Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le pozioni potenziate contrastano le tattiche della variante Ómicron BA.5 e prevengono condizioni pericolose

Il 63% della popolazione mondiale ha un programma di vaccinazione primaria contro il Covid-19 e il 28% ha un richiamo / Reuters / Mike Blake

La pandemia di coronavirus ha già ucciso oltre 6,3 milioni di persone in tutto il mondo sin dal suo inizio. La maggior parte di queste persone non è stata vaccinata. I piani di vaccinazione stanno procedendo oggi per completare lo schema iniziale e applicare dosi di richiamo per estendere la protezione. Il 63% della popolazione mondiale ha questo sistema e il 28% ha rinforzi.

I risultati di uno studio pubblicato sulla prestigiosa rivista Scienze È stato condotto con campioni di persone vaccinate provenienti da Argentina, Italia, Pakistan, Stati Uniti e Svizzera. Hanno fornito prove evidenti che dimostrano che oggi è necessario ricorrere a dosi di richiamo nel contesto della circolazione della variante Omicron del coronavirus e delle sue sottovarianti, come BA.4 e BA.5, che stanno crescendo in regioni come America Latina.

I risultati dello studio lo indicano Le attuali dosi di richiamo dei vaccini COVID-19 forniscono una forte protezione immunitaria contro la grave malattia COVID-19 quando le persone sviluppano varie infezioni di Omicron. Gli scienziati hanno anche valutato la protezione offerta da precedenti infezioni.

Il team di ricerca internazionale era guidato da David Wessler, professore associato di biochimica presso la University of Washington School of Medicine di Seattle e ricercatore presso l’Howard Hughes Medical Institute. Gli autori principali sono John Bowen e Amin Aditya, entrambi del Dipartimento di Biochimica dell’Università americana.

Jorge Gifner, ricercatore presso Conicet in Argentina, è coautore della ricerca pubblicata sulla rivista Science of the United States/Archive.
Jorge Gifner, ricercatore presso Conicet in Argentina, è coautore della ricerca pubblicata sulla rivista Science of the United States/Archive.

Per l’Argentina, ha collaborato il dottor Jorge Givenner, immunologo e vicedirettore dell’Istituto per la ricerca biomedica sui retrovirus e l’AIDS (INBIRS), che ha sede presso l’Università di Buenos Aires e Conicet.

I ricercatori hanno sottolineato che lo sviluppo di vaccini salvavita è una delle più grandi conquiste mediche e scientifiche dell’umanità, e questo è dimostrato dai vaccini COVID-19. Ma l’immunità protettiva derivante dallo striato primario o da una precedente infezione è stata gravemente indebolita a causa della progressione della circolazione delle sottovariabili dell’omicron.

READ  L'Italia e Madrid stanno studiando se l'origine dell'epidemia di vaiolo delle scimmie sia stata una grande festa a Maspalomas

“Questo studio collaborativo dimostra che una dose di richiamo, indipendentemente dal tipo di vaccino contro il COVID-19 somministrato, fa sì che la neutralizzazione degli anticorpi contro tutte le sottovarianti di Omicron raggiunga livelli altamente significativi” e fornisce una formidabile difesa contro infezioni gravi, Il dottor Jeffner ha commentato Infobae.

I risultati di questo studio sono coerenti con altre ricerche che dimostrano che una terza dose del vaccino amplifica la risposta mediata dai linfociti B della memoria nel corpo umano, che sono designati per la proteina di superficie che media l’ingresso del virus nelle cellule (chiamata proteina spike). del coronavirus. La terza dose stimola anche la produzione di nuovi linfociti B di memoria. Ciò porta alla produzione di anticorpi con una maggiore potenza contro le sottovarianti di Omicron.

Il biochimico Amin Aditya è stato uno degli autori principali del lavoro sull'effetto della variante Omicron in persone già infette che erano state vaccinate / Veesler Lab / UW Medicine
Il biochimico Amin Aditya è stato uno degli autori principali del lavoro sull’effetto della variante Omicron in persone già infette che erano state vaccinate / Veesler Lab / UW Medicine

Il dottor Weissler ha iniziato a studiare i meccanismi dell’infezione da coronavirus e le reazioni anticorpali anni prima dello scoppio della pandemia di coronavirus che causa il COVID-19. In questo ultimo studio, che pubblicato in scienze, In primo luogo ha studiato l’effetto funzionale delle mutazioni nelle proteine ​​​​spike dell’omicron, il meccanismo del virus che gli conferisce un aspetto simile a una corona e gli consente di attaccarsi, fondersi e infettare le cellule. Hanno scoperto che la capacità di omicron BA.5 di legarsi al suo recettore ospite (ACE2) era sei volte maggiore di quella della variante di coronavirus trovata in Cina nel 2020.

Invece, tutte le sottovarianti di Omicron erano più lente nella fase successiva importante dopo il legame del recettore: la fusione con la membrana della cellula ospite. Gli scienziati hanno ipotizzato che questa associazione più forte potrebbe aiutare le sottovarianti a compensare la loro ridotta capacità di integrarsi con le cellule ospiti, il corpo umano.

