Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Italia accetta le regole dello “smart work” nel settore privato attraverso EFE

© Reuters. L’Italia accetta le regole dello “smart work” nel settore privato

ROMA, 7 dic. (.) .- Il governo italiano e gli agenti sociali hanno raggiunto oggi un accordo sulle norme che disciplinano lo “smart work” nel settore privato, in cui il datore di lavoro metterà a disposizione le apparecchiature tecniche o informatiche necessarie per disconnettersi.

Il ministero del Lavoro italiano in una nota ha annunciato che i sindacati e i datori di lavoro sostengono il codice di condotta nazionale, che include linee guida per regolamentare questo sistema di lavoro, iniziato con l’epidemia.

Questo si chiama “lavoro intelligente” ed è simile al “telelavoro” ma va oltre perché permette di lavorare da casa e ovunque, contribuendo a sostenere l’equilibrio tra personale e lavoro. Alcuni obiettivi, controllati da rating, supportano il risparmio sui costi e hanno un impatto positivo sulla produttività.

Le aziende che vogliono mantenere i propri dipendenti o parte di essi nel cosiddetto “lavoro intelligente” una volta superata l’emergenza corona virus possono utilizzare questo quadro, oggi accettato, fino alla firma dei contratti collettivi.

L’Italia vede in questo un passo importante per formalizzare una realtà che si è diffusa notevolmente durante le epidemie e che può dipendere in particolare da alcuni settori.

Lo “smart work” è volontario e subordinato alla firma di un contratto personale, ma se il lavoratore si rifiuta di svolgere il proprio lavoro in questo modo, non può essere licenziato o rimproverato.

I dipendenti possono lavorare a diversi intervalli di tempo, ma il loro diritto a disconnettersi è garantito e possono anche disattivare i loro dispositivi elettronici durante periodi come malattia, congedo per malattia o ferie.

In condizioni di sicurezza e riservatezza, il lavoratore può identificare liberamente dove sta svolgendo il proprio lavoro, ma i contratti collettivi possono indicare quali posizioni non sono adeguate.

READ  Armova e Ibacetta in viaggio in Italia per giocare il Mondiale U21

Se non concordato per iscritto, il datore di lavoro metterà a disposizione le necessarie attrezzature tecniche e informatiche, e il lavoratore ha diritto contro gli infortuni o le malattie causate da rischi sul lavoro al di fuori delle strutture dell’azienda.

Il godimento di un “lavoro intelligente” non preclude i diritti sindacali e non influisce sul livello di responsabilità per la retribuzione o la posizione.

Le aziende dovrebbero impegnarsi a facilitare l’accesso a questo tipo di lavoro per i disabili, e utilizzare questo metodo come misura di adattamento.

Dal canto suo, il lavoratore è responsabile del mantenimento della riservatezza dei dati e delle informazioni che tratta sull’azienda.

Avviso legale: Fusion Media Vorrei ricordarti che i dati su questo sito Web non sono in tempo reale o accurati. Tutti i CFD (azioni, indici, futures) e i prezzi forex non sono forniti dalle borse ma dai market maker, quindi i prezzi potrebbero essere imprecisi e potrebbero differire dal prezzo di mercato effettivo, ad es. Pertanto Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite aziendali sostenute dall’utente per l’utilizzo di questi dati.

Fusion Media O chiunque sia associato a Fusion Media non sarà responsabile per eventuali perdite o danni derivanti dall’affidamento alle informazioni contenute in questo sito Web, inclusi dati, quotazioni, grafici e segnali di acquisto / vendita. Essere pienamente informati sui rischi e sui costi associati al trading sui mercati finanziari, che è una delle forme di investimento potenzialmente più rischiose.