Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Lo strano segnale radio galattico ha sconcertato gli astronomi

Interpretazione artistica di un segnale radio in forma di chiave.

Nel corso del 2020, gli astronomi australiani hanno rilevato una misteriosa banda di onde radio proveniente da qualche parte vicino al centro del pianeta. galassia. Ma quando il team ha diretto e addestrato uno strumento più sensibile alla fonte, lo ha rilevato solo una volta prima che scomparisse e si è comportato in modo diverso rispetto a prima. Il riferimento è descritto in un articolo pubblicato su Giornale Astrofisico.

La caratteristica più strana di questo nuovo segnale è che ha una polarizzazione molto alta. Ciò significa che la sua luce oscilla in una sola direzione, ma quella direzione ruota nel tempo”, ha affermato Ziteng Wang, astrofisico dell’Università di Sydney e autore principale del nuovo studio, in pubblicazione dall’Università. In altre parole, le onde radio andavano sulla Terra a intermittenza, senza alcun tipo di ritmo o impulso. E da quando sono stati avvistati, la corsia si è raffreddata.

Il segnale è stato rilevato utilizzando un sistema su un array di chilometri quadrati in Australia’s Pathfinder (Aussie square kilometro array, o ASKAP), un radiotelescopio con sede nell’estremamente remoto Australia occidentale. Il misterioso oggetto che ha prodotto il segnale, ASKAP J173608.2-321635, prende il nome dal telescopio che lo ha trovato e dalle sue coordinate nel cielo.

“Questo oggetto era unico in quanto è iniziato invisibile, è diventato lucido, opaco e poi è riapparso. Questo comportamento era insolito”, ha detto Tara Murphy, astrofisica dell’Università di Sydney e co-autrice della ricerca, nella stessa dichiarazione.

Quando la sorgente radio è stata spenta, il team ha controllato lo spettro della luce visibile e non ha trovato nulla. Hanno anche usato un radiotelescopio Diverso, che non ha trovato nulla. Ma in seguito, utilizzando il radiotelescopio MeerKAT in Sud Africa, il team ha finalmente visto di nuovo l’oggetto, ma era sparito nel giro di un giorno. I ricercatori non lo hanno più visto da allora.

La Via Lattea vista dall'Uruguay.  La sorgente radio proveniva da vicino al centro della galassia.

La Via Lattea vista dall’Uruguay. La sorgente radio proveniva da vicino al centro della galassia.
Foto: Mariana Suarez/AFP (Getty Images)

Per quanto riguarda il motivo per cui la sorgente ha smesso di emettere, potrebbe essere qualcosa legato all’instabilità nel campo magnetico. David Kaplan, coautore del documento di ricerca e astrofisico presso l’Università del Wisconsin-Milwaukee, ha affermato in una e-mail a Gizmodo. “Succede con il nostro sole, con magnetar e altri tipi di corpi. Quindi, non si ferma molto, perché trasmette solo in modo intermittente (il più delle volte è spento).O).

I ricercatori hanno alcune idee sulla provenienza della radio, ma non sono sicuri di quale. Il modello delle onde radio è simile a una classe di oggetti chiamati Transitori Radio del Centro Galattico, sebbene ci siano anche alcune differenze. I Transitori Radio del Centro Galattico non sono qualcosa di specifico, ma piuttosto un gruppo di oggetti che emettono radio attorno al centro della Via Lattea che non hanno una particolare identità.

A causa delle caratteristiche della sua esplosione, il team inizialmente pensava che ASKAP J173608.2-321635 potesse essere una pulsar, una stella morta rotante la cui luminosità cambia regolarmente per gli osservatori sulla Terra. Ma le fluttuazioni di luminosità di questo oggetto non erano uniformi e la sua mancanza di altre onde elettromagnetiche significa che non sembra una piccola nana bruna o magnetico Molto magnetico. Kaplan ha detto che potrebbe essere stata una pulsar “aliena”, ma il team non saprà con certezza i dati attuali.

Anche se ASKAP J173608.2-321635 non viene più visto, si aspettano osservazioni future per determinare se l’oggetto è la regola o l’eccezione, cioè se la sorgente è il primo di una classe di oggetti non ancora osservati o qualcosa del genere. Diverso.

Invece di saltare da un radiotelescopio all’altro in futuro, il team spera di utilizzare matrice di chilometri quadrati (SK), il radiotelescopio più grande del mondo con 130.000 antenne, per le tue future osservazioni di sorgenti radio lontane. La matrice dovrebbe iniziare le osservazioni scientifiche di routine alla fine di questo decennio.

READ  Switch dinamico retrocompatibile con risoluzione 4K e 60 fps su Xbox Series X, rimisurazione 4K e 60 fps su PS5