Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Lo Stretto di Gibilterra divenne il principale teatro delle operazioni durante la seconda guerra mondiale”

per anni Britannico Presero il controllo del loro impero con la loro temibile marina, la Royal Navy, come racconta la canzone popolare: Domina la Gran Bretagna! La Gran Bretagna governa le onde (Regola, Britannia! Britannia governa le onde.) in occasione seconda guerra mondiale Presenza britannica in mare Il Mar Mediterraneo Attraverso le loro enclavi strategiche (Malta, Alessandria e Gibilterra) le forze dell’Asse hanno ostacolato: Germania nazista e il Italia fascista. La sua superiorità era tale che, a meno che non fosse sul punto di crollare, l’unico modo per danneggiarla era “colpirla ai bordi”, secondo il romanzo. Squadriglia Alfonso Sanchez.

questo è il modo Chiudere È diventata un’area di conflitto molto importante, diventando per un po’ la principale teatro delle operazioni delle potenze belligeranti. Reggia Marina italiana, che ha visto Marie Nostrom Come spazio naturale per lo sviluppo operativo, è stato proposto di contrastare il dominio britannico attaccando i loro convogli militari e le terre coloniali. In questa atmosfera di conflitto giunsero a Campo de Gibraltar Italiani del decimo.



Squadriglia Alfonso Sanchez (La Línea de la Concepción, 5 ottobre 1961) è una storica e ricercatrice laureata in discipline umanistiche e da allora 1989 Ha sviluppato la sua attività pratica in vari centri nell’ambito del Consiglio Militare Andaluso, ma se qualcosa si sa, è per lui Il volto dell’inchiesta Sui temi legati alla seconda guerra mondiale, un tema che l’autore si toglie di mezzo: “Sono ventiquattro ore al giorno, sette giorni alla settimana e 365 giorni all’anno”, sottolinea il ricercatore di Linea.

Il suo lavoro più recente è Obiettivo di Gibilterra. Tra il piano G e l’operazione Felix (2021)a cura della Fondazione Don Rodrigo, dove l’autore dimostra Il ruolo di Franco della Spagna Durante la guerra mondiale si interroga sull’importanza strategica dell’Operazione Gibilterra.

Questa volta il ricercatore porta un file Nuovo lavoro nel diario sud Europache avrà una versione sotto forma di Edizioni settimanali, ogni mercoledì. Il ricercatore ritiene che sia “bello e suggestivo” poter riprendere la collaborazione con questo giornale, tra cui Impegno per la storia della regioneper mettere “questo frutto a disposizione di Campogibraltareños”, come aveva fatto in precedenza con il suo libro All’ombra della roccia. La seconda guerra mondiale da Campo de Gibraltar (1997).

Il famoso romanzo dello scrittore Arturo Perez Reverte Italiano (2021) ha pubblicato la storia di queste spie della Decima Compagnia nel Golfo di Algeciras. letteraturaCome sempre, si ispira alla realtà e per renderla più appetibile si prendono le licenze che gli autori ritengano idonee. però, Lo storico di Lenin È caratterizzato dal sentimentalismo di “Incredibile, ma la realtà è completamente oltre l’immaginazione, tutto ciò che puoi immaginare è oltre”. Per Alfonso Escodra, che sta cercando di stare lontano da soap opera e serie per non risentirne, La cosa veramente importante è “restaurare la vera storia Da ciascuno dei personaggi che hanno recitato in esso.”

READ  Ómicron: i quattro dati più rivelatori finora sulla nuova alternativa al virus Corona che preoccupa il mondo

All’inizio, l’autore di La Lina si sentì attratto mezzi tecnici -quasi sperimentale- con cui questi italiani hanno giocato il genere nelle loro operazioni. Quando ha visto che la trama faceva parte del suo sviluppo in Spagna Ha chiesto: “Cosa stava succedendo? Qual era il quadro? Dov’erano le autorità spagnole? Cosa è successo alla sorveglianza costiera? Queste domande lo hanno spinto ad avviare una ricerca approfondita delle fonti”.

“Come ti senti per uno dei subacquei da combattimento che ha attaccato Gibilterra così tante volte?”

“Come ti senti di fronte a qualcuno? I subacquei combattono Chi ha attaccato Gibilterra in due occasioni? ” Squadriglia Alfonso Mentre sorride mentre ricorda quei momenti, aggiunge: “Stai davanti a lui e rompi quella barriera, rompi il ghiaccio, ecco, questa è la sfida”. Testimonianze orali Dei personaggi principali è uno dei contributi più rivelatori e freschi al lavoro, ma il ragazzo di La Lina è andato molto oltre. Le fonti utilizzate per condurre la ricerca sono abbondanti: la documentazione Ufficio Storico della Marina Militare in RomaIl Museo Marittimo La Speziale collezioni private di alcuni personaggi (Notari, Ramonino, Giari, Berndelli, ecc.), le memorie inedite degli eroi, gli elenchi di onorati di alto rango per le loro azioni contro Gibilterra, l’emeroteca dell’epoca, fotografie e mappe cartografiche .

