Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’icona gastronomica di José Ignacio, con 800 clienti al giorno, affronta una lotta inaspettata

Punta dell’Este. – Sulle dune di sabbia della spiaggia di Brava, a Jose Ignacio, è una costruzione in legno rustica e sottile. “Parador La HuillaDalla sua apertura nel 2001, il ristorante è diventato un simbolo del villaggio di pescatori dichiarato, ampliando senza dubbio la mappa di Punta del Este.

L’orologio segna le 11:00. La ruspa rimuove la sabbia per facilitare l’accesso alla spiaggia. “Ciao! Cosa ti prepariamo?”, ricevono in coro Martino PetalugaE il Guzman Artagavitia S Gustavo Barbero. Noi siamo Partner che hanno coordinato e assicurato il funzionamento ottimale (e di successo) di La Huella per più di due decenni. Camerieri, fornitori e commensali si muovono al ritmo di una sinfonia organica.

La sua storia è iniziata nel secondo bolla Aperture a José Ignacio. Così lo definisce Petalugadirettore del Parador La Huella, in conversazione con Nazione. “Volevamo semplicemente creare un beach lodge”, spiega, spiegando che il nostro punto di partenza era elevare il concetto gastronomico collaudato in quasi tutte le coste orientali.

Dopo cosa Irvin Ebinger e Hugo Gonzalez acquisteranno il terreno a Playa BravaNasce il ristorante Petaluga, Artagavietia e Barbero. “Ci siamo concentrati su un menu semplice e su un servizio cordiale e attento”, descrive. Abbiamo trasformato Brava Beach in una spiaggia alla moda, di grande successo, molto grande. E anche il ristorante, nei mesi estivi, era una cosa enorme».

Ha iniziato con circa 100 avvolgimenti al giorno e ha raggiunto il suo record con più di 100 avvolgimenti al giorno 1000 servizio al tavolo giornaliero In piena estate 2017. Una delle spezie che ha generato una trazione così massiccia è stata, secondo Petaluga, una delle prime ad aprire tutto l’anno, nonostante otto mesi solari intrisi di un clima di grande sacrificio.

READ  Bolsonaro: Tra isolamento e scherno | Opinione

“Non molto ritorno, ma molta presenza. Aperto tutto l’anno: in un certo senso siamo il faro di Jose Ignacio, la luce è accesa. È così che ci definiamo”, afferma Petaluga.

Qual è la ricetta per la sopravvivenza di La Huella per due decenni come icona di Punta del Este? “Mantieni sempre la qualità. Per questo abbiamo bisogno di formare le persone, e questo è il nostro lavoro quotidiano “, afferma Petaluga. Ha successo anche perché hai un buon rapporto qualità-prezzo e anche perché hai uno staff di alta qualità che si impegna in ciò che desidera fare.

Bar La Huella al mattino, mentre si preparano ad accogliere centinaia di commensaliRicardo Figueiredo

Le giornate iniziano presto. Dalle 8 del mattino sono i benvenuti fornitori di pescatori artigianali e fruttivendoli. Fino a mezzogiorno la cucina chiude, tutto è produzione, anche se puoi venire a bere qualcosa. Allo stesso tempo, circa 10 persone lavorano nel team delle prenotazioni, suddiviso tra chi gestisce gli ordini online e quelli telefonici. E così via fino alle due del mattino: La Huella non si ferma.

L’attrazione, iniziata con il passaparola, oggi fa già il giro del mondo. E per anni, il Parador La Huella – supervisionato dallo chef Vanessa Gonzalez – si è fuso Elenco dei 50 migliori ristoranti in America Latina Nella sua ultima edizione si è classificato al 16° posto.

“Il repertorio di pesce alla griglia del Parador La Huila non ha eguali, rendendolo un punto di ritrovo estivo regolare per i visitatori facoltosi provenienti da Argentina, Brasile, Cile e oltre”, descrive l’organizzazione dietro il riconoscimento internazionale.

Secondo Petaluga, nessun commensale poteva passare attraverso il posto Non provare Volcano Corvina e Dolce de Leche per dessert.

