Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’ISIS ha minacciato l’Italia e ha avvertito che sarebbe entrata a Roma nelle Crociate

Il testo aggiungeva: “I mujaheddin dello Stato Islamico stanno ancora aspettando il compimento della profezia data da Dio Onnipotente. Dubik, Gutta, Gerusalemme e Roma. Entreremo senza false promesse”.Rapporti di Europa Press.

Citando De Mio nella relazione, il ministro ha ricevuto immediate manifestazioni di solidarietà, anche nei confronti del presidente del Consiglio. Mario Draghi, E l’Alto rappresentante dell’UE per la politica estera Joseph Borel.

“La conferenza contro lo Stato islamico da lui presieduta è stata un successo. Il governo è impegnato nella lotta al terrorismo”, ha detto Draghi.

Sul suo account Twitter, Borel de Mayo ha ritenuto le minacce “inaccettabili” e ha chiarito che l’Unione europea “esprime piena solidarietà e determinazione a continuare il suo ruolo nel proseguire i suoi sforzi globali per sconfiggere l’ideologia dell’odio e della tolleranza dello Stato islamico”.

L’incontro del 28 giugno, tenutosi a Roma e presieduto da de Mayo, ha segnato il primo incontro faccia a faccia in due anni Coalizione Internazionale contro lo Stato Islamico, È stata formata un’alleanza di oltre 80 paesi per sconfiggere i militanti estremisti in Siria e Iraq.

La decisione principale dell’incontro di Roma è stata quella di spostare l’attenzione e la pressione dell’Africa mentre i jihadisti legati allo Stato Islamico aumentavano nella regione.

READ  Albert è protagonista di un'esperienza senza precedenti in Italia