“Abbiamo vissuto molto della storia britannica e americana della seconda guerra mondiale”

L’azione della squadra viene per dare Una prospettiva nuova e ricca Un evento che potrebbe essere passato inosservato, anche sulla scena internazionale. “Abbiamo vissuto a lungo. Storia britannica e americana della seconda guerra mondiale”, sottolinea l’autore sottolineando la necessità di una critica storica. Gli stessi italiani erano consapevoli di questa situazione, e ricordavano le loro azioni soprattutto con grande orgoglio e un certo desiderio di dimostrare la loro falsa fama di cattivi guerrieri. Come risultato della propaganda di guerra, questi soldati non meritavano il riconoscimento o la fama che i loro nemici se ne rendevano conto.

READ  covid oggi | variante omicron e certificato covid, live last minute

Questo gruppo di intrepidi italiani trascorse tre anni 1940 un 1943intorno alla roccia. Era il suo capitano Giulio Valerio Borges, “Condottieri in senso storico e poetico”, secondo Escodra Sánchez. azienda Flusso XSeitiglia MAS (Mezzi Assalto Sottomarini)conosciuto come Decimoera composto da: Visintini, Borghesse, Ramognino, Notari, Tessei, Giari, Birindelli e tanti altri, che affronteranno la sfida di distruggere H. forza Royal Navy, che era a Gibilterra.

La forza H era composta dalla chiatta maleseincrociatore da battaglia Famaincrociatore leggero SheffieldVettore Arca Reale e dieci cacciatorpediniere. Per contrastarli, usarono gli italiani Postayo (siluri umani). I subacquei a bordo di questo siluro sottomarino attaccano le barche di sorpresa, una tattica apparentemente semplice anche se l’autore osserva che “quando è stato applicato, hanno avuto complicazioni infinite e un errore potrebbe portare alla morte”.

Processi subordinare mezzi d’assalto Contro la base di Gibilterra si verificano in più fasi “, osserva lo storico. Inizialmente, gli italiani svolgono le loro operazioni e tornano in Italia con l’aiuto di agenti dei servizi segreti navali, che ne hanno facilitato il ritorno. Dalle spiagge spagnole. per 1942 La nave mercantile entra in funzione Ultrache si rifugiò nel porto di Algeciras dall’inizio della guerra. Il Ultra Sarà base segreta Durevole per gli equipaggi dei siluri con equipaggio. finalmente, Italiani del decimo si sono sistemati Villa Carmelachalet Ponte Mayorgache non era solo utilizzato come posto di osservazione, ma come punto d’appoggio per i subacquei.

“Utilizzavano principalmente persone legate alla colonia italiana e in qualche modo erano collegate tramite il viceconsolato italiano ad Algeciras”

Questi marinai italiani avranno dei collaboratori? banda Sanchez Spiega: “Si servivano principalmente di persone legate alla colonia italiana ed erano collegate in un modo o nell’altro attraverso il viceconsolato italiano ad Algeciras, e questo non significa che alcune delle figure chiave di questa rete italiana non fossero in contatto con quelle responsabile di Servizi di intelligence spagnoliche a sua volta aveva un’importante rete di persone, compresi i lavoratori spagnoli che lavoravano a Gibilterra, e quindi aveva accesso alla base militare, compreso l’arsenale e le strutture. ”

READ  Sud Sudan: l'OMS indaga su una misteriosa malattia che ha già ucciso 97 persone e colpisce soprattutto i bambini

Durante i tre anni c’è stato Combattimento eroico e silenzioso, mortale e pieno di rispetto per il nemico. All’inizio gli inglesi non erano a conoscenza dell’esistenza di MayaMa dopo l’attacco e l’affondamento delle corazzate HMS Viant S Sua Maestà la Regina Elisabetta in 1941 “Sono venuti a conoscenza della minaccia in particolare a Gibilterra e in altri porti del Mediterraneo, Alessandria o Malta, e hanno iniziato a combattere questa minaccia; vengono adottate misure di sicurezza che complicano ulteriormente le operazioni”, afferma Escuadra Sanchez.

Fino a 1943Quando l’Italia esce dal conflitto, nasce una specie di corsa alle armi tecniche e allo spionaggio Postayo Da X MA S e gruppo di difesa antisommergibile Britannico. L’autore, pur conoscendo tutti i dettagli militari della guerra mondiale, assicura che con questa serie lo è Fingere di vedere un volto umano E non tutto resta in questioni tattiche.

La squadra di Sanchez ricorda le lettere che hanno inviato ai loro parenti prima di morire, come si relazionavano tra loro e con i loro nemici, con i quali nutrivano grande rispetto. Non dimentica di sottolineare che, nonostante la fascia d’età e le esperienze evidenti, è stato molto facile sentirsi vicino a loro “dal punto di vista culturale e in Atteggiamento verso la vitaTuttavia, preferisce lasciare ai lettori fino alla fine della serie per trarre le proprie conclusioni.

“Alcuni saranno sorpresi dagli edifici che usciranno, gli edifici che di solito passano senza che nessuno se ne accorga”

Lo scrittore respinge la “dannata idea” che il nostro territorio non abbia storia: “Alcuni saranno sorpresi dagli edifici che ne usciranno, gli edifici che di solito passano inosservati”, ha detto. banda Sanchez. Attraverso il materiale che ha raccolto per questa serie, spera di poter sviluppare un percorso per Maya, Rendi visitabili molti punti storici, come hai già fatto con Heritage Guide Cantieri e bunker dell’operazione Felix (2022), A cura del Commonwealth di Campo de Gibraltar. Escuadra Sánchez lascia aperta la possibilità di un’appendice alla fine del suo libro che consiste in un percorso per conoscere la regione attraverso la sua storia. Italiani del decimo