READ  Madeleine McCann: L'amica del principale sospettato ha rotto il silenzio e non ha rivelato i dettagli del caso

L’imprenditore gourmet avverte che la megalomania non ha sempre una lettura positiva. Né il trio immaginava i partner esplosivamente popolari di cui godono oggi senza prenotazioni disponibili fino al 6 gennaio. “Stiamo sgombrando il ristorantema non è facile perché c’è molta richiesta”, ammette, e dettaglia: “Stiamo approfittando dell’epidemia per tornare a volumi inferiori agli 800 cap giornalieri.

José Ignacioun villaggio di pescatori convertito nella zona turistica più esclusiva di Punta del Este con soli 36 edificiFuori stagione, ha circa 300 residenti. Questo numero quasi triplica in estate, a cui si deve aggiungere il costante afflusso di turisti che visitano La Huella e il resto delle comprovate offerte culinarie della zona.

Questo acceso movimento di persone e fornitori sta portando a lamentele da parte di alcuni vicini, spiega Petaluga. Un branco di “potenti”, come li definisce il gestore del Parador La Huella, che protestano contro l’andirivieni delle persone che il ristorante genera.

“Si lamentano perché c’è un movimento più forte in estate”, dice. Solo il ristorante, che i tre soci gestiscono da più di 20 anni, conta 250 dipendenti. “Siamo disponibili tutto l’anno e ci sono alcuni vicini che hanno molto potere e ricchezza. che vogliono provare a tirarci fuori da lì“, e avverte.

Così, afferma Petaluga, il ristorante esiste da più di 20 anni e chi ha acquistato le case ha suffissoConoscere il movimento Jose Ignacio. «Spesso vengono alcuni importanti imprenditori stranieri a volerci dare lezioni di convivenza, ma scusate, hanno comprato», assicura.

E dice: “C’è troppa storia gastronomica in città per smettere di volerci cacciare per un capriccio di 20”.

Nonostante il successo del Parador, il proprietario indica ai nuovi vicini il desiderio di trasformare la zona in una città elitaria: “Vogliono chiudere la città e penso che se la città non avesse negozi, ristoranti e negozi Non ha animasarà una città diventata a Circolo nazionale“.

Martín Pittaluga, uno dei soci gestori del Parador La Huella
Martín Pittaluga, uno dei soci gestori del Parador La HuellaRicardo Figueiredo

L’uomo d’affari che dirige il Parador La Huella dai suoi stabilimenti non esita. “Forse con tutta questa forza ci costringeranno a lasciare quel posto”, afferma. Tutto ha un ciclo, ogni ciclo ha una fine. Alla fine quando ti spingono troppo dici, beh mi sembra che sia ora di andare da qualche altra parte. Queste cose succedono, giusto? niente dura per sempre. Forse è ora che Jose Ignacio se ne vada“.

READ  Gli Stati Uniti hanno condannato le dichiarazioni antisemite del presidente turco sul conflitto tra Israele e il movimento terrorista di Hamas

“È vero che facciamo rumore e ci sono problemi con i veicoli, ma sono due mesi all’anno e ci sono 250 persone dirette che vivono a La Huila, più tutte le persone indirette”, riconosce.

Nazione Consultare le autorità dell’ufficio del sindaco di Maldonado per vedere se ci fossero denunce specifiche contro il ristorante. Non ci sono reclami scritti, ma alcuni vicini si sono lamentati di rumori fastidiosiIl direttore dell’igiene Jorge Pérez conferma.

Il Parador La Huella riceve centinaia di commensali ogni giorno
Il Parador La Huella riceve centinaia di commensali ogni giorno

L’imprenditore ha ammesso che l’idea di lasciare José Ignacio era da tempo in discussione tra i proprietari: “Alla fine uno si stanca e lo faranno accadere, perché tutto ha dei limiti. Siamo lavoratori, viviamo da La Huella, non è uno scherzo”.

“Lo faranno più velocemente di quanto pensino perché siamo stanchi di tanta pressione”.Petaluga sottolinea.

Sebbene non sia esclusa l’idea che José Ignacio se ne vada nel prossimo futuro, quest’estate si stanno preparando al Parador La Huella per un altro successo. Possono arrivare le lamentele dei vicini, ma il traffico turistico è l’unica cosa garantita.

Ulteriori informazioni su The Trust Project