Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le vendite al dettaglio dell’Eurozona sono diminuite più del previsto a giugno Secondo Reuters

© Reuters. FILE PHOTO: Clienti e dipendenti di un centro commerciale assistono a una dimostrazione a Francoforte il 26 gennaio 2015. REUTERS/Kay Fafenbach/

BRUXELLES (Reuters) – Le vendite al dettaglio della zona euro sono diminuite più del previsto a giugno, poiché i prezzi delle fabbriche hanno continuato a salire, secondo i dati diffusi mercoledì, indicando una domanda debole dei consumatori che potrebbe segnalare una recessione nella seconda metà del periodo. generale.

L’ufficio statistico dell’Unione Europea, Eurostat, ha affermato che i volumi delle vendite al dettaglio nei 19 paesi che condividono l’euro, già aggiustati per l’inflazione, sono diminuiti dell’1,2% su base mensile a giugno, con un calo anno su anno del 3,7. %.

Gli economisti intervistati da Reuters si aspettavano che le vendite mensili rimanessero invariate e un calo annuo di appena l’1,7%.

Il calo delle vendite al dettaglio, una misura della domanda dei consumatori, arriva in un momento in cui i prezzi alla produzione sono aumentati dell’1,1% su base mensile a giugno, in crescita del 35,8% su base annua, secondo Eurostat, indicando un’ulteriore pressione al rialzo sull’inflazione al consumo . e pressione al ribasso sulla domanda.

Sebbene l’economia della zona euro sia cresciuta più del previsto nel secondo trimestre, gli economisti hanno affermato che l’espansione potrebbe essere stata l’ultimo sviluppo prima di una possibile recessione nella seconda metà dell’anno.

Hanno affermato che l’economia soffrirà per l’aumento dei prezzi, trainato principalmente dai maggiori costi energetici, causati dall’invasione russa dell’Ucraina e dai problemi della catena di approvvigionamento globale.

I dati Eurostat hanno mostrato che i prezzi dell’energia a giugno sono quasi raddoppiati rispetto a 12 mesi prima, ma anche escludendo i prezzi alla produzione erano ancora più alti del 15,6% a giugno su base annua, un aumento che influenzerà sicuramente il potere d’acquisto dei consumatori.

READ  La Corte Europea stabilisce che le filiali devono pagare i loro clienti per gli abusi commessi dai loro genitori

Il calo maggiore della domanda al dettaglio è stato per i prodotti non alimentari, esclusi i carburanti, in particolare tramite vendita per corrispondenza e online, in calo del 12,5% su base annua, secondo Eurostat.

La Germania, la più grande economia d’Europa, ha registrato il calo maggiore delle vendite al dettaglio, in calo dell’8,8% su base annua, e l’Italia, che è al terzo posto, ha registrato un calo del 2,8% su base annua. La seconda economia, la Francia, ha guadagnato lo 0,6% su base annua.

Anche le vendite al dettaglio sono diminuite del 6,1% su base annua nei Paesi Bassi, del 4,8% in Austria, dell’8,8% in Irlanda e del 4,5% in Finlandia.

(Segnalazione di Jan Strubchevsky, tradotta da Flora Gomez)