiamo contribuire alla riorganizzazione di questa serie”

Roca ha anche risposto all’ambasciatore argentino negli Stati Uniti, Jorge Argüello, che pochi minuti prima aveva preso parte al discorso di apertura del 25° compleanno della FOP. Attraverso un videoclip registrato dall’Indonesia, dove accompagna il presidente Alberto Fernandez al vertice del G20, ha indicato che non c’è dubbio che esista un mondo bipolare, formato da Stati Uniti e Cina, la cui “concorrenza rafforza la disputa sulle materie prime “Strategico e raro. Che è quello che noi chiamiamo il passaggio dominante tra Washington e Pechino”, lo ha descritto e ha sottolineato che l’Argentina “deve muoversi con molta attenzione nelle sue relazioni economiche, perché entrambi hanno una presenza importante in America Latina.

Sebbene la discussione sulla situazione sia stata ridotta al limite, quasi trenta minuti dello spettacolo hanno lasciato un titolo: “L’Argentina non è il Venezuela, né Cuba, né il Nicaragua. Ad un certo punto l’economia tornerà alla normalità. Confermato”.

La lotta per il 5g

“Dobbiamo avere 5 grammi che non dipendano dalla Cina, perché i paesi devono prendere decisioni tecnologiche che non li mettano a rischio di dipendere da un paese”, ha affermato. In questo modo, uno degli uomini d’affari più potenti del Paese è entrato nella disputa che Stati Uniti e Cina rimandavano da tanto tempo. tecnologia Telefonia cellulare 5G, guidata dall’azienda cinese Huawei, che consente a più dispositivi di connettersi più velocemente rispetto all’attuale 4G.

READ  Elezioni in Cile: i cileni puniscono i partiti politici per aver eletto i propri elettori | internazionale

Sia Donald Trump che Joe Biden sono stati responsabili di aver criticato Huawei per la sua mancanza di sicurezza nei dati e nelle apparecchiature, sebbene la ferita principale sia che è un’azienda al suo interno. Nessuna azienda nordamericana dispone di soluzioni così complete come quelle offerte da HuaweiE il ZTE finlandese o Nokia o Ericsson svedese.