Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Italia ha rifiutato di estradare in Venezuela Rafael Ramirez, un ex ministro chavista che è diventato una delle voci più critiche del regime.

Rafael Ramirez, allora ministro del petrolio e delle miniere, con Hugo Chavez

L’Italia ha respinto la richiesta del regime venezuelano di estradare Rafael Ramirez, il potente ex ministro del petrolio ed ex capo della compagnia petrolifera statale PDVSA.Lo ha detto sabato il suo avvocato.

La dittatura chavista aveva chiesto all’Interpol di localizzare e arrestare Ramirez nel 2018 e successivamente ne aveva chiesto l’estradizione dall’Italia nel 2020 in relazione alle accuse di appropriazione indebita. Ramirez, che nega le accuse di corruzione, afferma che Nicolas Maduro sta cercando di diffamarlo per aver criticato l’amministrazione del presidente.

“La Corte Suprema italiana ha dichiarato categoricamente inammissibile la richiesta di estradizione”, ha detto a Reuters Roberto De Vita, l’avvocato italiano di Ramirez. De Vita ha aggiunto che la corte aveva confermato una precedente sentenza secondo cui Ramirez non poteva essere restituito in Venezuela a causa del suo record di violazioni dei diritti umani in Venezuela.

Le sentenze dei tribunali in Italia sono inizialmente consegnate ai soggetti coinvolti nella causa e la sentenza non è stata ancora pubblicata sul sito della Corte di Cassazione.

Ramirez ha servito per dieci anni come ministro del petrolio e presidente della compagnia petrolifera statale PDVSA, che controlla alcune delle più grandi riserve mondiali di petrolio greggio.

La Corte Suprema del Venezuela, dipendente dal sistema, ha annunciato nel 2020 che Ramirez deve affrontare accuse penali, tra cui appropriazione indebita e manomissione di contratti petroliferi.

L’ex uomo forte di Chavez è stato licenziato come inviato delle Nazioni Unite del Venezuela nel 2017 dopo aver criticato pubblicamente Maduro e lo stato dell’industria petrolifera nell’Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio (OPEC). Ramirez era uno stretto confidente e ammira ancora il defunto ex presidente Hugo Chávez, predecessore e mentore di Maduro.

Foto d'archivio, scattata nel maggio 2013, che mostra l'allora ministro venezuelano del petrolio e delle miniere e presidente della Petroleos de Venezuela (PDVSA), Rafael Ramirez, a Caracas (Venezuela).  EFE/Boris Vergara
Foto d’archivio, scattata nel maggio 2013, che mostra l’allora ministro venezuelano del petrolio e delle miniere e presidente della Petroleos de Venezuela (PDVSA), Rafael Ramirez, a Caracas (Venezuela). EFE/Boris Vergara

Lo scorso dicembre, Ramirez lo ha confermato nella sua ultima dichiarazione pubblica I venezuelani devono abolire il dittatore. Nicolás Maduro deve essere annullato, perché non c’è possibilità di emendare il suo governo, sono passati otto anni da quando il paese e la sua economia sono stati distrutti, annegando le persone nella povertà e nella disperazione; dirottare le loro conquiste politiche, economiche e sociali, rendere il Paese sempre più ingiusto e disuguale, distruggere le istituzioni e sradicare lo Stato”.

READ  Real ti invita a partecipare alla Conferenza Internazionale 2021: “Pandemia e Corruzione in America Latina” | Stati Uniti d'America

Per l’ex ministro di Chavez, il governo di Maduro è stato il “peggiore governo” in Venezuela, facendo precipitare il Paese in una profonda crisi politica, economica, sociale e spirituale.

Il governo Maduro ha smantellato le istituzioni statali, trasformandole in una rete mafiosa e violenta al servizio degli interessi del gruppo ancora al potere, che opera al di fuori della costituzione e delle leggi. Questo governo, tra impotenza e pigrizia assoluta, ha distrutto la nostra economia, l’industria petrolifera e la nostra sovranità economica».

Nicolas Maduro (Reuters / Leonardo Fernandez Filoria)
Nicolas Maduro (Reuters / Leonardo Fernandez Filoria)

Ramirez ha osservato che quasi sei milioni di venezuelani sono stati costretti a lasciare il Paese a causa della grave crisi umanitaria: “Questo governo ha spodestato il Paese e causato una massiccia battuta d’arresto in tutti i settori della vita nazionale, ha creato i suoi valori, ha eliminato la speranza di un intero popolo e ha causato la partenza di oltre 5,9 milioni di venezuelani dalla nostra patria, in cerca di un futuro e un luogo dove possiamo vivere”.

“Migliaia di righe potrebbero essere scritte per cercare di descrivere il disastro in Venezuela sotto il governo Maduro, ma questo non è il loro obiettivo. Quello che voglio è insistere sulla necessità di promuovere un cambiamento fondamentale nel Paese e questo include la partenza di Nicolas Maduro dal potere”.

Con informazioni da Reuters

Continuare a leggere:

Hanno arrestato il sindaco del PSUV e due deputati chavisti che facevano parte di una rete di narcotraffico.
Juan Guaido ha condizionato la revoca delle sanzioni contro il regime di Maduro ai progressi nel dialogo con l’opposizione