Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’immagine scioccante rivelata dal James Webb Telescope | “Caos” nella galassia della ruota di Cartwell

Le immagini rivelate dal James Webb Space Telescope non smettono di stupire. Ora ha lanciato i suoi strumenti nel caos della Galassia Ruota di Carro, rivelando nuovi dettagli sulla formazione stellare: il potente sguardo a infrarossi di Webb è stato in grado di rilevare che, in quella galassia,Altre due piccole galassie appaiono sullo sfondo di molte altre.

Lo scatto ha fornito nuove informazioni su come la ruota di Kartwell è cambiata nel corso di miliardi di anni. Situata a circa 500 milioni di anni luce di distanza nella costellazione dello Scultore, questa galassia è uno spettacolo raro. Il suo aspetto, molto simile a quello di una ruota, è causato da un evento estremo: una collisione ad alta velocità tra una grande galassia a spirale e una galassia più piccola. Le collisioni di dimensioni galattiche causano sempre una serie di piccoli e diversi eventi tra le galassie coinvolte. La ruota del carro non ha fatto eccezione: l’urto ne ha colpito soprattutto la forma e la struttura.

Questa galassia ha due anelli, uno interno luminoso e uno circostante colorato. Si espande verso l’esterno dal centro della collisione, come le increspature in una pozzanghera dopo che vi è stata lanciata una pietra.

A causa di queste caratteristiche distintive, gli astronomi la chiamano “galassia ad anello”, una struttura meno comune delle galassie a spirale come la Via Lattea.

Il nucleo luminoso contiene un’enorme quantità di polvere calda e le regioni più luminose ospitano enormi gruppi di giovani stelle.

D’altra parte, l’anello esterno, che si è espanso circa 440 milioni di anni fa, è dominato dalla formazione stellare e dalle supernove. Quando questo anello si espande, penetra nel gas circostante e porta alla formazione stellare.

READ  Resident Evil 3 Remake lascia indizi sulla sua versione PS5, quindi l'aggiornamento si avvicina alla prossima generazione?