Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Italia ha fatto scalpore all’Europeo

Tra giocare bene o vincere, cosa preferiresti? S Antonio de PintoHo appena sentito Parole del giocatore leggendario Marco Tardelli (un esponente di spicco della Nazionale italiana vincitrice del Mondiale di Spagna 1982), nel clima festoso della cosiddetta Casa Azzurri dove la Federcalcio italiana ha allestito una sorta di grande spazio per i tifosi a Roma, e con un gruppo di soci del club da lui guidato, l’Alto Sanyo, campano, di cui fanno parte giovani clandestini, beve un sorso forte della sua birra e risponde: “vincere”.

Di Pinto, però, è un altro di quelli Milioni di fan italiani in festa Si sta abituando a non dover scegliere tra i due concetti durante questo Campionato Europeo. L’Italia, finora, non solo ha vinto, ma sta vincendo Colpire, Giocando all’offensiva, una rivoluzione nella patria del “Catenaccio”. Stereotipo o realtà?

Marco, italiano che vive in Spagna da anni, ha sempre detto con sarcasmo che niente gli dà più soddisfazione che vedere i suoi amici spagnoli arrabbiati perché L’Italia torna a vincere “acrobazia”. “Ti piace sottolineare che stiamo solo calciando e difendendo, e quello che ci piace è vincere le partite”, ha detto Li dopo aver vinto la Coppa del Mondo 2006 che è salita alla gloria, dove è stato scelto come Pallone d’Oro quell’anno, il difensore Fabio Cannavaro . .

Il vincitore della Coppa dei Campioni non è una scelta: è sul tuo telefonino e arriva dalla Cina

Guillermo maestro

Le leggende del calcio dicono che Maradona ha vinto la Coppa del Mondo contro l’Argentina; Al Brasile, Pelé: Alla Francia, Zidane e Italia, difesa centrale. L’Italia 15 anni fa ha mostrato ancora una volta al mondo che il calcio inizia a battere quando viene preso una sola volta dal centro del campo. Questo stile di gioco si trasforma in La filosofia dei cannibali chiamata “Catenaccio” E per anni gli Azzurri sono serviti a vantarsi che la cosa più bella in campo fosse ciò che accadeva sul tabellone video.

Tiki Taka in Spagna

Poi è arrivata la Spagna a “Tiki Taka” e nei quarti di finale di un europeo, ai rigori, la furia spagnola ha scosso il pool d’onore senza barche e ha battuto il Transalpinos per entrare nella storia. Per la Spagna è iniziata una nuova era, un’era vincere la pallaE anche per l’Italia che perde senza palla. Poi iniziarono le Azzorre. Viaggio nel deserto Questo si è concluso con una serie di tombe, tra cui un’umiliante sconfitta per 4-0 contro la Spagna nella finale di Euro 2012 e persino la mancata qualificazione per la Coppa del Mondo 2018. Lì, il forte calcio italiano ha toccato il fondo, tenendo 4 Coppe del Mondo e il suo campionato nel 1980 e 1990. In passato, il calcio era quasi nella NBA, fino a quando non era un gruppo senza una classe – il suo capocannoniere Manuel Locatelli Gioca nel Sassuolo, la squadra che nel 2013 ha ottenuto la prima promozione in Serie A italiana, ha rivoluzionato tutto.

READ  Pjanic, incompreso da Koeman, conclude il processo di uscita dal Barcellona

Gli italiani scoprirono che un altro modo per vincere era mandare più volte l’avversario dal centro del campo. Adesso l’euforia del Paese, dopo due vittorie per 3-0, è eccessiva. I titoli dei giornali hanno rispolverato le volte che ha vinto qui per decreto. L’Italia ha sempre avuto stelle famose, hanno sempre avuto uno stile di gioco preciso e hanno sempre dovuto sopportare il rumore di aver vinto senza giocare bene perché uno di loro, soprattutto in paesi come Spagna che non si riprese per decenni dall’allerta del 1994 per tasse su di teHo deciso che in questo sport solo chi si vanta delle sue belle sconfitte merita di vincere. “Quando vivevo in Messico, i tifosi parlavano solo del ‘tiki-taka’ spagnolo perché c’era la Liga. Poi sono andato in Australia, e lì l’influenza del primo ministro inglese mi ha fatto assaporare il fitness. Il calcio italiano no più un riferimento esterno e quando lo menzionano lo è, parlano del suo sistema difensivo”. Christian Carlucci, che ha lavorato come preparatore dei portieri e giornalista sportivo in Australia. Cosa ne pensi di “Catenaccio”? “È un concetto vecchio, uno stereotipo. L’Italia gioca oggi con il possesso palla, con il gusto del tocco, con una squadra di muro, senza le grandi personalità e il gioco diretto per esempio 2006, ma questo non significa che abbiano perso il loro sistema difensivo”.

Professore, filologo e critico letterario, Massimo Raffaelli, ha scritto un libro intitolato Mohi: I capelli di Catenaccio. L’autore esamina il lavoro della FA e della società. Dall’Italia fascista a Mussolini, la cui distopia era convincere le persone che il paese aveva saltato diciotto secoli e che vivevano nell’antica Roma e nell’Impero, ed è stato bello vincere i Mondiali del 1934 e del 1938, a quel tempo i Mondiali del 1974 in Germania dove la massiccia colonia italiana di immigrati sentiva I poveri eliminare la loro sconfitta. “Fuori dal blu scuro erano i collegamenti dei giocatori dati da mangiare”fan“Quasi tutti gli immigrati, dopo l’eliminazione”, dice il libro.

