Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Italia amplia l’ammissibilità al vaccino di richiamo del governo

ROMA (AP) – Mentre la quarta ondata dell’epidemia devasta l’Europa, l’Italia aumenterà il numero delle persone idonee a ricevere la dose di richiamo del vaccino contro il Covit-19.

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha detto mercoledì ai legislatori alla Camera dei Deputati che le persone di età pari o superiore a 40 anni potrebbero ricevere la dose di richiamo dal 1 dicembre.

L’Italia sta già fornendo richiami per le persone di età pari o superiore a 60 anni che hanno ricevuto l’ultima dose del vaccino almeno sei mesi fa.

Come alcuni paesi del nord Europa come Austria e Germania e molti altri paesi dell’Europa orientale, il paese non è ancora stato colpito dalle ultime ondate di infezione da virus corona. Le autorità italiane stanno cercando di mantenerlo così.

Gli esperti accreditano l’alto tasso di vaccinazione italiano. Circa l’84% delle persone di età pari o superiore a 12 anni ha diritto al vaccino.

Dall’inizio dell’epidemia, l’Italia ha imposto l’uso delle mascherine in casa, come nei supermercati, nei cinema, nelle chiese e nei trasporti pubblici. Altre misure che ha implementato, questo autunno, includono la certificazione per la vaccinazione, il recupero da COVID-19 o un test negativo per andare al lavoro. Il certificato Green Pass era già richiesto per cenare all’interno di ristoranti e frequentare palestre, musei e cinema.

Annunciando l’espansione dell’idoneità al richiamo a partire dall’età di 40 anni, Speranza ha osservato che le dosi di richiamo sono “una parte importante della nostra strategia per combattere il COVID”.

Il funzionario ha aggiunto: “Più questo Paese accelera l’uso della terza dose, più possiamo gestire la fine dell’autunno e dell’inverno, che rappresenta una sfida importante e non facile da gestire”.

READ  Turisti che tornano in Italia

Tutti coloro che hanno ricevuto il vaccino monodose Johnson & Johnson possono beneficiare del richiamo indipendentemente dall’età.

Finora, circa il 40% di coloro che hanno già diritto alla dose di richiamo in Italia ha già ricevuto la terza dose, secondo le statistiche del governo.

Medici ed esperti affermano che il 25% dei casi recenti in Italia riguarda minori.

L’area del Friuli-Venezia Giulia è stata una delle più colpite di recente, con prove di infezione legate alle frequenti proteste nel porto di Trieste da parte di manifestanti non vaccinati e smascherati e manifestanti anti-Pas.

Sabato 16 ottobre 2021, una donna partecipa a una sfilata organizzata dai maggiori sindacati italiani in piazza San Juan de Letron. (Foto AP / Andrea Medici)