Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Lezioni dall’Europa – Economia

Non appena hanno ricevuto la notizia della morte di Elisabetta II, i globalisti si sono fregati le mani, eccitati per quella che hanno capito essere la caduta di un altro muro. Come se la corona britannica fosse l’unica, o comunque la più importante, le forze dell’agitazione e della propaganda riempirono i giornali occidentali di commenti che parlavano della fine di un’era, del crollo delle monarchie e della praticamente irrilevanza di un istituzione. ridotto a larghezza. Alcuni hanno persino previsto che molti membri del Commonwealth (ex colonie che, pur ottenendo la loro indipendenza, riconoscono i monarchi britannici come propri) useranno l’occasione per rompere quel legame storico. Le ragioni di questa frettolosa campagna sono facili da capire. Per i globalisti, decisi a privare le persone delle ancore della loro identità per poi subordinarle, isolate e disorientate, ai loro schemi, le monarchie sono un ostacolo quanto un fattore unificante, sociale e culturale, un emblema nazionale, un’incarnazione vivente della tradizione che non dobbiamo dimenticare la storia. Convinti che le società fossero già mature per accogliere il messaggio, proposero con questi articoli di estendere il certificato di morte alle monarchie costituzionali dell’Occidente e creare un parere favorevole sull’idea che non avessero più motivo di esistere.

La realtà della strada diceva un’altra cosa: nel corso di una settimana di festeggiamenti funebri, spontaneamente e con sorpresa di molti, gli abitanti delle isole britanniche hanno mostrato grande sofferenza, riconoscimento e rispetto per il loro re defunto raramente dispensato da un personaggio pubblico . Isabelle ha dedicato la sua vita al loro servizio, un compito che non ha perseguito, ma quando è caduta su di esso, ha cercato di svolgerlo con dignità e responsabilità, ei suoi sudditi l’hanno riconosciuta. Ma in più, gli inglesi hanno mostrato che attraverso i profondi fiumi del Regno Unito c’è un senso di identità nazionale, che i portavoce della globalizzazione hanno frettolosamente dichiarato sta morendo, se non categoricamente scomparso.. La decisione di lasciare l’Unione europea sei anni fa, e di pagarne le spese, avrebbe dovuto consigliare loro di essere più attenti. Logo Lunga vita al Re! Quella che ricevettero Carlos III era qualcosa di più di una formula, e può essere ben letta come Lunga vita alla monarchia! Finché ha continuato a rappresentare, al di sopra delle vicissitudini dei tempi, la volontà comune degli inglesi.

READ  Il ministro dell'Economia francese ha affermato che il gasdotto Francia-Spagna (Medcat) "non è una priorità"

Bruxelles = sfumature politiche

È impossibile separare l’addio dato a Elisabetta II sulle isole dall’accoglienza che diede a Georgia Meloni sulla terraferma. Gli schemi erano diversi, ovviamente, così come le condizioni. Lo sfarzo severo e sobrio di Edward Elgar e le circostanze si abbinavano ai ritmi forti ed emotivi di Giuseppe Verdi. Ma in fondo i fenomeni erano simili. Come si sono espressi gli italiani, con il loro voto, in un gesto per affermare la loro identità e storia, e come gli inglesi con la Brexit, rifiutando i dettami dell’Unione Europea, quella sandbox dove i globalisti provano il loro progetto di governo mondiale per la popolazione schiava. Hanno saputo ignorare le minacce della presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, che prima delle elezioni aveva affermato che “se l’Italia si mette in una situazione difficile, possiamo agire, come abbiamo già fatto con Ungheria e Polonia”, due Paesi impegnati a difendere la loro sovranità e subire per essa la punizione dell’UE. . Questo non è stato detto qui, ma tra i popoli della società europea la parola “Bruxelles” produce lo stesso pungiglione che produce tra noi l’espressione “classe politica”, che sono riferimenti a una burocrazia egoistica interconnessa, al servizio di autorità elette superiori a nessuno.

Così come hanno cercato di seppellire l’identità inglese insieme a Isabel, i media che hanno scelto la successiva globalizzazione hanno cercato di soffocare il candidato al governo italiano definendolo vagamente un “neofascista” o “postfascista” (il punto è mettere “fascismo” da qualche parte). Di cosa è fatta l’epidemia di neo-meloni? Ce lo spiega lei stessa: “Qual è l’identità? La prima identità è il mio nome. La seconda identità è il mio genere. La terza identità è la mia fede. La quarta identità è italiana, cioè patriottica”. E ancora: “Cos’è veramente l’Europa? Possiamo parlare di un’Europa che fa a meno della sua identità classica e cristiana? Identità e identità: “Per l’ideologia globale, l’identità è il principale nemico da sconfiggere”. Così come la sovranità: “La sovranità è l’idea di restituire la sovranità al popolo e agli stati nazione, in un momento in cui tutto il potere decisionale è delegato a vari enti al di fuori degli stati, separati dal controllo e dallo stato. la volontà dei cittadini. La stessa dichiarazione di identità che gli inglesi hanno fatto nell’esprimere il loro rispetto per la monarchia, lo stesso desiderio di sovranità che hanno espresso con la Brexit.

READ  Il presidente: Ci auguriamo che venga presa presto una decisione per espandere la capacità del programma TAP

Non a caso

È sorprendente o importante che questi due eventi a cui ci colleghiamo abbiano avuto luogo, uno in Gran Bretagna, culla del liberalismo, e l’altro in Italia, culla del capitalismo. Non è un caso. Il commercio e l’industria hanno bisogno di libertà per il loro sviluppo, la libertà ha bisogno che la nazione la difenda, la nazione ha bisogno di persone con un’identità per la sua integrazione e le persone hanno bisogno di una famiglia, di una comunità e di una fede per formare la propria identità. Ognuno ha bisogno di conoscere la propria storia per poter visualizzare il futuro.

La globalizzazione è in Argentina da molto tempo e la classe politica non ha fatto altro che servire consapevolmente, deliberatamente ed egoisticamente i propri schemi, nelle due fazioni che si alternano al potere. Questo spiega la distruzione sistematica delle nostre istituzioni pubbliche e private. Noi argentini dobbiamo prendere atto con attenzione di queste lezioni che ci vengono dall’Europa e dell’insieme delle esigenze che ho rivelato e che ho appena menzionato. Se arriveremo alle elezioni del 2023 in una forma o nell’altra, avremo un’opportunità, forse l’ultima, di lottare per la nostra sovranità e invertire il corso del declino. Ma se allo spettacolo elettorale manca la libertà, la nazione, l’identità, la famiglia, la comunità e la fede, e se manca la storia, allora nulla cambierà. Nulla può cambiare perché tutto questo è esattamente ciò che ci manca e ciò che spiega il nostro declino.