Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’eredità di Vasile costringe Mediaset a cercare soluzioni finanziarie di emergenza

Paolo Vasili Mediaset lascerà la Spagna alla fine di quest’anno Dopo un accordo con i suoi superiori in Italia. Tuttavia, nonostante i progetti della squadra di Pier Silvio Berlusconi – figlio del fondatore della rete ed ex presidente del Consiglio italiano – di rilanciare la rete e ricostruire il modello televisivo e di business del gruppo, la verità è che tutte le fonti da lui consultate Obbiettivo Indica che l’eredità è stata lasciata dal grande CEO dopo 23 anni di gestione Ciò ostacolerà la redditività dell’azienda a medio e lungo termine.

Squadra Mediaset Italia –Che ha assunto il team commerciale spagnolo poche settimane faHanno scoperto che la situazione era più complessa di quanto si aspettassero. Il rigoroso controllo dei costi del gruppo in Spagna impedisce investimenti per ricostruire la rete senza compromettere Ebitda e profitti. Ciò significa che l’unica opzione rimasta è che l’Italia immetta liquidità in Spagna se vuole tornare competitiva, Qualcosa di complicato se consideriamo che anche gli account di MediaForEurope (The Matrix) non stanno prosperando.

In Italia si sta discutendo di un vicolo cieco che ha costretto l’azienda a cercare soluzioni di emergenza. Gli allarmi sono attivati ​​e ora Alla ricerca di un modo per ricostruire l’attività Senza escludere che i piani di cambiamento siano paralizzati Se non si ottengono i fondi necessarianche. Alcune delle risorse di cui, tra l’altro, è stato privato lo stesso Vasile quando un anno fa si è recato in Italia per chiedere un sostegno economico per riparare la grata e cambiare modello.

I piani di Berlusconi

I piani del figlio di Berlusconi, È stata consigliata dall’attuale presidente di Mediaset España, Borja PradoAmbizioso: riformare il modello televisivo, eliminare Salvami e reality, rafforzando la propria strategia digitale, rendendo i notiziari più importanti nel panorama politico e potendo aumentare la qualità e la quantità dei loro inserzionisti. Ma in Mediaset Spagna non ci sono soldi per contrastare questo cambio e il manager che sostituisce Vasile – sicuramente italiano e più fidato di Pier Silvio Berlusconi – Dovranno accontentarsi del grande aiuto dell’Italiacercare di correggere la rotta a lungo termine o gestire una televisione che non aspira a riconquistare la leadership delle masse.

READ  Cos'è la crisi del debito e come la si supera? Chiavi per comprendere la risposta della BCE

Lo spiegano a questo giornale fonti del settore e della stessa filiera Calo del pubblico che Telecinco ha dovuto affrontare nell’ultimo anno È solo la punta dell’iceberg. Modello televisivo esausto, costi di produzione ridotti al minimo indispensabile, stipendi alti delle star in calo, a Ora di punta Con problemi di concorrenza commerciale e notizie senza influenza, forma una miscela esplosiva che minaccia di esplodere nelle mani del successore di Vasily.

Problemi che si verificano nei momenti peggiori, Con il calo del mercato pubblicitario, una quota commerciale in calo nel totale day e prime time e con il mercato televisivo più frammentato della storia. Un ecosistema in cui Netflix ha iniziato a vendere annunci per la sua versione a basso costo. Questo significa che le grandi piattaforme non si limitano più solo ad escludere il pubblico dalle grandi catene storiche, ma vanno anche a monetizzare la pubblicità.

Costi e ricavi Mediaset

Gli ultimi risultati semestrali presentati dalla società – che coincidono con un semestre al secondo posto nelle masse dopo Antena 3- Segnala un fatturato di 415,2 milioni, che è una diminuzione del 2%.. Tuttavia, se ingrandisci questa immagine, puoi vedere che le entrate pubblicitarie totali sono diminuite del 5% e le entrate derivanti dal marketing del proprio canale sono diminuite del 6,8%. Ciò che ha salvato il fatturato totale è stato il reddito della sua nuova società di eventi e Contenuti brandizzati (Be Lion) e anteprime di stagione.

Dal punto di vista dei costi, questi sono ridotti al minimo. Nel primo trimestre hanno raggiunto i 309,2 milioni, lo 0,5% in meno rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, Sebbene nel secondo trimestre sia diminuito del 12,7%. La principale riduzione è stata realizzata nei costi operativi, che sono diminuiti del 10,3% a semestre e del 25,2% trimestrale.

READ  Bruxelles propone la formula della detrazione fiscale per il patrimonio netto e il capitale di debito | Economia

Se si decide di utilizzare risorse dalla Spagna per il ristabilimento, c’è un margine ristretto di 100 milioni di Ebitda a semestre –Che erano 225 milioni alla fine del 2021– , anche se questo significa dimenticare la redditività ed eventualmente rinunciare ai dividendi e agli utili realizzati finora. Un’altra formula di finanziamento è ricorrere al fondo: Attualmente ha un patrimonio netto di 366,4 milioni di nati flusso di cassa libero Tra gennaio e giugno 114,0 milioni.

Tagliare i costi

Dal punto di vista finanziario, la gestione di Vasile è stata impeccabile nel corso di 23 anni, generando profitti record per il suo principale azionista e una televisione redditizia. Il problema è che la sua redditività era basata sul breve termine e soggetta alla guida delle masse Questo gli ha dato la più grande quota di mercato e la migliore gamma. Senza questa importante componente – che ha perso un anno fa – gli inserzionisti non vorranno ripetere i numeri precedenti.

Lo dimostra il fatto che la raccolta dei propri canali è superiore alla media del mercato (-5%). Mediaset comunica di aver aumentato i prezzi del 5,6% nel semestre, riflettendo che questo aumento non ha compensato nemmeno la diminuzione dei volumi. Quindi la quota di mercato di Ora di punta Si stima che sia inferiore di cinque punti rispetto ad Atresmedia, il che inevitabilmente riduce le entrate dello slot televisivo commerciale più pagato.

L’impatto del lavoro di Vasile su Mediaset può essere valutato solo nel breve termine. Era un grande finanziere, ma era un povero stratega che giocava tutte le sue carte con il modello Salvami, ha avuto molto successo all’epoca, ma ha vacillato nel pubblico per un anno. Vasily non ha costruito il futuro mediaset, non ha investito in nuovi programmi o serie o in notizie più facili, Si è dedicato esclusivamente a mettere in rete alternative di reality TV con co-produttori i cui margini sono stati ridotti al minimo.

READ  Banca mondiale e FMI sollecitano il G7 a rilasciare vaccini in eccesso surplus

modello finanziario

Un buon esempio in tal senso è la fine dei telegiornali Quattro, con i quali ha risparmiato 30 milioni di euro, come ipotizzava segretamente lo stesso Vasily. Né hanno comprato i Mondiali di quest’anno dopo più di un decennio che ha reso redditizia questa manifestazione sportiva sugli schermi Mediaset. L’austerità che l’attuale amministratore delegato ha cercato per poter rispettare la politica di controllo dei costi che ostacolava qualsiasi modifica del modello prima della sua nascita.

Perché ricostruire una stringa non è economico. Ricercare nuovi format, firmare nuovi volti, ricostruire una redazione e diversificare le entrate può costare decine di milioni di euro, Cosa difficile almeno nel contesto della pubblicità attuale e quando non sei più il leader del pubblico.