Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’impatto della pandemia e della guerra: l’economia

Di NADIN ARGAÑARAZ *

Il tasso di inflazione dell’Argentina era del 6,7% a marzo, il che si traduce in una discrepanza su due anni del 55,1%. Questi valori mensili sono superiori a quelli dei mesi precedenti (3,9% a gennaio e 4,7% a febbraio). Secondo i dati di marzo, il tasso di inflazione mensile medio per il primo trimestre era 1,23 volte quello del primo trimestre del 2021 (5,1% contro 4,1% e 81,3% annuo contro 62,8%).

Questa dinamica inflazionistica Riflettendo un salto di qualità durante quest’anno, Che, se mantenuto, eserciterà un effetto negativo sul potere d’acquisto di salari e pensioni.

Anche il mondo ha sperimentato un balzo inflazionistico nei primi mesi di quest’anno. Prevalgono due fattori: la fine della pandemia e l’invasione russa dell’Ucraina. Il primo fattore ha avuto effetto nei primi due mesi e il secondo a marzo. Il dibattito in corso ruota attorno al fatto se il balzo dei prezzi relativi e dell’inflazione si concluderà con una cosa passeggera o, al contrario, avrà vantaggi più permanenti.

Data questa situazione, è interessante analizzare l’andamento dell’inflazione nel primo trimestre in un gruppo di venticinque paesi: Germania, Argentina, Belgio, Brasile, Cile, Cina, Colombia, Corea, Danimarca, Spagna, Stati Uniti, Francia, Ungheria, Indonesia, Irlanda, Italia e Messico Norvegia, Paesi Bassi, Paraguay, Perù, Russia, Svizzera, Turchia e Uruguay.

Quest’anno, l’inflazione sia in Argentina che in altri paesi è salita alle stelle. In secondo luogo, sia nel 2021 che nel 2022, l’Argentina ha registrato tassi di inflazione mensili superiori alla media. Due paesi si distinguono per aver registrato un’inflazione più elevata in due mesi specifici del nostro: a gennaio 2022 il tasso di inflazione in Turchia era dell’11,1% (Argentina 3,9%) ea marzo l’inflazione in Russia era del 7,6% (Argentina 6,7%).

READ  UA trasforma semi e bucce di frutta in imballaggi sostenibili

Il Beamster

L’uscita dall’epidemia ha combinato domanda e offerta. maggiore richiesta di maggiore flessibilità e utilizzo della liquidità accumulata; La fornitura è limitata a causa di ritardi nell’esecuzione di problemi come logistica e trasporto. L’intenzione dei paesi era quella di lavorare con la politica economica, per evitare che l’inflazione elevata si protraesse molto più a lungo del previsto.

Nei primi due mesi dell’anno, Turchia e Argentina hanno registrato i tassi di inflazione più elevati, rispettivamente al 4,8% e al 4,7%. Indonesia e Cile, invece, con disuguaglianze pari a zero e 0,3%, sono stati i due paesi con i tassi di inflazione più bassi in questo campione di 25 paesi. Dal canto suo, l’inflazione mensile media per i due mesi è stata dell’1,2%, ovvero 1,9 volte in più rispetto allo stesso periodo del 2021.

Marzo

La guerra scatenata dall’invasione russa del suo vicino, ha causato, tra le altre cose, ulteriori vincoli di approvvigionamento e picchi nei prezzi delle materie prime, del petrolio e del gas.Questo aumento dei prezzi relativi ha avuto un effetto sul livello dei prezzi a marzo e la preoccupazione che sorge è se ci sarà l’effetto del secondo round, che si concluderà con un nuovo balzo inflazionistico.

Analizzando l’inflazione registrata a marzo, Si può notare che i tassi più alti sono stati in Russia (7,6%), Argentina (6,7%), Turchia (5,5%), Paesi Bassi (3,6%) e Spagna (3%).. Ma i maggiori cambiamenti nell’inflazione si sono verificati nei Paesi Bassi, dove l’inflazione a marzo 2022 era 13,2 volte quella di marzo 2021; Russia pari a 11,5 volte; Paraguay con 9,2 volte; Indonesia con 7,7 volte; Danimarca 6,3 volte e Germania 5,4 volte.

D’altra parte, i paesi che hanno subito la variazione minore del tasso di inflazione sono stati il ​​Messico, dove il tasso di marzo 2022 era 1,2 volte il tasso di marzo 2021, e l’Argentina e l’Ungheria, entrambi a 1,4 volte.

READ  I piani di ripresa danno il via alla corsa all'idrogeno nell'Unione Europea | Economie

Rifinitura

Considerando un campione di venticinque paesi composto da Germania, Argentina, Belgio, Brasile, Cile, Cina, Colombia, Corea, Danimarca, Spagna, Stati Uniti, Francia, Ungheria, Indonesia, Irlanda, Italia, Messico, Norvegia, il Paesi Bassi, Paraguay, Perù e Russia Svizzera, Turchia e Uruguay; Si può notare che l’inflazione mensile media per i primi due mesi di quest’anno, come accennato in precedenza, è stata di 1,9 volte rispetto allo scorso anno (1,2% contro 0,6%).

A marzo si è aggiunto l’impatto della guerra, con l’inflazione in aumento di 3,1 volte (0,6% contro 2,0%) a partire da marzo 2021.. Quando si considera il primo trimestre del 2022 nel suo insieme, il tasso medio mensile era dell’1,5%, il che significa che il tasso annuo è del 19,2%. Nel primo trimestre del 2021, l’inflazione mensile media è stata dello 0,6%, ovvero del 7,9% annuo.

In breve, la fine della pandemia e della guerra ha portato a un aumento annuo dell’inflazione di 11,3 punti percentuali.

* Direttore dell’Istituto argentino di analisi finanziaria (YARAF).