Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’economia spagnola è già entrata in uno stato di stagflazione

Il Banca di Spagna È stato chiaro nella sua analisi della situazione economica spagnola: dopo il peggior sviluppo durante l’epidemia in tutta Europa, La peggiore ripresa e una delle crisi inflazionistiche più evidenti Dal Vecchio Continente (nonostante la nostra bassa vulnerabilità all’invasione in Ucraina) … Nuovo Modalità “Multi-crisi”..

Questa parola non è stata inventata da me. È quello che la stessa istituzione monetaria utilizza per descrivere la situazione attuale. Vale la pena soffermarsi a pensare a fondo a cosa si riferisce:

Da un lato, secondo i dati forniti questa settimana dall’Istituto Nazionale di Statistica, La Spagna è ora ufficialmente in stagflazione. PIL stagnante (crescita trimestrale dello 0,2%) e inflazione, pur in rallentamento, sopra il 7%. Dobbiamo ricordare che la nostra economia, infatti, è già in stagflazione da quando è iniziata la crisi inflazionistica, perché siamo l’unico Paese europeo che non ha recuperato livelli di ricchezza prima della crisi del Covid19. Ora, nonostante gli sforzi di molti analisti chiave e dei media statali, è ufficiale.

In questa colonna mettiamo in guardia dalla deriva stagflazionistica che stavamo prendendo nell’agosto 2020 (leggere), ci ha avvertito nuovamente nel giugno 2021 (leggereAbbiamo affrontato questo problema quest’anno in 3 occasioni (leggereE il leggere S leggere). Come in tante altre occasioni, Gli intransigenti di destra, sfortunatamente, avevamo ragioneOra il Paese si trova in una situazione difficile da superare e non ci sono quasi strumenti per combatterla.

A queste due crisi (economica e inflazionistica) bisogna aggiungere l’instabilità dei mercati finanziari. Diamo un’occhiata ad alcuni degli eventi delle ultime settimane:

  • È stato necessario L’intervento della banca centrale nelle emergenze Da Regno Unito, Giappone e Cina per evitare il crollo delle rispettive valute.
  • Abbiamo partecipato Il crollo dei prezzi di molte grandi aziende tecnologiche negli Stati Uniti a causa degli scarsi risultati finanziari.
  • Credit Suissedopo gli avvertimenti dati dai propri indicatori di rischio negli ultimi mesi (leggi Questo articolo luglio di quest’anno), una richiesta di salvataggio dalla Federal Reserve, un’altra dall’Arabia Saudita e un piano di modifica per 9.000 persone.
  • Il Tassi di interesse sul debito pubblico Praticamente in tutto il mondo sono ai livelli 2007/2008.
  • La Banca Centrale Europea sta già avvertendo di a deterioramento della situazione finanziaria nei prestiti della zona euro.
  • Lo avverte il Fondo monetario internazionale Condizioni di mercato stressate I mercati finanziari stanno peggiorando e, nonostante siamo ancora lontani dai livelli del 2008, lo sviluppo è preoccupante.
READ  James e Falcao, tra gli acquisti più ostentati dell'ultimo decennio
immagine1.png

La dico in altro modo: l’economia globale non mostra ancora segni di crisi finanziaria, ma la minaccia sta diventando più visibile… e pericolosa.

La Spagna affronta una situazione di questa complessità con Il tasso di disoccupazione più alto dell’intera zona euro, un debito pubblico vicino al 120% del PIL e un deficit pubblico strutturale (cioè indipendentemente dal ciclo economico) al 4%, e con una politica economica sbagliata dall’inizio alla fine, invece di proteggere e rafforzare la nostra economia da qualsiasi evento internazionale che possa verificarsi, affida tutto all’intervento della Banca Centrale Europea. Per salvare l’Europa.

