Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Iran abolisce la “polizia morale” dopo le proteste per l’uccisione di Mohsa Amini | gesto per calmare l’indignazione

L’Iran ha annunciato una soluzione Polizia moraleDopo più di due mesi di proteste In tutto il paese verso giovani morti Mahsa Aminiche è stato arrestato da quella forza con l’accusa di aver violato il codice di abbigliamento islamico.

“La polizia morale non ha niente a che fare con la magistratura” ed è stata soppressaL’agenzia di stampa statale iraniana (ISNA) ha riferito che il procuratore capo dell’Iran, Mohammad Jaafar Montazeri, ha detto sabato.

L’abolizione della morality police, è considerata un gesto nei confronti dei manifestanti scesi in piazza in varie città del Paese dopo la morte di Maometto. Amminiarriva il giorno dopo che le autorità lo hanno annunciato Stanno esaminando se la legge del 1983 sul velo obbligatorio necessiti di modifiche.

presidente iraniano, Ibrahim RaisiSabato, le istituzioni repubblicane e islamiche iraniane sono costituzionalmente consolidate, ma ci sono “modi per attuare la costituzione” che possono essere “flessibili”.

Polizia morale

Il Polizia moralenoto come pattuglie guida, è stato creato sotto il mandato del presidente ultraconservatore Mahmoud Ahmadinejad (2005-2013) Diffondere la cultura del pudore e dell’hijab.velo femminile.

Le pattuglie composte da uomini in tuta verde e donne in chador nero, un indumento che copre tutto il corpo ad eccezione del viso, hanno iniziato a operare nel 2006.

Mahsa Amini

Il 13 settembre Una di queste giovani pattuglie ha arrestato Mohseh Amini a Teherandi origine curda, 22 anni, Presumibilmente indossava male il velo La legge islamica stabilisce che le donne devono coprirsi la testa e il petto nella Repubblica islamica dell’Iran.

dopo l’arresto, La giovane donna è crollata in una stazione di polizia ed è morta in ospedale tre giorni dopo.

READ  Le effemeridi di oggi: cosa è successo il 6 novembre | Eventi in Argentina e nel mondo

Tuttavia, le autorità hanno affermato che è morto per cause naturali I sospetti che fosse stata picchiata dagli ufficiali hanno scatenato violente proteste che hanno provocato la morte di oltre 300 personeSecondo i dati ufficiali. D’altra parte, il censimento di diverse Ong stima a 400 il bilancio delle vittime della repressione.

L’Iran ha assistito a un’ondata di proteste dall’uccisione di Amini il 16 settembre. Le autorità confermano che è morta per problemi di salute, ma secondo la sua famiglia è morta dopo essere stata picchiata.

da allora, Le donne hanno guidato le proteste, scandendo slogan come “Donne, vita, libertà”.E si tolsero i loro veli e lo bruciarono.

Dubbio sulla rete

L’annuncio dell’abolizione della polizia morale è stato accolto con scetticismo dagli iraniani sui social media.

Un netizen ha espresso il timore che un altro organismo simile possa svolgere le funzioni di questa struttura, mentre un altro ha sottolineato l’estrema pressione che le famiglie esercitano sulle donne iraniane.

Il ruolo di questa polizia è cambiato negli anni, ma ha sempre generato divisioni nella classe politica.

basso Il mandato del presidente moderato Hassan Rouhani. Al potere tra il 2013 e il 2021, era comune vedere donne indossare jeans attillati e foulard colorati.

Ma il suo successore, Ebrahim Raisi, un conservatore intransigente, a luglio ha invitato “tutte le istituzioni statali” a rafforzare l’applicazione della legge sul velo. All’epoca, ha dichiarato, “i nemici dell’Iran e dell’Islam” volevano “minare i valori culturali e religiosi della società diffondendo la corruzione”.

Le donne che violano questi severi codici di abbigliamento corrono il rischio di essere arrestate dall’unità di polizia.

READ  Hamas bombarda Israele: due morti e 70 feriti ad Ashkelon

Legge sull’hijab

Sabato il pm Montazeri ha annunciato che la “Camera dei deputati e la magistratura” stanno discutendo la questione dell’obbligatorietà del velo, senza però specificare se la legge sarà modificata.

La questione del velo è ancora molto sentita nella Repubblica islamica. Da una parte ci sono i conservatori, che difendono la legge del 1983, e dall’altra i progressisti, che vogliono che le donne possano decidere liberamente se indossarle o meno.

Dall’inizio del movimento di protesta, sempre più donne sono scese in piazza senza il velo, soprattutto nel ricco nord della capitale, Teheran.

Il 24 settembre il principale partito riformista iraniano ha chiesto la rimozione del velo obbligatorio.