Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’esercito ucraino ha lanciato un contrattacco e ha affermato di aver compiuto progressi nel Donbass e nel sud

Ieri le forze ucraine hanno cercato di respingere le forze russe nell’est e nel sud del Paese, teatro di aspri combattimenti da settimane, in una guerra che colpisce gravemente le forniture globali di grano.

La Francia ha specificamente offerto assistenza per garantire l’accesso al porto ucraino di Odessa, sul Mar Nero, per alleviare la pressione che porta all’inflazione e minaccia di causare carenze alimentari in tutti i continenti.

Lo stato maggiore dell’esercito ucraino ha indicato su Facebook di aver bombardato “posizioni russe” in cinque città di Kherson nel sud, una delle prime a passare sotto il controllo di Mosca dopo l’inizio dell’invasione russa, il 24 febbraio.

L’offensiva russa, che è stata respinta in altre parti dell’Ucraina, è attualmente concentrata nel sud e nell’est del Paese, in particolare nel Donbass, composto dalle province di Lugansk e Donetsk e controllato da ribelli in parte filo-russi dal 2014.

I combattimenti sono particolarmente intensi a Severodonetsk e nella vicina Lisechansk, che sono posizioni chiave nell’occupazione di questa regione.

Le truppe russe controllano già parte di questa vecchia area industriale e, come riportato ieri dal governatore di Lugansk, Sergei Gaidai, hanno distrutto il Palazzo di Ghiaccio di Severodonetsk, uno dei simboli della città.

In un messaggio diffuso giovedì sera, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha affermato che “Severdonetsk, Lysechhansk e altre città del Donbass, che sono state prese di mira dagli occupanti, stanno resistendo”.

Zelensky ha anche osservato che le forze armate ucraine hanno compiuto progressi nelle regioni di Zaporizhia (sud) e Kharkov (nordest) e sono in procinto di “liberare la nostra terra”.

“La vittoria dell’Ucraina”. Russia e Ucraina, che rappresentano il 30% delle esportazioni mondiali di grano, si incolpano a vicenda per aver distrutto le riserve di grano. Inoltre, l’Ucraina ha paralizzato milioni di tonnellate di grano che non può esportare a causa del blocco dei suoi porti.

READ  Un modo crudele per un agricoltore australiano di sbarazzarsi dei topi in mezzo a un'epidemia di roditori

D’altra parte, le sanzioni occidentali impediscono alla Russia di esportare gran parte della sua produzione agricola o di fertilizzanti.

Un consigliere del presidente francese Emmanuel Macron ha detto che la Francia è pronta ad aiutare a garantire l’accesso al porto ucraino di Odessa. Kiev si rifiuta di rimuovere le mine da questo porto, temendo che Mosca coglierà l’occasione per attaccare la città.

“Siamo a disposizione delle parti per avviare un processo che consentirà un accesso sicuro al porto di Odessa, ovvero il passaggio delle navi nonostante il mare sia minato”, ha affermato il cancelliere francese. La prossima settimana, il leader francese si recherà in Romania e Moldova, che condividono il confine con l’Ucraina. Ma nessuna data è stata ancora fissata per una visita a Kiev, secondo l’Eliseo. Macron non ha ancora visitato la capitale ucraina, a differenza di molti dei suoi omologhi europei.

Ieri Zelensky ha elogiato la leadership britannica e il sostegno alla Russia durante una visita senza preavviso del segretario alla Difesa britannico Ben Wallace. “Le parole diventano azioni. Questa è la differenza tra le relazioni dell’Ucraina con la Gran Bretagna e altri paesi”, ha detto Zelensky in un videoclip.

La presidenza francese ha dichiarato di voler “vincere l’Ucraina” dopo che Macron ha attirato critiche da Kiev chiedendo “di non umiliare la Russia”.

L’invasione russa ha messo in crisi i paesi europei e ieri nove di loro hanno esortato la NATO a rafforzare il proprio fianco orientale.

I leader di Bulgaria, Repubblica Ceca, Estonia, Ungheria, Lettonia, Lituania, Polonia, Romania e Slovacchia si sono incontrati a Bucarest, la capitale rumena, meno di tre settimane prima del vertice della NATO a Madrid.

READ  Guerra in Europa: i soldati russi hanno assassinato uno dei loro leader

Il presidente rumeno Klaus Iohannis ha dichiarato: “Alla luce dei crescenti rischi per la sicurezza in Romania e nel Mar Nero, il consolidamento della NATO sul suo lato orientale è diventato più urgente e importante”.

Un crimine di guerra Oltre alle armi, le forze ucraine hanno ricevuto rinforzi da migliaia di volontari stranieri reclutati per combattere l’invasione russa. Tre di loro, due britannici e un marocchino, sono stati condannati a morte dalle autorità separatiste nella regione di Donetsk giovedì per aver lavorato come “mercenari” per l’Ucraina.

Questi sono gli inglesi Aydin Islan e Sean Penner, che si arresero ad aprile nella città costiera di Mariupol (sud-est), e il marocchino Saadoun Ibrahim, catturato a marzo nella città orientale di Volnovaja.

Il ministero degli Esteri tedesco ha definito le sentenze “scioccanti” e ha deplorato “il completo disprezzo della Russia per il diritto internazionale umanitario”. Il massimo diplomatico britannico, Liz Truss, ha confermato che si trattava di “un processo farsa senza assolutamente alcuna legittimità” e un portavoce del suo governo ha chiesto che fossero trattati “come prigionieri di guerra”.

Una portavoce dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Ravina Shamdasani, ha affermato che l’ONU ritiene che questi processi non abbiano avuto “garanzie” e costituiscano di per sé un “crimine di guerra”, mentre il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, ha identificato tutte le responsabilità e la Russia ha detto che il verdetto si basa sul codice penale dell’autoproclamata Repubblica di Donetsk.

Potrebbe piacerti anche