Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Italia chiede di porre fine alla dipendenza della Russia dal gas | mondo | DW

Il primo ministro italiano Mario Draghi ha sottolineato la necessità di “eliminare definitivamente la dipendenza energetica della Russia” e ha riaffermato il suo piano per limitare i prezzi del gas per ridurre i finanziamenti al Paese dopo l’invasione dell’Ucraina. Il vertice del G7 è iniziato domenica (26.06.2022) in Baviera, nella Germania meridionale.

“Mettere un tetto al prezzo dei combustibili fossili importati dalla Russia ha uno scopo geopolitico, economico e sociale. Dobbiamo ridurre i nostri finanziamenti alla Russia ed eliminare una delle principali cause di inflazione”, ha affermato Draghi. Durante il suo intervento..

Ha anche promesso di “evitare gli errori che abbiamo commesso dopo la crisi del 2008” perché “la crisi energetica non dovrebbe ripopolarsi”.

“Abbiamo gli strumenti per farlo: dobbiamo mitigare l’impatto dell’aumento dei prezzi dell’energia, compensare le famiglie e le imprese in difficoltà e tassare le imprese che realizzano profitti inaspettati”, ha aggiunto.

Durante una sessione di lavoro con altri leader sulla situazione in Ucraina dopo la guerra per l’invasione della Russia, Drake ha affermato che è necessario “accelerare gli sforzi sul fronte della sicurezza alimentare”.

“È necessario revocare l’embargo sul grano in Ucraina prima del nuovo raccolto a metà settembre. Dobbiamo estendere tutto il nostro sostegno alle Nazioni Unite in modo che possano compiere rapidi progressi nel suo processo di mediazione”, ha sottolineato.

Nel suo intervento ha spiegato che molti Paesi africani sono “eccezionalmente adatti per investire nelle energie rinnovabili”. Fonti governative hanno anche incoraggiato i paesi del G7 a “finanziare, progettare, identificare e progettare molteplici progetti di investimento nella regione”.

Ha anche parlato di vaccini e ha promesso che “il requisito principale è consentire ai paesi africani e ad altri paesi di produrre vaccini nella loro regione in modo che i vaccini siano immediatamente disponibili per la loro popolazione”.

READ  Il Regno Unito e l'Italia dominano la nostra integrazione internazionale

gs (efe, Reuters)