Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le vendite a contratto programmate sono diminuite del 24,2%

Si prevede che quest’anno verranno firmati 140.660 contratti per la campagna vendite, rispetto alle 185.500 firme del 2022. Il commercio è il settore più colpito, con un calo del 29,5%.

La debolezza del mercato del lavoro sta diventando sempre più evidente, a causa del rallentamento dell’economia, dell’incertezza che deve affrontare quest’anno e dell’aumento del costo del lavoro. Dopo un rallentamento nella creazione di posti di lavoro nella seconda metà delNell’anno in cui il numero degli affiliati è passato da una crescita annua superiore al 5% al ​​2,4% di dicembre, le prospettive per l’inizio di quest’anno non sono affatto rosee. E il primo segnale di questo raffreddamento sono le assunzioni per la campagna vendite di gennaio, che mostreranno numeri molto più inclusivi di quelli dello scorso anno. Pertanto, per quest’anno sono previsti 140.660 contratti specifici di riduzione, secondo la previsione pubblicata ieri dall’agenzia per le risorse umane Randstad, che è il 24,2% in meno rispetto allo scorso anno, quando sono state registrate quasi 185.500 firme.

Secondo questa previsione, quest’anno i contratti di compravendita saranno appena 140.660, il numero più basso dal 2017. Ciò è dovuto principalmente al “clima di incertezza che stiamo vivendo, che farà sì che la recente campagna natalizia o le prossime vendite possano moderare i risultati più dei risultati dell’anno Ex”, afferma Valentin Bot, direttore di Randstad Research. In effetti, questa agenzia ha stimato che anche la campagna di Natale è stata più moderata rispetto a quella dell’anno precedente, con appena 402.040 contratti prodotti, il 17,3% in meno rispetto alla campagna del 2021. Questo è un duro colpo per la creazione di posti di lavoro il prossimo anno, dato che Gran parte dei posti di lavoro creati per campagne specifiche sarà preservato in futuro.

READ  Borse europee aprono in rialzo. L'EURO STOXX 50 è salito dello 0,30%

I tre

Oltre all’incertezza, altri due elementi penalizzano le prospettive di crescita occupazionale. Il primo è la perdita di potere d’acquisto delle famiglie a causa dell’inflazione. Poiché l’aumento dei prezzi si è concentrato su energia (elettricità e combustibili) e alimentari, a cui si aggiunge l’aumento delle rate dei mutui, il margine per altri tipi di spese discrezionali è limitato, il che riduce le prospettive per la campagna vendite. Inoltre, l’aumento dei costi di produzione riduce anche l’ammontare dei possibili sconti, anche se è vero che alcuni prodotti possono considerarsi sensibilmente ridotti per la presenza di scorte poco digeribili dovute al rallentamento dei consumi. A ciò si deve aggiungere anche la sempre minore presenza di clienti negli istituti fisici. Infatti, Randstad osserva che “il settore del commercio sarà il settore che subirà il calo maggiore durante questa campagna di vendita”, registrando un calo del 29,5% rispetto alla stagione 2022, a 48.287 contratti, mentre “la logistica reggerà”. Meglio, con 92.370 contratti da firmare, il 21,1% in meno rispetto alla stagione precedente”. Vendite e servizio clienti.Sebbene l’intera Spagna abbia subito un certo rallentamento, ci sono alcune differenze nella campagna di vendita in tutta la mappa.Pertanto, Madrid concentrerà 19.480 contratti per questi scopi, seguita da Barcellona (17.320) e Valencia ( 11.820). Le tre province assorbono il 34,6% di tutti i nuovi acquisti attesi per i prossimi giorni. Sebbene la maggior parte delle province mostri un calo compreso tra il 20% e il 30%, ci sono eccezioni su entrambi i lati della forcella, come a Valencia (34,3%) , Teruel (32,2%), Guadalajara (30,1%) o Valencia (19,7%) e Toledo (19,8%).

La Spagna guida la disoccupazione giovanile nell’Unione Europea con il 32,3%.

Il mercato del lavoro sia in Europa che in Spagna ha mantenuto, in una certa misura, il polso della creazione di posti di lavoro, nonostante il rallentamento economico, ma il segmento dei giovani non mostra numeri così positivi, soprattutto in Spagna. Secondo i dati pubblicati ieri da Eurostat che si riferiscono al novembre dello scorso anno, la disoccupazione giovanile in Spagna è salita al 32,3% di tutti gli under 25 in posizione attiva, più del doppio di quella della federazione nel suo complesso. Europa ed Eurozona (15,1% in entrambi i casi). Un dato che è peraltro il massimo del Vecchio Continente, seguito dalla Grecia (31,3%) e, a maggiore distanza, da Italia (23%) e Svezia (21,2%). Inoltre, c’è un altro elemento di preoccupazione: mentre il tasso di disoccupazione della popolazione nel suo insieme è diminuito negli ultimi tre mesi, scendendo di tre decimi tra agosto e novembre, al 12,4%, la disoccupazione giovanile è aumentata di mezzo punto e è addirittura di 1,1 punto sopra i livelli dello stesso mese dell’anno precedente. Ciò limita l’integrazione dei giovani nel mercato del lavoro, rendendo loro difficile acquisire esperienza e competenze.