Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’economia sta negoziando un piano alternativo per salvare gli aiuti rurali 5G

Aiutare a implementare il 5G nelle aree rurali è diventata una delle preoccupazioni del Ministero dell’Economia e dell’agenda digitale. Oltre al suo impatto economico 15 milioni di euro; Oppure il numero dei beneficiari – che non sono considerati aree spopolate – è innanzitutto una questione di immagine pubblica. Per questo, Il “Programma passivo per reti SINGLE 5G” abbandonato è stato una battuta d’arresto. Ora si tratta di negoziare su più fronti affinché tutto vada avanti.

Nello specifico, la squadra Nadia Calvino E sta già lavorando per rifocalizzare il tipo ausiliario delle reti 5G passive. Con l’avanzare dell’economia digitale all’inizio di agosto, il gruppo di torreras che doveva raggiungere i 150 milioni di aiuti ha deciso di non partecipare all’appello. Non erano d’accordo sulla formulazione del programma e, in particolare, sul tipo di assistenza fornita.

Ora è il momento di ricominciare. Per quanto riguarda invece l’entità di tale assistenza, il Segretario di Stato per le Comunicazioni, Roberto Sanchez, ha affermato: Lo ha chiarito qualche giorno fa al “36° Meeting dell’Economia Digitale” Organizzato dai datori di lavoro dell’industria digitale Ametic a cui verranno distribuiti 150 milioni di euro in altri aiuti. Allora cosa accadrà alle reti 5G nelle zone rurali?

Lo ha spiegato lo stesso ministro degli Esteri Al momento sono in corso trattative con Bruxelles per vedere come sviluppare il nuovo contatto. La chiave è vedere se consentiranno all’Europa di fornire assistenza per infrastrutture attive, vale a dire chiedere al settore che il programma abbia un senso.

In questo contesto, come ha appreso DIGITAL ECONOMY, ci saranno anche i contatti con le rispettive società (torri americaneE il totemE il Favoretradizione –selnex-) Per soddisfare le tue esigenze. Sebbene questa posizione sia ben nota alla squadra di Nadia Calviño, prima di strutturare il programma di assistenza hanno già registrato il percorso su cui dovrebbe essere.

READ  Oggi "Alba", "Finalissima" e "Dolores: The Truth About the Wanninkhof Affair" si contendono il pubblico

Cosa c’è di sbagliato in questo aiuto?

L’atteggiamento assunto da questo aiuto è sospettato all’interno del settore, ad esempio ci sono stati problemi anche in Italia. Lo sviluppo dell’infrastruttura passiva non ha senso se, a sua volta, non è combinato con lo sviluppo dell’infrastruttura attiva (apparecchiature radio)..

In altre parole, è inutile che American Towers, Totem, Vantage e Tradia -Cellnex- aiutino ad accedere, oltre a ciò che devono investire loro stessi, Se l’infrastruttura menzionata in seguito non è completata con apparecchiature attive come Telefónica, Orange, Vodafone, MásMóvil…per comprendere lo sviluppo strategico della quinta generazione.

Perché non c’è aiuto per i team attivi? Questa è la chiave di tutto. Questo tipo di aiuto deve essere riesaminato da Bruxelles per la sua approvazione. Il problema è che le infrastrutture attive erano viste come potenziali “assistenti pubblici” diretti alle imprese, e ciò non era auspicabile.

In questo modo, come sottolineato da fonti di settore per l’economia digitale, sarà necessario che il programma UNICO Redes 5G abbia un maggiore interesse per le tower company che a loro volta sono state una sorta di assistenza ai team attivi.

Va tenuto presente che, sebbene si tratti di un aiuto, gran parte del dispiegamento deve essere svolto da società, società di torre e operatori telefonici.con il proprio investimento. E lo faranno, logicamente, solo quando presumeranno che si tratti di iniziative redditizie, perché le aree sono rurali o difficili da raggiungere e hanno sempre rendimenti inferiori sul capitale investito.