Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Italia riapre il dibattito sulla concessione della cittadinanza ai figli dei migranti

L’Italia ha più di un milione di minori stranieri, pari all’11,5% della popolazione residente nel Paese di età inferiore ai 18 anni. Le scuole italiane hanno più di 870.000 studenti di origine straniera, di cui due terzi nati nel territorio. Studiano in Italia, vanno dal dottore in Italia, giocano con gli italiani. Ma non godono degli stessi diritti dei loro coetanei.

In questi giorni l’Italia ha rianimato un vecchio dibattito: come risolvere il crocevia di milioni di figli di migranti apolidi. Al via il dibattito sul disegno di legge da presentare in Parlamento SCUOLA DEGLI OCCHI , cioè un diritto nazionale per i minori – nati nel Paese e arrivati ​​prima dei 12 anni – dopo aver completato i cinque anni di scolarizzazione. Questa è l’ultima di una serie di proposte che sono state dibattute nel corso degli anni ma che non hanno avuto successo a causa della forte opposizione della destra.

Ora è in vigore ‘ius sanguinis’, che dà la cittadinanza a chi ha sangue italiano

Praticamente una legge trentennale Sanguni al succo . Puoi richiedere la cittadinanza dimostrando di avere sangue italiano, ma di non essere residente o nato nel Paese. Possono richiedere la cittadinanza i nati in Italia da genitori non italiani se hanno vissuto ininterrottamente nella penisola fino al raggiungimento della maggiore età. Possono iniziare a ricevere documenti solo dopo aver compiuto 18 anni. Se non sono nati in Italia, devono seguire la stessa procedura dei genitori. Ciò significa vivere legalmente per almeno dieci anni – e soddisfare determinati requisiti – o sposare un italiano. Ci sono alcune eccezioni, come Rami Shehada e Adam El Hamami, che all’età di 13 e 12 anni hanno nascosto i loro telefoni e hanno potuto denunciare il dirottamento dell’autobus su cui stavano viaggiando con i loro compagni e il suo scopo. Driver per dargli fuoco. Fu loro concessa la cittadinanza per i loro meriti civili.

READ  L'Italia ricorda 30 anni dopo l'omicidio del giudice antimafia Porcellino

Per Giuseppe Brescia, Vice Presidente del Movimento 5 Stelle (M5E). SCUOLA DEGLI OCCHI , che è un “paradosso assurdo”. “Chi non ha mai messo piede in Italia e non scopre un rapporto distante con i nostri figli che vanno a scuola con più diritti può essere dall’altra parte del mondo”, spiega a questo giornale. “La società è cambiata molto dal 1992”, insiste. All’epoca l’obiettivo era mantenere i contatti con gli immigrati italiani, e ora l’Italia è un Paese con molti immigrati che, ad esempio, non possono accedere alle elezioni pubbliche né votare.

Ma, come è già successo, la questione ha scatenato una battaglia politica. In particolare, partiti di estrema destra come M5E e Pd, che appoggiano la mozione, e Lega o Fratelli d’Italia, si sono opposti alla concessione di privilegi agli immigrati. “È pazzesco perché garantirebbe la nazionalità a tutti i criminali di gruppo, mentre i bambini stranieri che vanno a scuola hanno già garantiti i loro diritti”, ha criticato il presidente della Lega, Matteo Salvini. Il suo partito ha presentato 1.500 emendamenti per bloccare l’approvazione del disegno di legge.

Nel 2015 la sinistra ha già provato a partire Solo Cloe (proprietà fondiaria) concessione della cittadinanza ai nati in Italia da genitori immigrati residenti. Allo stesso modo, un altro progetto successivo non ha avuto successo Cultura Aius (Diritto alla cultura), che è una disposizione molto simile Scuola Non sono inclusi i bambini non nati in Italia. “E’ una legge molto equilibrata che riconosce il percorso di integrazione e il lavoro dei docenti per costruire comunità”, si difende Brescia.