Daydream, sebbene le sue gambe siano molto corte, ora si mostra come un Un modello economico obsoleto e fallito. Diamo un’occhiata ad alcuni degli indicatori che abbiamo visto questa settimana:

La crescita economica, come accennato in precedenza, è praticamente inesistente (0,2%). Inoltre, questi dati si verificano nel contesto di:

  • I consumi delle famiglie si riducono della metà.
  • I consumi della pubblica amministrazione crescono di 1 decimo.
  • L’investimento (formazione di capitale) scende di 3 punti.
  • Il settore degli appalti è in contrazione per il secondo trimestre consecutivo.
  • La produttività, per commessa e per ora lavorata, infatti, è nuovamente rallentata e si è attestata su valori estremamente bassi.
  • E le tasse (+7,2%) continuano a crescere significativamente al di sopra della retribuzione dei dipendenti (+4,8%)
image2.png

Per quanto riguarda L’inflazione, 7,3%, difficilmente può essere considerata un buon numero che abbiamo registrato ad ottobre. i) triplicare il valore di riferimento della Banca Centrale Europea (2%) 2) continua a lasciare la Spagna al di sopra della media UE se si tiene conto della media degli ultimi 12 mesi; e 3) le materie prime continueranno a crescere in modo prevedibile a doppia cifra.

READ  L'Ecuador ha esportato più di 600 tonnellate di avocado nel 2021 | Economia | Notizia
image3.png

E per quanto riguarda il mercato del lavoro? I dati EPA che conoscevamo mostrano un numero molto simile al rallentamento del 2019, anche se c’è un’eccezione: Due posti di lavoro su tre sono stati creati nel settore pubblico. I tassi di disoccupazione continuano ad aumentare e, soprattutto, la Spagna detiene ancora il dubbio onore di avere il tasso di disoccupazione più alto dell’intera zona euro.

Insomma, niente si festeggia per un Paese come ci aspettavamo (leggere) ha rallentato nell’ultimo trimestre dell’anno e molto probabilmente (come previsto da AIReF) entrerà in una recessione tecnica nel primo trimestre del 2023.

Cosa c’è di fronte a noi?

L’inflazione fornisce costantemente respiro sia negli Stati Uniti che in Canada. Inoltre, le principali banche centrali mondiali sembrano ammorbidire i loro discorsi verso uno scenario meno esigente con prezzi più elevati.

Questo significa che i prezzi smetteranno di aumentare? Non sarà così nei prossimi mesi. Ma potrebbe esserci un rallentamento nel ritmo di attuazione della politica monetaria. Ciò significa che, anche se non è stato ancora confermato Gli aumenti dei prezzi possono essere meno rischiosi E più indietro nel tempo all’inizio del 2023.

Questo, tuttavia, Non risolverà i problemi di paesi come il nostro. Senza riforme strutturali e una politica economica volta a distruggere ricchezza, è normale che il nostro Paese rimanga in recessione tutto l’anno (il mio scenario di base è ancora intorno al -1%) e con esso continuerà la distruzione di posti di lavoro e cittadini. I conti subiranno un ulteriore deterioramento.

Tuttavia, il tasso di interesse sulle nuove emissioni è salito a livelli che non si vedevano dal 2013. Ciò, insieme al fatto che La Banca Centrale Europea è stata il principale acquirente del nostro debito pubblico Negli ultimi due anni abbiamo reso un Paese particolarmente vulnerabile a qualsiasi evento finanziario di scarsa natura sistemica. Se l’Europa chiude il rubinetto e/o la situazione dei mercati finanziari peggiora per le tensioni con Credit Suisse, Deutsche Bank o qualsiasi altra banca sistemica, noi, insieme all’Italia, saremo i primi a subirne gli effetti.

READ  La Spagna è il 14° paese dell'Unione Europea in termini di tasso di inflazione
image4.png

Tutto quanto sopra, supponendo che non vi sia alcun effetto contagio della situazione dei mercati azionari che sta già accadendo in luoghi importanti come gli Stati Uniti. L’Ibex 35 ha visto uno sviluppo molto conservativo durante gli anni del boom, motivo per cui ora non soffre nemmeno delle correzioni di altri indicatori. Ma se l’avversione al rischio azionario aumenta, Non dobbiamo escludere una crisi finanziaria nel settore privato Ciò riguarda alcuni dei nostri “eroi nazionali”, che saranno un elemento aggiuntivo alla “crisi multipla” di cui la Banca di Spagna ha messo in guardia.

In ogni caso, fino a quando non cambierà il corso della strategia di politica economica e non verrà dato più peso allo sviluppo del settore privato, la stagflazione rimarrà nella nostra vita. Potremmo crescere un piccolo anno e diminuire l’anno prossimo, ma Non ripristineremo i livelli di ricchezza pre-pandemia per molti anni.

Fili