Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico raccomanda di aumentare il salario minimo per aiutare i più vulnerabili a combattere l’inflazione

Il Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico) raccomanda di favorire l’aumento del paga meno Per aiutare di più le famiglie vulnerabile Per resistere a salite e discese meglio salire inflazione Flusso. Inoltre, assicurano che questa escursione debba essere accompagnata da altri Benefici sociali per compensare l’aumento dei costi energia.

In un rapporto dedicato ai salari minimi in questi tempi di inflazione, pubblicato venerdì, l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico ha sottolineato che “diversi paesi” hanno spazio “per andare dietro livelli retributivi attuali” e tutelare così i lavoratori “a rischio”, almeno in parte, a causa dell’aumento dei prezzi.

L’organizzazione non dice quali siano questi paesi, ma ne fornisce alcuni brani suggerimenti. Uno è confrontarlo in termini relativi – in ciascuno dei 30 dei suoi 38 Stati membri in cui esiste un salario minimo nazionale – con media salarialecioè con il salario inferiore al 50% dei lavoratori e l’altro 50% superiore.

In media, il salario minimo OCSE è il 55% della media, anche se questa cifra varia notevolmente, da oltre il 70% in Colombia (92%), Costa Rica (81%), Peperoncino (72%) e tacchino (70%) a solo il 29% in stato unito.

Spagna Al di sotto della media, al 48%, un tasso in forte aumento dal 2005 (allora era del 37%), ma ancora inferiore a quello di altri grandi paesi europei come Germania (51%), Regno Unito (57%) o Francia (61%).

Perdita di potere d’acquisto

Gli autori dello studio discutono anche della perdita potere d’acquisto dei salari minimi in dodici paesi membri tra la fine del 2020 e settembre 2022. Il calo in termini reali è particolarmente forte (più del 10%) negli Stati Uniti, dove non vi è stata alcuna rivalutazione in quei sette trimestri, e nel olandese.

READ  Draghi concorda con l'Algeria di importare il 50% in più di gas mentre Sanchez si arrende al Marocco

La perdita di potere d’acquisto è superiore al 5% in Spagna

Perdita di potere d’acquisto più alto al 5% in Spagna (l’aumento del salario minimo del 5,3% a gennaio non ha consentito di compensare l’effetto dell’inflazione) e in PoloniaMentre oscilla tra lo 0 e il 5% in Germania, Grecia, Regno Unito e Giappone.

Di fronte a ciò, il potere d’acquisto del salario minimo è stato mantenuto Australia È aumentato tra lo 0 e il 5% in BelgioFrancia e, soprattutto, in Cile, dove il salario minimo ha registrato tre incrementi nel periodo considerato (3,2% a maggio 2021, 12,8% a maggio 2022 e 5,3% ad agosto 2021). 2022).

Segni di rallentamento, indebolimento

D’altra parte, l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico lo ha indicato questo giovedì I segnali di un rallentamento economico si stanno attenuando In Spagna. L’indice di novembre è sceso di duecento ed è ancora a 97,56 punti. La scala rimane a sotto Il livello 100 che definisce la media a lungo termine. È il più piccolo calo in più di un anno.

Alcuni segnali persistono nella maggior parte dei grandi paesi sviluppati, con notevoli eccezioni Giapponeche, pur calando leggermente di sette centesimi, rimane comunque a 101,21 punti.

Le riduzioni delle statistiche sono state dell’11 percento per gli Stati Uniti (a 98,44 punti) e del 27 per gli Stati Uniti. Canada (a 97,36 punti), 13° per il Regno Unito (94,53), 24° per la Germania (97,94 punti), 17° per il Regno Unito Italia (97,07) o sette per la Francia (97,71).