Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Italia è un rischio reale di crisi del debito?

Annuncio Limita applicazione famosa Che già pone il mese di marzo come punto di partenza per il taglio degli acquisti di debito da parte della Banca centrale europea 15.000 milioniInsieme alle aspettative dell’agenzia di continuare ad aumentare i tassi di interesse nelle sue prossime riunioni, diverse economie della zona euro che hanno alti livelli di debito sono state messe sotto i riflettori. Tra loro c’è l’Italia.

Il paese transalpino ha uno dei debiti pubblici più alti dell’Europa meridionale 145% del PIL. Questo, unito al fatto che gli oneri finanziari di Roma sono aumentati drasticamente da quando la Banca centrale europea ha iniziato ad aumentare i tassi di interesse nell’estate del 2022, rende il paese più vulnerabile a una situazione di crisi del debito, secondo un sondaggio di economisti del Financial Times.

L’Italia è un rischio reale di crisi del debito?

Un sondaggio ha mostrato che l’Italia è il Paese più esposto alla crisi del debito nell’Eurozona. E la Grecia o la Spagna?

Ma, La Grecia ha un debito pari al 182% del PIL Alla fine del terzo trimestre del 2022, mentre il debito pubblico spagnolo ha raggiunto il 116% del PIL in questo periodo. Il che ci porta a chiederci Perché la Grecia non dovrebbe essere la prima economia pronta a rilanciare la crisi del debito?

Hernan Cortes A partire dal Gestione Olia Questa parte spiega. Secondo l’esperto, “non dobbiamo dimenticarlo La Grecia ha sostenuto il debito E una parte significativa è finanziata dal Fondo Monetario Internazionale e dalla Comunità Europea, cioè a tassi 0%.

Il rapporto debito/PIL della Spagna è triplicato negli ultimi 15 anni

Perché la situazione in Italia è così diversa rispetto ad altre economie come la Spagna o la Francia? Considerando che anche loro non sono lontani dai loro livelli di indebitamento, lo ricorda l’economista Miguel Cordoba La Spagna “rimane uno dei pochi paesi che non si è ripreso ai livelli pre-pandemia”.

READ  Kristalina Georgieva, capo del Fondo monetario internazionale, guida la lista delle donne più potenti del mondo

D’altra parte, “V gli ultimi 15 anni andato da Il rapporto debito/PIL è passato dal 35% a quasi il 120%”. E lo stato detiene un prestito di 100.000 milioni dalla previdenza sociale, che produrrebbe una tempesta perfetta secondo me Miguel Cordova.

Per quanto riguarda la Spagna, il La Banca centrale europea smetterà di acquistare fino a 90.000 milioni di debito nel 2023. Ma ovviamente dove va la soluzione? O meglio, da dove nasce il problema?

“In precedenza Non è un problema economico Ma politicamente e dicendo agli spagnoli che non possono più continuare a vivere al di sopra delle proprie possibilità”, dice Cordoba.

L’Italia ne offre elevati livelli di indebitamento sul suo prodotto interno lordo Dalla seconda guerra mondiale, causando l’accumulo di questi livelli. Certo, secondo Cordoba, la capacità produttiva del Paese è superiore a quella della Spagna. In altre parole, l’espressione sarebbe migliore di Spagna se si verificasse una crisi del debito.

Tuttavia, entrambi gli esperti – Córdoba e Hernán Cortés – concordano: La Banca centrale europea non accetterà la caduta dell’Italia E da qualsiasi paese dell’economia europea.

“Tutti sanno che la BCE è stata molto ferma quando si tratta di segnalare che interverrà sul mercato in modo che i differenziali di redditività non superino la differenza di debito tra i paesi”, spiega Curtis.