Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Italia racconta le sue tante gare dopo aver vinto le Olimpiadi di Tokyo

  • A una settimana dalla fine di Tokyo 2020, le medaglie danno aria alla lotta dei figli degli immigrati per ottenere la cittadinanza italiana.

  • Le vittorie di Lamond Marcel Jacobs e Esosa Fostin Desalu provocano appelli politici per la rapida nazionalizzazione dei giovani talenti sportivi.

Lamond Marcel Jacobs, La nuova stella dell’atletica italiana ed europea, è l’uomo più veloce del mondo, Ricevuto come un eroe lunedì scorso quando è arrivato all’aeroporto di Fiumicino Roma. Jacobs, madre italiana e padre afroamericano, voce moderata e generalmente tranquilla, ed è un perfetto sconosciuto Italia Fino ad allora giochi Olimpici, Ringraziato per i complimenti ed è rimasto stupito dal fantastico, straordinario momento che ha creato nel suo paese dal 1 agosto, ha vinto la gara dei 100 metri in 9,8 secondi, regalando all’Europa la medaglia che non aveva dal 1992.

Ma dietro quell’aspettativa, non è certo se Jacobs sapesse all’epoca che una polemica era scoppiata pochi giorni prima su richiesta del presidente. Comita Olympico Italiano (Connie), Giovanni Malage, Tale nazionalità è data ai minori stranieri o ai genitori stranieri, che sono dotati nello sport. “Vi chiedo di accelerare le procedure per ricevere la chiamataSolo OK (Latino per Legge fondamentale) Deportivo & rdquor;, Malage ha affermato di giustificare la sua richiesta come un piano efficace per non perdere la giovinezza speranzosa.

Questo non dovrebbe sorprenderti. Per il pubblico italiano, l’atleta 26enne Jacobs, nato a El Paso, che afferma di esprimersi in inglese normale, parla italiano con un accento della regione settentrionale della Lombardia, dove è cresciuto. Momento. Include tante gare mai viste prima nella delegazione olimpica italiana, punto di appoggio per i difensori di questo modello sociale dopo anni di polemiche sul tema delle migrazioni.

READ  Non c'è collegamento tra Milan e Marcelo

«Lo sport rappresenta un Paese molto in sintonia con il mondo moderno e avanzato. Non è questione di come e quando diventeremo un nuovo Paese. Lo abbiamo già scritto, ad esempio, Il Corriere della Sera. 46 di i 384 atleti della delegazione italiana a Tokyo Nei cinque continenti, sono nati fuori dall’Italia, molti dei quali provenienti da Africa, Stati Uniti, Asia e Australia, e per la prima volta & rdquor;

Fino a 18 anni

Questo è il caso particolare Esosa Postin Desalu, Era un velocista nato in Lombardia, genitori nigeriani, ed è stato uno dei 70 atleti italiani a vincere 40 medaglie italiane alle Olimpiadi. Il fatto è che Desalu, che ha vinto l’oro a Tokyo con la squadra italiana maschile nell’atletica leggera 4×100, non ha potuto competere nelle competizioni nazionali fino all’età di 18 anni, quando finalmente ha potuto richiedere la nazionalità. Infatti la Jacobs, che ha ottenuto il passaporto tramite Fleation), è stata istituita dalla vigente normativa italiana.

Pertanto, dopo la sua ultima versione che proponeva di convertire i bambini nati in Italia, figli di immigrati, agli italiani, l’intervento di Malage ha riaperto il dibattito sulla riforma della legge sulla cittadinanza. Idoneità “Se aspettiamo fino ai 18 anni, otterremo la naturalizzazione [..] Il rischio è che l’atleta si ritiri o ritorni nel suo paese d’origine, & rdquor; Più di oggi, Desalu e Jacobs entrambi il 69% degli atleti olimpici italiani sono nell’esercito o nella polizia.

READ  Francisco Martinez e Isabel Sandoval giocheranno il Campionato Europeo della 24 Ore in Italia

Una nuova legge?

Notizie correlate

Questo è un punto di partenza, Enrico LettaIl leader dei Democratici non ha sprecato l’occasione, dicendo: “Sì, l’Italia ha bisogno di una nuova legge”. E il ministro dell’Interno Louisiana Lamorges, un tecnico che di solito punta i piedi, ha detto in un’intervista a La Stampa che i partiti dovrebbero sentirsi “politicamente integrati” questi giovani sono parte integrante della società. Non ci è voluto molto perché Matteo Salvini, il leader della Lega di estrema destra, e Georgia Meloni, il leader dei fratelli italiani, reagissero. A testa in giù, ovviamente.

Qual è il paradosso – o forse la prova che nulla è certo in Italia – è, infatti, che in certi casi il Paese ha in passato dato nazionalità ad atleti di talento – telynam, sì. Ha ricevuto questo nel 2019, ad esempio, il combattente cubano Abraham Konyodo Ruano ha vinto il bronzo nello stile libero maschile di 97 kg a Tokyo. Questo metodo è ancora una sfida a un modello di rumore politico per ciò che il gioco rappresenta veramente.