READ  Giro d'Italia | Ravenna - Verona

“Il titolo è anche un omaggio al più grande giornalista sportivo italiano, lo scrittore Gianni Brera. Che, dopo la vittoria degli ‘Azzurri’ ai Mondiali del 1982 in Spagna, nell’immersione del presidente Sandro Bertini, arrivato alla ripresa del calcio italiano con Dini “Santo Catenaccio”, e conclude una lunga relazione di Donatello Santarone sull’opera.

sistema di difesa

Questo sacro sistema difensivo, che ha dato all’Italia un posto nell’Olimpo del calcio, come si suol dire, è stato inventato dalla caccia. In accordo alla didascalia, Jibo Viani (mitico giocatore e allenatore italiano della prima metà del Novecento), passeggiando per il porto, notò che i pescatori utilizzano una rete aggiuntiva per catturare i pesci che non rimangono nella prima rete. Poi Viani pensa di aggiungere un difensore dietro la linea difensiva che sia in grado di intervenire quando i compagni non riescono a fermare gli attaccanti”. Federico Aqui In un articolo dal titolo “Breve storia di Catenaccio”.

Da allora il termine “catenaccio” è stato applicato soprattutto in Italia dove i mitici allenatori amano Helenio Herrera Dicono “Il calcio si gioca con 10 è meglio di 11” o il mitico allenatore italiano del Milan, poi a Padova, Nerio Rocco, che in una partita contro la Juventus gli hanno detto: “Signore, spero che vinca il migliore” e lui ha risposto: “Spero di no”. Entrambe le frasi sono il segno di un Paese le cui squadre sono scese in campo senza assemblatori. Il cambiamento dello stile italiano, se c’è stato o c’è stato, non è stato estetico ma pratico. Il ‘CatinaccioHa perso il suo potere non perché sia ​​noioso tornare indietro e portare avanti il ​​contraccolpo, ma perché è stato inefficace negli ultimi decenni. “Gli italiani non possono sconfiggerti, ma puoi perdere contro di loro”, ha detto l’olandese Johan Cruyff.

Foto: Mason Mount si mette in ginocchio prima dell'inizio della partita contro la Croazia.  (Reuters)
Politica calcistica: quando inginocchiarsi è più importante che segnare un goal ل

Celia Maza. Londra

Fin dalla sua prima apparizione, ‘Catenaccio’ era disprezzato e avvolto in un’aura negativaMa nel contesto in cui si è sviluppata, è stata una rivoluzione che ha portato a mettere in discussione costumi e concetti intoccabili. Alla fine, è stata l’idea di un gioco moderno che si è sovrapposto a modi obsoleti di pensare e giocare a calcio. Quando questa tendenza innovativa a sua volta si è esaurita, il “catenaccio” è stato aggirato con nuovi modi di intendere il gioco più capaci di rappresentare modernità Lo sviluppo del calcio in tutti i suoi aspetti. Anche se spesso si sente parlare del bullone Squadre che tengono molto alla fase difensivaAnche con la sua associazione con squadre altamente organizzate con principi di gioco complessi come l’Atlético de Madrid, nessuna squadra può seriamente considerare di competere con un sistema di gioco che è stato aggirato per mezzo secolo, spiega Akoy.

READ  Lo strano capovolgimento di Higuain rispetto alla MLS

Che cos’è il “catinaccio”? Il boss spiega che il “catenaccio” è uno stile di gioco che consiste nell’aspettare di trovare il momento migliore per attaccare e segnare un gol. a Bento. “Non mi piace il ‘catenaccio’. Adesso in Italia giochiamo con il possesso, ma non giochiamo il possesso sterile come tanti che hanno aderito allo stile del possesso palla per non farne nulla” Carlucci.

Il calcio può essere poesia, “catinaccio” come sottolinea nel suo libro Raffaello È poesia, ma i poeti hanno la loro voce per disfare gli errori: il “catinaccio” è un metodo teatrale non più utilizzato in Italia. È stereotipato come spaghetti e mandolino. La poesia è presente nel gioco di classe, nel sudore sulla maglia, negli abbracci dopo il gol”. Emiliano ScorsoniUn poeta meraviglioso, strumentista e allenatore della scelta dei poeti italiani, l’unica squadra di scrittori al mondo.

“Catinaccio”

Intanto l’Italia di oggi è cullata dal calcio allegro ed è stanca dello stereotipo che sembra aver sminuito la legittimità di alcune delle sue tante vittorie:Il “Catenaccio” non esiste più, e in Italia non ne parla nessuno. “Parlarne o è malafede o non ti informa”, ha risposto l’allenatore. Marcelo Lippi Per chiudere il dibattito che da sempre ossessiona i transalpini. Lo stesso Lippi dopo aver vinto il Mondiale 2006, stanco di mettere in dubbio la vittoria, ha detto: “Siamo campioni del mondo, non ci interessa il tocco di calcio”.

A volte vincere senza possesso di palla ‘Tiki-taka’ itterico. Lo streaming multimediale sembra analizzare i giochi più dai dati di acquisizione che dai dati sugli obiettivi. Gli anni in cui c’erano i grandi Nerio Rocco “Palla lunga e pedale”, ha spiegato la sua tattica di gioco che gli ha regalato tante vittorie. L’Italia ha passato anni a pedalare meglio dei capelli di chiunque altro per molti.