Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Italia propone il suo protocollo sanitario per Sky Resorts

Il paese della Transilvania ha concordato una serie di regole con tutti i giocatori in campo, quindi questo inverno non sarà come fortunato 2019.

Firmato il protocollo per la riapertura dei comprensori sciistici e la convenzione per l’utilizzo degli impianti di risalita nei comprensori sciistici italiani tra Federazione Italiana Sport Invernali, Associazione Nazionale Funivie, imprese italiane e società partecipate. E/o gestisce il trasporto a fune in concessione nel territorio nazionale, l’Associazione Italiana Maestri di Sci e il Collegio Nazionale Maestri di Sci.

Si tratta di un accordo fondamentale per consentire a un settore strategico come la Montagna di riprendere la propria operatività nel rispetto delle normative.

Il Green Pass contro Govt-19 è necessario per avere il nostro passaporto vaccinale, ma questa non è l’unica misura preventiva per la ripresa delle attività per gli sciatori amatoriali (cancellata lo scorso inverno per atleti non professionisti o sci club. Causa infezione). Il pass è privato (venduto online per gestire al meglio gli accessi) e non è modificabile, ma soprattutto l’accesso allo skilift è limitato dal Green Pass, che non è obbligatorio fino ai 12 anni. All’interno dell’area Skype dovrebbero essere creati dei percorsi che garantiscano un dislivello di almeno un metro. Ove possibile, utilizzare corsie di entrata e di uscita separate per individuare e contrassegnare con precisione le biglietterie e le vie di accesso agli ascensori. Gli armadietti devono essere dotati di schermi di sicurezza tra l’operatore e il cliente a supporto dei metodi di pagamento elettronici. Gli individui responsabili dell’ottenimento e dell’ordinazione di impianti devono indossare maschere chirurgiche o Ffp2.

Nei Cherlift la portata massima del sollevatore è del 100% con l’uso obbligatorio di mascherina chirurgica o Ffp2. L’uso di seggiovie con tettoia ridurrà l’efficienza fino all’80%. Funivie e cabinovie hanno una riduzione dell’80% della portata massima dell’impianto (obbligatoria mascherina) e devono tenere i finestrini aperti e aerati. È vietato il consumo di cibi e bevande in tutti gli ambienti interni e durante l’imbarco (anche all’aperto) e durante le fasi di trasporto.

READ  Undicesimo livello del Giro d'Italia, tra una strada sterrata e alcune vette

Questo protocollo sicuro sarà lo stesso di quello imposto in altri paesi.