Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Lettera aperta dell’UNHCR, dell’OIM e dell’OMS ai capi di Stato e di governo del G20

Lettera aperta dell’UNHCR, dell’OIM e dell’OMS ai capi di Stato e di governo del G20, 29 ottobre 2021.

In occasione della celebrazione di G20 In Italia nei giorni scorsi i responsabili di Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR), Il Organizzazione Internazionale per le Migrazioni (Organizzazione Internazionale per le Migrazioni) e il Organizzazione mondiale della Sanità (Chi è il) diretto a Una lettera aperta ai capi di Stato e di governo dei Paesi con le maggiori risorse economiche del mondo lì riuniti. Il testo completo della traduzione dell’UNHCR (con lievi modifiche ufficiali, comprese quelle mostrate in grassetto), è presentato di seguito.

Il Il Gruppo dei Venti è composto daGermania, Arabia Saudita, Argentina, Australia, Brasile, Canada, Cina, Corea del Sud, Stati Uniti, Francia, India, Indonesia, Italia, Giappone, Messico, Regno Unito, Russia, Sud Africa, Turchia e Unione Europea. La Spagna partecipa come ospite permanente (come fanno molte istituzioni internazionali). Inoltre, a ogni vertice partecipano altri paesi e istituzioni invitati.

Appello ai leader del G20 per rendere disponibili i vaccini ai migranti

Ci rivolgiamo a te a nome dei milioni di persone in tutto il mondo che stanno lottando per sopravvivere alla pandemia di COVID-19 lontano dalle loro case. Alcuni sono stati costretti a fuggire a causa di guerre, conflitti, persecuzioni e violazioni dei diritti umani. Altri si muovono per sfuggire alle difficoltà sociali ed economiche o alle conseguenze del cambiamento climatico.

Come tutti gli stranieri lontani da casa, molti rischiano di essere esclusi o abbandonati. A causa del loro status, molti incontrano ostacoli nell’ottenere vaccini, test diagnostici, trattamenti, cure e persino informazioni affidabili.

È un dato di fatto che alcuni dei paesi più poveri del mondo abbiano la maggiore responsabilità nel sostenere gli sfollati e altri migranti. Questi paesi hanno bisogno di forniture affidabili e adeguate di vaccini e altre forniture essenziali per stabilizzare i loro sistemi sanitari fragili e sovraccarichi, per aiutare a salvare la vita dei loro cittadini e dei migranti, nonché dei rifugiati e degli altri sfollati che accolgono.

Tuttavia, l’attuale divario nell’uguaglianza dei vaccini tra i paesi più ricchi e quelli a basso reddito mostra che le vite delle persone più povere e vulnerabili del mondo non vengono prese in considerazione. Nei paesi ad alto reddito sono state somministrate 133 dosi del vaccino COVID-19 ogni 100 persone, mentre nei paesi a basso reddito sono state somministrate solo 4 dosi ogni 100 persone.

READ  Fattori di business che aiuteranno a migliorare le prestazioni del mercato delle nanotecnologie mediche: aggiornamenti della ricerca medica e farmaceutica

La disuguaglianza nella distribuzione dei vaccini uccide ogni giorno e continua a mettere a rischio tutti. La storia e la scienza chiariscono: un’azione coordinata per un accesso equo alle risorse della sanità pubblica è l’unico modo per affrontare un’epidemia globale di salute pubblica come il COVID-19. Abbiamo bisogno di una spinta forte e collettiva per salvare vite umane, ridurre la sofferenza e garantire una ripresa sostenibile in tutto il mondo.

E mentre i vaccini sono uno strumento molto potente, non sono gli unici. Sono necessari test per scoprire dove si trova il virus, trattamenti come desametasone e ossigeno medico per salvare vite umane e misure di sanità pubblica progettate per prevenire la trasmissione.

In qualità di leader delle più grandi economie del mondo, avete il potere e la responsabilità di contribuire a frenare la pandemia ampliando l’accesso ai vaccini e ad altri strumenti per le persone e i luoghi in cui sono scarsi.

Accogliamo con favore il fatto che il vertice di questo fine settimana a Roma chieda “coraggio e ambizione” per affrontare alcune delle più grandi sfide del nostro tempo, in particolare la necessità di riprendersi dalla pandemia e superare la disuguaglianza. Chiediamo collettivamente a voi, leader del G20, di impegnarvi in ​​questo:

  1. Aumentare la fornitura di vaccini per le persone più povere del mondo. Chiediamo alle principali economie del mondo di finanziare e attuare pienamente il Piano strategico e il budget per l’acceleratore di accesso al Covid-19 (ACT Accelerator), distribuendo vaccini, test e trattamenti dove sono più necessari. Se vogliamo riprenderci dalla pandemia, dobbiamo, come minimo, raggiungere gli obiettivi di vaccinare il 40% della popolazione mondiale entro la fine dell’anno e il 70% entro la metà del 2022.
  2. Garantire l’accesso alle vaccinazioni per tutti i migranti e gli sfollati. Chiediamo a tutti i paesi di garantire che tutte le persone nel loro territorio, indipendentemente dal loro status giuridico – inclusi rifugiati, migranti, sfollati interni, richiedenti asilo e altre persone in situazioni di mobilità umana – abbiano accesso a vaccinazioni, test e cure contro il COVID -19. I paesi devono adottare misure concrete per rimuovere gli ostacoli alla vaccinazione di tutti nel loro territorio – ad esempio, la necessità di documentazione specifica, barriere geografiche, l’obbligo, in alcuni casi, che le autorità di immigrazione siano informate di coloro che cercano assistenza sanitaria, costi elevati – e combattere disinformazione che solleva dubbi sui vaccini.
  3. Sostenere i paesi a basso e medio reddito per combattere il COVID-19 con tutti i mezzi disponibili. I paesi a basso e medio reddito hanno bisogno di un supporto completo – finanziario, politico, tecnico e logistico – per vaccinare le popolazioni in modo rapido ed efficace, ampliare l’accesso a test e trattamenti, attuare misure sanitarie pubbliche appropriate e creare sistemi sanitari più resilienti che consentano una rapida preparazione, prevenzione, individuazione e risposta a future emergenze sanitarie.
READ  La fantastica storia che unisce i tifosi del Boca con un Baggio Ferrari

Vi esortiamo ad agire rapidamente per mitigare il devastante bilancio dell’epidemia.

Cordiali saluti,

Filippo Grandi, Alto Commissario ONU per i Rifugiati; Antonio Vitorino, Direttore Generale dell’OIM; Tedros Adhanom Ghebreyesus, Direttore Generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità

-o-

Altre notizie correlate in fonti ufficiali