READ  Video virale | La storia di un professore taiwanese che condivide il suo amore per la medicina con i suoi dettagliati disegni a gesso del corpo umano | YouTube Taiwan | nnda nnrt storie | storie

Dopo, I ricercatori hanno valutato, in campioni di plasma prelevati da persone, l’attività neutralizzante causata da vaccini o da una precedente infezione, nei confronti di varie varianti submicroniche. Alcuni campioni provenivano da persone che avevano contratto il COVID-19 molto presto nella pandemia, prima che i vaccini fossero disponibili. Solo 5 di questi 24 PEP avevano un’attività neutralizzante rilevabile nel loro plasma contro uno qualsiasi dei quattro sottoceppi di omcron testati. Anche allora, la sua risposta era troppo debole.

Hanno valutato gli anticorpi varianti neutralizzanti prodotti dai vaccini prodotti da Moderna, Pfizer, Novavax, Johnson & Johnson/Janssen, Oxford University/AstraZeneca, Sinopharma e Sputnik V/REUTERS/Dado Ruvic.
Hanno valutato gli anticorpi varianti neutralizzanti prodotti dai vaccini prodotti da Moderna, Pfizer, Novavax, Johnson & Johnson/Janssen, Oxford University/AstraZeneca, Sinopharma e Sputnik V/REUTERS/Dado Ruvic.

Gli scienziati hanno anche testato anticorpi neutralizzanti contro diversi substrati di Omicron da vaccini prodotti da Moderna, Pfizer, Novavax, Johnson & Johnson/Janssen, Oxford University/AstraZeneca, Sinopharm e Sputnik F. Tutte le serie di vaccini primari consistono in due dosi, ad eccezione del vaccino Johnson & Johnson/Janssen, che consiste in una singola dose.

I ricercatori osservano: “Nel complesso, i dati confermano l’entità dell’evasione della risposta anticorpale neutralizzante che caratterizza i diversi sottoceppi di Omicron”. I risultati aiutano a confermare che le sottovarianti BA.4 e BA.5, presto dominanti in tutto il mondo, sono più sfuggenti all’immunità conferita dalla vaccinazione. Per questo motivo, hanno sottolineato la necessità di ricevere una terza dose di richiamo, che si traduce in una maggiore capacità neutralizzante degli anticorpi e una maggiore protezione contro infezioni gravi.

“I risultati evidenziano l’importanza del potenziamento del vaccino al fine di indurre una robusta risposta anticorpale neutralizzante contro i diversi subceppi di micron”, Il dottor Jevner ha confermato. egli è chiamato, La variante micron, BA.5, ha un alto livello di fuga immunitaria. Le persone che sono già state vaccinate possono essere infettate. “Ma è molto probabile che la dose di richiamo fornisca una forte protezione contro condizioni estreme”, ha affermato il ricercatore.

    I ricercatori ritengono inoltre che la disponibilità di molti vaccini diversi potrebbe aiutare a creare un'immunità cellulare più robusta contro le sottovarianti micron/file.
I ricercatori ritengono inoltre che la disponibilità di molti vaccini diversi potrebbe aiutare a creare un’immunità cellulare più robusta contro le sottovarianti micron/file.

Altre osservazioni preliminari da questo studio suggeriscono che l’intervallo di tempo tra le vaccinazioni con alcuni vaccini disponibili può influenzare l’ampiezza e la forza delle risposte di neutralizzazione del virus. I ricercatori ritengono inoltre che la disponibilità di diversi vaccini potrebbe aiutare a creare un’immunità cellulare più robusta contro le sottovarianti di Omicron.

READ  I frattali sono molto più di un cavolfiore

Per prepararsi all’evoluzione futura della pandemia di coronavirus SARS-CoV-2 in continua evoluzione, gli scienziati del progetto hanno sottolineato l’importanza di rimanere diligentemente alla ricerca di nuove varianti. Hanno anche chiesto una valutazione frequente dell’efficacia dei vaccini esistenti e continui sforzi per sviluppare e testare nuovi vaccini e strategie per l’immunizzazione contro il coronavirus e altri virus correlati. Questi virus possono essere presenti nei serbatoi animali e l’umanità deve essere preparata a potenziali focolai di malattie.

Lo studio è stato sostenuto dal National Institute of Allergy and Infectious Diseases, una sovvenzione per la formazione in biologia molecolare e cellulare del National Institutes of Health, il Pew Award for Biomedical Scientists, una sovvenzione del Wellcome Burroughs Fund, sovvenzioni espresse, Bill e Melinda Gates, University di Washington, il National Institutes of Health degli Stati Uniti e il Research Network Global Antivirus, tra gli altri.

Continuare a leggere:

Fastidioso e stigmatizzante: cosa fare con la tosse dopo aver contratto il COVID-19
Sospettano che il coronavirus possa rimanere nascosto e prolungare la vita di alcuni pazienti
Quanto tempo impiegano le persone a sbarazzarsi di SARS-CoV-2 dopo l’infezione da Omicron?
Ómicron BA.5 Alternativa: è già diffuso in Spagna e i casi sono in aumento in America Latina