Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’estate in cui lo sport italiano veniva chiamato ‘Azzurro’

Primo emendamento: Ultimo aggiornamento:

Roma (AFP) – La spettacolare estate italiana (del nord), costellata di vittorie azzurre, come quella di Roberto Mancini in Coppa dei Campioni, o di Marcel Jacobs nei 100 alle Olimpiadi, ha talento per la continuità o sbiadisce velocemente l’abbronzatura estiva?

Donnarumma ferma il rigore e Chiellini alza la Coppa dei Campioni per l’Italia per la prima volta dal 1968. L’inaspettata vittoria olimpica all’ettometro di Marcel Jacobs è stata una sorpresa del pubblico, prima di tornare nella staffetta 4×100.

Ma anche Gianmarco Tampere, oro altezza, 40 medaglie per l’Italia alle Olimpiadi e 69 medaglie alle Paralimpiadi.

Sonny Colbrelli ha vinto alla dantesca Parigi-Roubaix. Italiano (Peretini) per la prima volta nella finale di Wimbledon. L’Italia è anche campionessa europea di pallavolo (uomini e donne), softball e persino football americano.

Al suono della canzone del gruppo Maneskin, primo vincitore dell’Eurovision in Italia dal 1990, il paese ha avuto l’opportunità di vivere molteplici celebrazioni di massa più di un anno dopo la pandemia di covid-19.

Roberto Mancini ha festeggiato questo autunno “Dopo quello che è successo nel mondo, e soprattutto in Italia, dove siamo stati tra i primi ad essere contagiati dal virus Covid-19, siamo felici di portare allegria e calma alle persone”.

‘bisogno di un abbraccio

“Dopo un anno e mezzo di morte, malattia e reclusione, lo sport è stato in grado di riportare i sentimenti comuni di cui le persone avevano così disperatamente bisogno. La gioia di vincere è stata il doppio della gioia di potersi abbracciare l’un l’altro”, Nicolas Speti ha detto all’Afp. Storico dello sport dell’Università di Bologna.

(Da sinistra a destra) Lorenzo Bata, Marcel Jacobs, Iusa Desallo e Filippo Torto, campioni olimpici dei 4 x 100 metri il 6 agosto 2021 a Tokyo Alexandra Szmigel Paul / AFP / ARCHIVI

“Ancora una volta si sottolinea lo sport (come il cibo) come vettore un po’ paradossale di patriottismo: è in grado di unire gli italiani a livello internazionale, pur essendo uno degli elementi principali della divisione nazionale”, sottolinea.

READ  L'Atletico ha colpito, sopportato e sconfitto Huracan

“L’euforia dei festeggiamenti ci ha permesso di godere di un ritorno alla vita con meno restrizioni”, ha confermato ad AFP Maurice Gaspari, opinionista e consulente per il calcio femminile della Federazione italiana.

Tutto ciò ha permesso agli italiani di ritrovare l’orgoglio per il proprio sport, “in marcato declino dal 2010”, tra le squadre di calcio prive di titoli nelle competizioni europee, il primato della Ferrari in Formula 1 e le finali professionistiche di leggende come Del Piero, Totti, Rossi o Pellegrini.

Ma quelle “notti magiche” sopravviveranno anche al freddo inverno?

Secondo Maurice Gaspari, «è ancora presto per dire se sarà un momento significativo, che finalmente coinciderà con una rinascita dopo la crisi economica degli ultimi 30 anni».

Per Nicholas Spiti, “probabilmente dipende molto” dall’evoluzione della pandemia.

– ‘Un desiderio sportivo’ –

“Ma se il virus scompare nel giro di pochi mesi e grazie alle vaccinazioni, non è escluso che i successi sportivi dell’estate 2021 siano legati alla fine di questo periodo. Un po’ come vincere i Mondiali del 1982 (di calcio). divenne, senza esagerazione, un simbolo della fine degli “Anni di piombo”, sottolinea lo storico.

Il tennista italiano Matteo Berrettini ha vinto il secondo trofeo a Wimbledon l'11 luglio 2021 a Londra
Il tennista italiano Matteo Berrettini ha vinto il secondo trofeo a Wimbledon l’11 luglio 2021 a Londra Adrien Denis Agence France-Presse / Gli archivi

Sul piano prettamente sportivo, l’estate è già fuori portata per il Nacional, che a novembre non è riuscito a qualificarsi direttamente al Mondiale, ea marzo dovrà giocare due pericolosi playoff.

Quanto all’effetto dei successi nello sport tra i giovani, “questo fenomeno esiste, ma, come le vittorie, dura poco”, stima Maurice Gaspari.

La vera “eredità permanente”, a suo avviso, potrebbe essere l’entrata in vigore di una riforma del governo strettamente per sviluppare l’insegnamento dello sport nelle scuole primarie, una “carenza storica del sistema scolastico italiano”.

READ  La decisione di Cristiano Ronaldo potrebbe rompere il mercato

“Abbiamo sanato il difetto che esisteva tra il nostro Paese e gli altri Paesi europei, in quanto è la medaglia più bella di quest’anno eccezionale”, ha detto all’AFP il sottosegretario alla Medaglia Sport e Scherma Olimpica Valentina Vezzali.

“I risultati di quest’anno magico per l’Italia hanno generato tanta voglia di questo sport, basti guardare le piste di atletica prese d’assalto dai giovani che vogliono emulare Marcel Jacobs”, celebra.

Questi giovani sperano di poter sognare anche nel 2022, magari a febbraio con lo stesso Jacobs, di nuovo sulle piste, o la sciatrice Sofia Jogia alle Olimpiadi invernali.