Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’economia tedesca ha la capacità di resistere all’interruzione del gas russo

Molta saggezza convenzionale sull’attuale crisi del gas naturale in Europa, innescata da Scarse forniture dalla RussiaSi basa su due presupposti: che l’economia tedesca dipenda dal gas russo a buon mercato e che questa esposizione abbia commesso un errore spettacolare per i sinistri interessi che ora governano Olaf Scholz. Ma mentre l’industria tedesca è forte e il paese importa molto gas naturale dalla Russia, uno sguardo più da vicino ai numeri e all’economia non supporta la narrativa prevalente.

Tanto per cominciare, il gas naturale non gioca un ruolo sufficientemente importante nell’alimentare l’economia industriale. Nel 2019, le importazioni di gas dai gasdotti sono costate alla Germania 30 miliardi di dollari, che è solo lo 0,75% del PIL, il valore globale del consumo mondiale di gas. Il paese era inferiore al 2% del PIL.

Questi rapporti modesti sono simili tra le economie industriali e suggeriscono che è improbabile che le importazioni di gas a basso costo rappresentino un fattore importante per la crescita. Inoltre, nonostante la stagnazione del consumo di gas in Germania e in La maggior parte dei paesi dell’Europa occidentale Negli ultimi due decenni, l’economia è cresciuta, anche se lentamente.

Anche l’argomento secondo cui il gas russo a buon mercato potrebbe aver favorito la Germania più di altri paesi non è supportato dai numeri. Nel 2019, la Germania rappresentava solo il 2,3% circa del consumo mondiale di gas naturale, Ma il 4,5% del PIL mondiale. Pertanto, la densità di gas della Germania per unità di PIL è circa la metà della media mondiale, che è molto inferiore a quella degli Stati Uniti e di molti altri paesi industrializzati, inclusi Giappone e Corea del Sud.

READ  Il Regno Unito conferma i primi due casi di variante omicron | Economia

Le economie europee tendono ad essere più efficienti dal punto di vista energetico rispetto al resto del mondo. Ma anche all’interno dell’Europa, la Germania sta andando bene, con un consumo di gas per unità di PIL inferiore rispetto ad altre grandi economie europee come Italia e Spagna. Questo è sorprendente, perché questi due paesi medi hanno meno bisogno di riscaldamento in inverno (e l’aria condizionata in estate richiede molta meno energia del riscaldamento). Solo la Francia, con il suo imponente settore nucleare, è meno dipendente dal gas.

I tedeschi consumano meno gas per abitante rispetto all’altro grande sindacato

Un quadro simile emerge da metriche correlate, come il valore delle importazioni di energia in percentuale del PIL, o l’uso del gas per scopi industriali come parte del valore aggiunto industriale. Tutte queste indicazioni indicano che l’economia tedesca è meno energivora di altre.

L’idea che l’industria tedesca abbia tratto vantaggio dall’accesso al gas russo a basso costo ignora il fatto che esiste un mercato del gas in Europa con, fino ad ora, piccole differenze nei prezzi all’ingrosso tra i paesi. Naturalmente, si potrebbe sostenere che la Russia abbia venduto la sua energia alla Germania a buon mercato per farne un vassallo. Ma i dati sfidano la percezione comune che la Germania stia ricevendo gas a buon mercato.

nell’ultimo decennio, L’industria tedesca ha pagato per il gas naturale il 10% in più rispetto ai suoi concorrenti nelle altre principali economie europee. Le forniture dai giacimenti del Mare del Nord consentivano alle aziende industriali britanniche di pagare meno delle loro controparti continentali, ma questo non sembrava aiutarle molto.

READ  Cosa dice la dichiarazione della SEC sulla multa di 78 milioni di dollari che Tenaris deve pagare per corruzione in Brasile

L’implicazione è che la Russia ha ottenuto un vantaggio non finanziario (la dipendenza della Germania dalle sue forniture di gas) a un costo prossimo allo zero. L’opposto è che la Germania ha perso la sua indipendenza energetica senza ottenere un notevole vantaggio economico.

L’unica grande economia ad alta intensità energetica con disponibilità di gas naturale a basso costo sono gli Stati Uniti. L’americano medio consuma più del doppio di gas naturale di un europeo: 25 megawattora all’anno negli Stati Uniti, rispetto a circa 10 megawatt nei paesi europei.

Il Paese sta già importando una quantità di gas naturale liquefatto che compenserà ciò che ha perso con la Russia

Inoltre, i prezzi del gas naturale negli Stati Uniti sono stati leggermente inferiori a quelli in Germania o nell’Unione Europea per la maggior parte degli ultimi due decenni, e sono solo ora parte del prezzo europeo, I prezzi europei sono raddoppiati di cinque, mentre i prezzi statunitensi sono cambiati di poco.

Tuttavia, nonostante questo vantaggio in termini di costi, la produzione negli Stati Uniti – e nel Regno Unito – non ha registrato una crescita particolarmente forte.

L’adattamento a un mondo senza gas russo è ovviamente un grosso problema per l’Europa. Tuttavia, sebbene la Germania appaia più vulnerabile perché ha ricevuto una parte significativa del suo gas dalla Russia, la situazione potrebbe cambiare rapidamente. La Germania sta costruendo una nuova capacità di rigassificazione da gas a gas in tempi record in modo che il Paese possa importare i volumi di gas naturale liquefatto necessari per colmare il divario tra il calo dell’offerta russa e la domanda interna, che si sta già riducendo a causa dell’aumento dei prezzi.

READ  I rappresentanti evidenziano i contributi italiani alla Repubblica Dominicana

Una volta costruita questa capacità di importazione, la Germania si troverà nella stessa posizione dei suoi vicini europei, che devono anche fare offerte per il GNL. È probabile che i prezzi rimarranno alti per qualche tempo. Ma con una densità energetica inferiore alla media dell’UE, la Germania dovrebbe essere in grado di gestire il carico leggermente meglio di Italia, Spagna e alcuni paesi dell’Europa orientale. Naturalmente, la Francia sarà molto meno colpita, almeno se i suoi reattori nucleari potranno riprendere la piena produzione.

Né dobbiamo dimenticare il panorama globale. Gran parte del gas in bottiglia russo (cosa che accadrà se l’Europa smetterà di acquistare dalla Russia) fa aumentare il prezzo mondiale del gas, che colpisce anche i paesi asiatici, in quanto competono con l’Europa nel campo del GNL.

Corea del Sud e Giappone hanno densità di energia più elevate dell’Europa, e anche la Cina importa grandi quantità degli idrocarburi di cui sopra, a un prezzo simile a quello pagato dai paesi europei.

L’aumento dei prezzi dell’energia, in particolare del gas naturale, rappresenta a difficile sfida economica e politica per tutti i paesi industrializzati importatori di energia. Solo gli Stati Uniti e alcuni altri piccoli produttori di energia, come Norvegia, Canada e Australia, beneficiano di questa situazione. Ma i dati suggeriscono che la Germania è in una posizione migliore per affrontare questa crisi rispetto alla maggior parte dei suoi principali concorrenti.

Commenti1Il WhatsAppFacebookFacebookTwitterTwitterLinkedInLinkedIn