Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’estrema destra sta già sentendo l’odore della forza in Spagna | Vox raddoppia il suo sostegno elettorale in Castilla y León e chiede l’ingresso nel governo regionale

da Siviglia

Gli spagnoli di estrema destra Non è più soddisfatta del condizionamento dei governi conservatori ai quali viene fornito sostegno parlamentare dall’estero. proprio adesso Esige di toccare il potere e Castilla y León, la più grande regione della Spagna e una delle regioni più colpite dal continuo processo di migrazione della popolazione nell’entroterra, Sta per diventare una di loro.

Domenica scorsa si sono svolte le elezioni regionali Quella comunità, che è stata governata dal Partito popolare per più di 30 anni, e Vox, che nel 2019 ha vinto un solo seggio, hanno raddoppiato il loro sostegno. Diventare la terza forza politica con 13 deputati. Il vostro sostegno è essenziale affinché il governatore Alfonso Fernández Manuico, del Partito popolare, continui a essere capo del governo regionale. Il presidente nazionale di Vox, Santiago Abascal, ha già fissato un prezzo: lui stesso chiede l’accesso al potere esecutivo.

La pausa in Andalusia

L’estrema destra ha fatto irruzione nella politica spagnola alle elezioni regionali andaluse, tenutesi a dicembre 2018, quando ha vinto sorprendentemente 12 dei 105 seggi nel parlamento regionale. In quell’occasione, il suo sostegno è stato essenziale anche per l’investimento alla presidenza di un candidato del Partito Popolare, il primo non socialista nella regione più popolosa della Spagna dall’instaurazione dell’autonomia nel 1981.

Vox ha scelto di sostenere l’inaugurazione, fornendo supporto parlamentare per il nuovo governo e il suo adattamento dall’esterno. Dopo questa interruzione, ogni volta che ne ha avuto l’opportunità, ha scelto modelli simili nei governi municipali e regionali: sostegno parlamentare ai governi di destra ma senza entrare a far parte del governo.

READ  Sono andati ad Haiti in missione di solidarietà

Ora cavalcando un’ondata di supporto crescente, Abascal – che promuove un’alleanza europea con altri leader estremisti come il presidente ungherese Viktus Orban – è pronto a fare un salto di qualità. E fissa un prezzo più alto: vuole mettere le sue pedine nei governi regionali.

La mossa di Apascal può sembrare paradossale, poiché il suo partito nega lo stato autonomo, la forma di governo decentralizzata che la Spagna si è data con la sua costituzione del 1978, e aspira a tornare allo stato centralizzato scomparso con il dittatore Francisco Franco. L’autonomia, con i suoi poteri essenziali come la salute, l’istruzione, la giustizia, i lavori pubblici o la cultura, è rappresentata nella suggestiva retorica di Vox per esprimere tutti i mali che colpiscono la Spagna, ma, allo stesso tempo, è un’opportunità senza pari per accumulare forza e finanziamenti per il suo grande obiettivo: l’ingresso del governo spagnolo dopo lo svolgimento delle elezioni. Elezioni generali di fine 2023.

PP, tra martello e incudine

La richiesta di Vox, che ha già annunciato che la prima cosa che farà il governo sarà l’abrogazione delle leggi regionali sulla memoria storica e la lotta alla violenza sessuale, pone il partito popolare tra l’incubo e la roccia. Sebbene la cultura del disaccordo con l’estrema destra in vigore in paesi come la Germania o la Francia in Spagna sia tutt’altro che consolidata, formare un governo di coalizione con Vox, anche se a livello regionale, sarebbe un duro colpo al prestigio del paese. PP in Europa. Alcune delle tesi di estrema destra, come la negazione del cambiamento climatico, l’euroscetticismo, la criminalizzazione degli immigrati o la negazione di diritti già stabiliti come l’aborto o il matrimonio equo, sono inaccettabili per la maggior parte dei liberali e dei conservatori europei.

READ  Lo stato di paralisi nel Consiglio della magistratura può essere prorogato fino al 2024

Inoltre, ci sono preoccupazioni nel Partito popolare che l’ingresso di Vox nei governi regionali, con le elezioni andaluse già alle porte, diventi un catalizzatore per gli elettori di sinistra che bloccano il cambiamento nel ciclo politico dei loro sogni. per il prossimo anno.

Ma d’altra parte capiscono che con il crollo dei Ciudadanos, la formazione liberale con cui hanno stretto accordi ma che si disintegra con lo svolgimento delle elezioni, non hanno altra scelta che schierarsi con Vox. Fino a che punto sono disposti a offrire è ora il grande dilemma che dovranno risolvere.

Al momento, stanno affrontando questo dilemma con disaccordi interni. Il presidente nazionale, Pablo Casado, si rifiuta di firmare un accordo governativo con Vox Fernandez Manico chiede che si raggiunga prima un accordo con i partiti provinciali e poi chiede che l’estrema destra si astenga dal voto sull’insediamento del presidente. Per i leader nazionali del Partito popolare, quelli che trarranno maggior beneficio da un accordo di governo con Vox saranno i socialisti, che avranno ampie munizioni per attaccarli nei prossimi processi elettorali.

Tuttavia, il candidato rifiuta di escludere un esplicito accordo governativo con l’estrema destra e rivendica la sua competenza a prendere decisioni in modo indipendente in Castilla y León.

Contro Fernandez Manico pesa dopo essersi mostrato uno sfortunato stratega. Fino a due mesi prima, governava tranquillamente in coalizione con i liberali di Ciudadanos e decise di forzare l’accordo per indire elezioni anticipate in cui aspirava a ottenere la maggioranza assoluta assorbendo i suoi elettori dai suoi alleati. Ciudadanos, come previsto, è annegato alle elezioni ma i loro voti non sono andati al PP, ma al Vox. Inutilmente, Fernández Maneco ha messo il suo partito in un problema da cui ora non sa come uscire.

READ  Salgono sull'aereo per tornare a casa, ma atterrano in un posto inaspettato