Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Eurozona registra un altro mese con inflazione record

I dati sull’inflazione parlano da soli (…) La politica monetaria non dovrebbe perdere l’occasione di adottare misure tempestive. Siamo stati molto chiari sul Consiglio direttivo della BCE: le azioni dipendono dai dati.

Joachim Nagel, presidente della banca tedesca.

L’inflazione nell’eurozona ha nuovamente toccato un record a marzo, al 7,5% annuo, secondo i dati preliminari dell’agenzia di statistica europea, Eurostat, nel contesto della guerra in Ucraina che ha fatto salire i prezzi dell’energia.

A febbraio l’inflazione ha raggiunto il 5,9% nei 19 paesi che hanno adottato la moneta unica, valore che era già il livello più alto registrato dall’inizio della misurazione dei prezzi al consumo nel gennaio 1997.

Da novembre, l’inflazione ha battuto record in tutti i paesi.

L’aumento dei prezzi al consumo continua a essere trainato dall’aumento dei prezzi di petrolio, gas ed elettricità in modo sempre più evidente rispetto al passato.

I tassi di energia sono aumentati del 44,7% annuo a marzo, rispetto al 32% di febbraio. Tutti i componenti dell’indicatore sono stati interessati.

L’aumento dei prezzi dei generi alimentari (inclusi alcol e tabacco) è accelerato al 5% dopo il 4,2% di febbraio.

I prezzi dei beni industriali non energetici sono aumentati del 3,4% annuo a marzo contro il 3,1% del mese precedente), mentre i prezzi dei servizi hanno registrato un leggero aumento del 2,7% contro il 2,5% di febbraio.

I paesi con il più alto aumento dell’inflazione, che hanno già raggiunto la doppia cifra, sono gli stati baltici come Lituania (15,6%) ed Estonia (14,8%), seguiti da Paesi Bassi e Lettonia rispettivamente con 11,9 e 11,2%.

Le maggiori economie come la Spagna hanno registrato un aumento dei prezzi del 9,8%; la Germania con il 7,6%; Italia 7% e Francia 5,1%.

READ  Kamalio investe 2 milioni di dollari nel nuovo showroom e nel design di mobili a Santa Ana

I paesi meno colpiti dall’inflazione sono Malta con il 4,6%, la Francia (5,1%), il Portogallo con il 5,5% e la Finlandia con il 5,6%.

Un puzzle per la Banca centrale europea

L’aumento dell’inflazione sta alimentando una crisi sociale in Europa, con molte famiglie che trovano sempre più difficile sbarcare il lunario.

È un mistero anche per la Banca centrale europea (BCE), che ha il compito di garantire la stabilità dei prezzi.

L’inflazione record, che è ben al di sopra dell’obiettivo della banca centrale del 2% annuo, aumenta la pressione sull’istituzione affinché inasprisca la politica monetaria senza indugio e quindi aumenti i tassi di interesse.

Ma una politica troppo rigida potrebbe ostacolare la crescita, che si è appena ripresa dalle ricadute della pandemia di coronavirus.

Il presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde ha affermato la scorsa settimana che la guerra della Russia in Ucraina il 24 febbraio stava “aumentando l’inflazione e deprimendo la crescita allo stesso tempo”.

Il 10 marzo la Banca Centrale Europea ha abbassato la previsione di crescita del PIL per quest’anno al 3,7% (contro il 4,2% del precedente).

Allo stesso tempo, ha alzato la sua previsione di inflazione al 5,1% (contro il 3,2%).

Alto tasso nel tempo

La Bundesbank chiede alla Banca centrale europea di agire

Il presidente della Banca centrale europea Joachim Nagel ha affermato che la Banca centrale europea dovrebbe agire di fronte all’inflazione record nell’eurozona, dopo che l’aumento del tasso ha raggiunto il 7,5%, superando di gran lunga le aspettative della banca centrale.

“I dati sull’inflazione parlano da soli”, ha affermato Nagel in una nota. “La politica monetaria non dovrebbe perdere l’occasione di adottare misure tempestive”.

READ  Scope migliora le prospettive di crescita in Italia

“Nel Consiglio direttivo della Bce siamo stati molto chiari: le azioni di politica monetaria dipendono dai dati”, ha aggiunto.

Da parte sua, Isabel Schnabel, membro del Consiglio della Banca centrale europea, ha affermato durante il fine settimana che la banca centrale prevede di aumentare i tassi di interesse ad un certo punto dopo la fine del programma di acquisto di obbligazioni nel terzo trimestre del 2022.

Il responsabile delle operazioni di mercato ha dichiarato che gli acquisti netti di attività termineranno fintanto che i dati supportano le aspettative che le aspettative di inflazione a medio termine non diminuiranno.

“Aumenteremo le tariffe in un secondo momento, a seconda dei casi, alla luce dei dati ricevuti”, ha sottolineato Schnabel.

“La velocità della normalizzazione dipenderà dalle conseguenze economiche della guerra e dalla gravità e persistenza dello shock inflazionistico”, ha affermato Schnabel.

L’inflazione da sola giustifica l’inasprimento monetario, anche perché i bassi tassi di disoccupazione fanno presagire salari più alti, un prerequisito per un’inflazione permanente.

Ma l’inasprimento della politica monetaria ora potrebbe far deragliare un’economia già vicina alla recessione (Reuters).