Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’importanza dell’istruzione nello sviluppo economico – El Financiero

economico

Ginevra, Svizzera. Questo paese si trova al centro dell’Europa, senza accesso al mare, con una natura montuosa e un clima che ostacola lo sviluppo dell’agricoltura e del commercio, e ha il reddito pro capite più alto del mondo. Il PIL medio pro capite era di $ 86.600 l’anno scorso, mentre il PIL medio degli Stati Uniti era di $ 63.500 e il Messico era in media di $ 8.347 all’anno, meno di un decimo di quello che aveva la popolazione del paese degli Stati Uniti.Alpi, secondo i dati della Banca Mondiale .

Non solo il suo reddito è molto più alto di quello della nostra nazione, ma la sua distribuzione è anche più equa, dato che il suo indice di Gini è 33,1, mentre quello del Messico è 45,4, anche con i dati della Banca Mondiale. Questo indicatore significa che più si avvicina a 100, peggiore è la distribuzione del reddito tra la popolazione; Zero significa che tutti hanno lo stesso reddito e solo cento persone ottengono tutto il reddito e l’altro non ottiene nulla.

Questo progresso del Paese europeo sorprende non solo per la sua crescita economica, ma anche per la sua eterogeneità. In esso convivono tre culture diverse con lingue e costumi molto diversi, ovvero francese, tedesco e italiano. Inoltre, solo due secoli fa era uno dei paesi più poveri d’Europa, ampiamente superato da Francia, Austria, Italia o Spagna.

Il suo sviluppo si è basato sul sostegno fornito all’istruzione e alle infrastrutture, soprattutto nel campo delle comunicazioni, in un sistema giuridico molto forte e democratico, nonché nel regime delle libertà. Il rispetto delle leggi da parte dei cittadini sembra essere il collante che unisce questa nazione.

READ  Cambiamento climatico, popolazione ed economia

Va sottolineato che l’economia svizzera è progredita non solo negli ultimi decenni (sebbene lo abbia fatto a un ritmo maggiore), ma in generale dell’intera umanità. Considerando che nel 1981 il 43% della popolazione mondiale aveva un reddito inferiore a 1,90 dollari al giorno costante nel 2011, tale percentuale è scesa ad appena il 9,3% nel 2017. Ciò ha fatto progressi nella lotta alla violenza.La povertà non ha eguali nella storia umana.

Sembra che lo sviluppo delle nazioni non avvenga in modo continuo e graduale, ma avvenga “in pieno svolgimento”, sia per scoperte che possono essere geografiche o mediche, sia per invenzioni e altri motivi. Alcuni sono molto evidenti come nuovi processi in agricoltura o la rivoluzione industriale o la produzione su larga scala o meno evidenti, come nel progresso della conoscenza, come sta accadendo oggi.

I paesi oggi più sviluppati si distinguono perché danno un’alta priorità alla conoscenza, sia attraverso l’educazione della loro popolazione (diversa dal dogma) sia attraverso la ricerca. Tuttavia, da prima della crisi del Covid, c’è già stata un’enorme differenza tra i diversi paesi. Ad esempio, il 53 percento dei bambini di 10 anni nei paesi a basso e medio reddito non è in grado di leggere testi piccoli adattati alla loro età; Mentre il tasso era solo del 9,0 percento per i bambini nei paesi sviluppati.

Per lo stesso motivo, preoccupa che i paesi con il tenore di vita più basso siano quelli che hanno tenuto chiuse le scuole più a lungo, vaccinato una percentuale inferiore di insegnanti per riprendere le loro attività e sostenuto un minore sviluppo educativo.

Va notato che la stragrande maggioranza delle scuole in Svizzera, soprattutto ai livelli inferiori, è rimasta aperta in presenza. Anche all’asilo i bambini che frequentano senza alcun tipo di mascherina e il contagio della malattia sono minimi. La questione dell’istruzione è molto delicata tra la popolazione che preferisce chiudere ristoranti, fabbriche e negozi piuttosto che danneggiare l’educazione dei bambini e dei giovani.

READ  Il G7 spinge per riforme fiscali che costringeranno le multinazionali a pagare di più

In Messico sono state prese varie decisioni, come tenere le scuole chiuse per un lungo periodo, che porterà a un ritardo nello sviluppo sociale ed emotivo di bambini e giovani che avrà conseguenze negative per il Paese negli anni successivi. Ciò è particolarmente pericoloso oggi, quando l’umanità è immersa in una profonda rivoluzione della conoscenza.