Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Italia usa i fondi europei per salvare i villaggi abbandonati

Prima modifica: Ultima modifica:

Galacio (Italia) (AFP) – I vicoli sono tranquilli e i gatti vagano tra le case abbandonate della città italiana di Galacio, e la vista dalle mura del castello è così meravigliosa che aiuta a salvarlo.

Per rilanciare la comunità, le autorità locali scommettono 20 milioni di euro (22 milioni di dollari) su un piano di salvataggio post-europeo del governo per riabilitare le rovine e il turismo, con l’Italia il primo beneficiario con 191,5 miliardi di euro. 2021-2026.

Situato tra le montagne innevate dell’Abruzzo, a est di Roma, Galacio è uno dei 21 paesi abbandonati selezionati per beneficiare di una donazione totale di 420 milioni di euro proposta dal governo di Mario Draghi.

Tuttavia, alcune voci mettono in dubbio la capacità di questi piccoli comuni di gestire tali somme prima della scadenza del 2026.

Due persone camminano attraverso la città italiana di Roca Galacio il 29 marzo 2022. Filippo Montiford AFP

In molte regioni, questo programma nazionale sta creando tensioni tra le persone prese di mira ed emarginate, sollevando timori per sprechi e frodi.

Il sindaco di Galacio Paulo Baldi respinge queste preoccupazioni. “Vogliamo rivitalizzare la città”, ha spiegato questa ex guida alpina di Roma, tornata in AFP con la famiglia nel 1993 per recuperare una casa abbandonata.

Kalacio, un tempo fiorente nel commercio della lana, è passato da 2.000 persone all’inizio del XX secolo a 130 oggi, tutte anziane. Durante i mesi invernali ci sono solo 70 residenti.

29 marzo 2022 Un pastore pasce le sue pecore a Galacio, in Italia.
29 marzo 2022 Un pastore pasce le sue pecore a Galacio, in Italia. Filippo Montiford AFP

Solo tre nascite sono state registrate in questa città negli ultimi 12 anni e non c’è un negozio di alimentari o una scuola.

READ  Le proteste contro le tessere sanitarie in Italia sono diventate violente

Pastori e formaggi

Il suo vecchio castello attira invece circa 100.000 turisti all’anno, e il sindaco vuole destinare una buona parte del fondo, oltre 4,4,6 milioni, per riparare i danni causati dal devastante terremoto del 2009.

Il fondo sarà investito nella creazione di posti di lavoro e nell’attrarre nuovi visitatori, con 77,5 milioni per migliorare le infrastrutture alberghiere in diverse case abbandonate della città e un altro milione per un museo.

Castello della città italiana di Roca Galacio nella foto del 29 marzo 2022
Castello della città italiana di Roca Galacio nella foto del 29 marzo 2022 Filippo Montiford AFP

I residenti sperano che tali progetti attirino le giovani famiglie a intraprendere nuove attività.

“Sapete qual è stato il più grande evento al Galacio quest’anno? È nato un bambino”, ha detto il vicino Walter Zara all’AFP.

Il ministro della Cultura Tario Francischini si aspetta da un piano del genere per riprendere il turismo nelle aree bisognose, soprattutto nel sud povero, e per ridurre la pressione su luoghi soffocanti come Venezia per affrontare il turismo di massa.

“La vera ricchezza dell’Italia vive oggi in queste piccole città”, ha detto Baldi, osservando che molte di esse diventeranno ora una “economia in forte espansione” in declino.

29 marzo 2022 All'ingresso della città italiana di Roca Galacio, un uomo lavora su una sedia a rotelle.
29 marzo 2022 All’ingresso della città italiana di Roca Galacio, un uomo lavora su una sedia a rotelle. Filippo Montiford AFP

C’è un centro di formazione per pastori a Galacio per insegnare ai giovani l’arte di andare con le mandrie nei pascoli durante la stagione calda.

Questi fondi saranno utilizzati anche per aumentare la produzione di formaggio. La zona è molto orgogliosa del marsupiale, che è un formaggio tradizionale a base di vermi vivi che ammorbidiscono la pasta fino agli acidi dello stomaco.

READ  L'Italia analizza la riapertura dei locali notturni per i vaccinati contro il virus corona e per coloro che forniscono PCR negativa

Dominico Chicone, 78 anni, ha iniziato la sua carriera di pastore all’età di 10 anni, scettico sulla potenziale influenza del trasferimento nell’attrarre i giovani alla professione.

Suo figlio e sua moglie aiutano il gregge, ma la mancanza di pastori di nuova generazione nella prossima estate lo costrinse a vendere la maggior parte del suo bestiame.

“È un lavoro duro, deve piacerti. Se il tempo è brutto, non puoi fare a meno di una festa la domenica”, ha spiegato all’AFP.

“Un uomo di 20 anni che bada alle pecore tutto il giorno non ha molte possibilità con le donne”, ha scherzato.