Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Leggenda del calcio colombiana catturata in Italia per traffico di droga

Ex calciatore colombiano Anthony de Evila, Che si colloca all’undicesimo I migliori pistoleri della nazionaleÈ entrato nella lista nera degli ex militari del Paese coinvolti nel traffico di droga dopo essere stato arrestato martedì dalle autorità italiane a Napoli.

Polizia di Napoli, riportano i media italiani Lo cerco dal 2001Presumibilmente, in quella città del sud Italia e a Genova (nord) sono stati commessi un giro di traffico internazionale di droga e reati di traffico di droga e produzione.

Il sentiero di Anthony de Evila

arrestato “Il Puffo” È uno dei più popolari perché ha il punteggio colombiano più alto di 29 alla Copa Libertadores, 27 di loro con magliette America de Kali Due con il Barcellona e sesto nella storia di quella competizione.

ugualmente La Colombia ha vinto il campionato sette volte ‘Red Devils’ e in un’occasione con la squadra di Guayaquil Ecuador Serie A. Ha anche giocato per l’Union de Santa Fe e la MLS Metrostars.

Questo potrebbe interessarti: Lewandowski ha vinto la Scarpa d’Oro 2020. Ha vinto per Messi e CR7

Era anche quello Mondiali in USA 1994 e Francia 1998. Durante la sua permanenza nella squadra nazionale colombiana, ha concesso un gol in una partita a eliminazione diretta del 1997 ai trafficanti di droga Miguel e Gilberto Rodriguez e al cardinale Gali Cabos.

Calciatori colombiani arrestati per traffico di droga

Tuttavia, non è il primo ex calciatore colombiano ad essere arrestato per traffico di droga. John Vifara, campione della Copa Libertadores 2004 Una volta consegnato a Caldas e agli Stati Uniti, ovvero Luis Alfonso ‘Pendito’ Fazardo, i Mondiali del 1990 in Italia.

Wifara, cosa? Ha giocato per la Real Sociedad nel 2006, Deportato negli Stati Uniti nel gennaio dello scorso anno 11 anni e tre mesi di carcere Dopo essere stato condannato per traffico di droga.

Anche lui Ex calciatore del Southampton È stato arrestato nel marzo 2019 insieme ad altri quattro durante un’operazione della polizia colombiana sostenuta da agenti dell’Agenzia antidoping statunitense (DEA).

Detenuto dagli agenti delle Forze Tecniche (CTI) dell’Ufficio del Procuratore Generale nel settembre 2008 “Beato” Fazardo Per riciclaggio e cattiva condotta dei calciatori Edison Saare, Rafael Castillo e Felipe Penalcasar.

Potrebbe interessarti: Aaron Rodgers esplode e le reazioni della settimana 2 su The Ritual Podcast

Tuttavia, dopo gli accertamenti, l’ex calciatore della Nazionale È stato rilasciato dopo aver trascorso due mesi in prigione Al carcere Bellavista di Medellin.

“El Toro”, accusato nel 1993

Un altro caso è quello di Umar “El Toro” Canas con la Nazionale dell’AtleticoSparato da uomini armati nel febbraio 1993 ad Antiochia (nordovest).

Uno dei tre uccisi insieme all’ex giocatore della Nazionale è cambiato Madeleine Cardlin è il fratello del boss dei Hitmen. I corpi avevano ferite multiple da arma da fuoco e il braccio e la gamba erano fasciati.

Interpretato da Wilson Perez Le tre partite della Colombia ai Mondiali statunitensi. È stato richiamato a Barranquilla Jr. e Galle negli Stati Uniti quando è stato sorpreso mentre si imbarcava su un volo per Galle nell’ottobre 1995 all’aeroporto Ernesto Cortisos di Barranquilla con un pacco contenente 180 grammi di cocaina.

Potrebbe interessarti: Il Sensation Team della Premier League

READ  "Totale, ma definitivo": Egan Bernal ricorda la follia commessa al Giro d'Italia

Condannato Perez, che giocava nell’ormai defunta Unicosta di prima divisione 50 mesi di reclusione Per il reato di traffico di droga.

Diego Lean Osorio, controllato

Nel 2019, a due anni dalla cattura, l’ex calciatore Indipendente Medellin, Atletico National e Indipendente Santa Fe Diego Leon Osorio è stato condannato a cinque anni di carcere per traffico di droga e commercializzazione.

Osorio, che ha giocato con la Colombia nel torneo Giochi Olimpici di Barcellona 1992, È stato arrestato nell’ottobre 2016 all’aeroporto Jose Maria Cordova di Rio Negro con un chilo di cocaina che aveva intenzione di portare in Spagna.

EFE