Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Italia è riuscita a trapiantare due cuori da donatori con virus Covid-19 senza trasmissione – Scienza

Roma, 10 giugno (EFE). Due persone in Italia senza anticorpi contro il coronavirus hanno avuto con successo un trapianto di cuore da donatori deceduti che sono stati infettati dal virus SARS-CoV-2, secondo quanto riferito oggi dal Centro nazionale per i trapianti (CNT) del paese.

CNT ha osservato in una dichiarazione che questi sono i primi due trapianti di organi al mondo da donatori deceduti risultati positivi al COVID-19 su pazienti negativi senza anticorpi.

Il primo intervento è stato effettuato ad aprile presso l’Ospedale Sant’Orsola di Bologna (Nord) per un uomo di 64 anni, mentre il secondo è stato eseguito a metà maggio presso l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma, da 15 anni. Un vecchio uomo.

I due beneficiari con gravi malattie cardiache erano in lista d’attesa urgente e hanno ottenuto il cuore di cui avevano bisogno grazie ai regolamenti del Centro nazionale trapianti che consentono i trapianti di organi vitali da donatori infetti da COVID-19 deceduti. altri motivi.

Questo protocollo si applica solo se il ricevente è già stato vaccinato perché ha la malattia o perché è stato vaccinato.

“La gravità delle condizioni cliniche dei pazienti ha incoraggiato le équipe mediche di entrambi i centri a chiedere l’approvazione per il trapianto nonostante la mancanza di anticorpi dei riceventi”, spiega il direttore del CNT, Massimo Cardillo.

Tuttavia, i beneficiari ora stanno “bene” e sono stati licenziati mentre erano a casa.

Dall’attivazione a dicembre del protocollo sperimentale, che consente l’utilizzo degli organi dei defunti con il Corona virus, il primo al mondo, in Italia, sono stati eseguiti 19 trapianti di questo tipo, questi due cuori e 17 fegati.

READ  Nell'anno fiscale 2020, sono stati raccolti quasi 16 milioni di pesos per proteggere l'ambiente

La differenza tra queste ultime e le precedenti due operazioni è che questa è la prima volta che vengono eseguite su due pazienti senza anticorpi, poiché i diciassette precedenti avevano già gli anticorpi e nessuno dei due si è infettato nuovamente.