Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le Nazioni Unite definiscono insopportabile la situazione dei migranti al confine tra Polonia e Bielorussia | La Polonia sta violando il diritto internazionale effettuando rapidi rimpatri invece di concedere asilo

Il Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Michelle Bachelete La crisi migratoria al confine tra Polonia e Bielorussia è stata descritta come insopportabile E ha chiesto l’accesso immediato agli aiuti umanitari. Bachelet ha anche criticato le risposte che si concentrano sulla sicurezza e la retorica incendiaria che la viola Migranti in campeggio con l’intenzione di entrare nel territorio polacco E trasferirsi nei paesi dell’Europa occidentale.

Recinzioni e schieramento di truppe

Accesso Più di 2.000 immigrati, per lo più da Siria e Iraq, ai confini della Bielorussia e della Polonia negli ultimi giorni è stato È stato fortemente respinto dalle autorità di Varsavia. in un pubblicazioneL’Ufficio dell’Alto Commissario per i diritti umani, Michelle Bachelet, ha rivolto un appello urgente agli Stati interessati affinché adottino misure immediate “per smantellare e risolvere questa situazione intollerabile in conformità con i loro obblighi ai sensi del diritto internazionale, dei diritti umani, dei diritti umani e dei diritti dei rifugiati .”

“Il Le risposte si sono concentrate fortemente sulla sicurezza e la politica da entrambe le parti – Compreso Maggiore schieramento di truppe– e il discorso ardente che li accompagna, non fanno altro che Esacerbare vulnerabilità e rischi per i migrantis”, ha denunciato l’Alto Commissario delle Nazioni Unite.

Centinaia di uomini, donne e bambini non dovrebbero essere costretti a passare un’altra notte al freddo senza un riparo adeguato, cibo, acqua e cure mediche.Aggiunto nel testo. Sebbene la dichiarazione non faccia esplicito riferimento al rifiuto dei rifugiati alle frontiere da parte di Varsavia, Bachelet ha sottolineato che a nessuno può essere impedito di chiedere asilo e altre forme di protezione internazionale. Disse l’Alto Commissario, che a sua volta Hanno chiesto il passaggio di aiuti umanitari a loro, così come osservatori della società civile e giornalisti.

READ  Con Pfizer: L'Unione Europea chiude la più grande azienda di vaccini al mondo

mentre quello, L’attenzione del governo polacco di estrema destra è sugli schieramenti di truppe Per impedire agli immigrati di entrare nel territorio dell’Unione Europea. Il presidente della Polonia, Andrzej Duda, ha confermato che il suo paese mantiene al confine 15.000 soldati, tra cui esercito, polizia e guardie di frontiera.. Il ministro della Difesa Mariusz Blaschak ha confermato che questo numero aumenterà se necessario e, a sua volta, ha confermato che questa settimana sono state mobilitate 8.000 truppe delle forze di difesa regionali.

Accuse tra Varsavia e Minsk

A tutto questo l’Unione Europea accusa il presidente della Bielorussia, Alexander Lukashenko, di aver orchestrato l’arrivo dei migranti nel suo Paese per poi mandarli al confine. Secondo i leader dell’Unione Europea, questo è una rappresaglia per le sanzioni imposte dal blocco a Minsk per la sua soppressione della carica nelle ultime elezioni presidenziali del 2020.

Mentre La Bielorussia afferma di non avere né i mezzi né i soldi per contenere l’afflusso di migranti A sua volta, accusa la Polonia di essere “indifferente” all’accoglienza di immigrati e rifugiati. In questo senso, il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, si è recato a Varsavia per incontrare Duda. Michel ha descritto la crisi migratoria come un “attacco ibrido, brutale, violento e indegno” di Minsk.

Da parte sua, il cancelliere tedesco uscente ha detto, Angela Merkel ha parlato al telefono con il presidente russo Vladimir Putin per intervenire e dialogare con il suo alleato Lukashenko.. Il capo dello Stato tedesco lo ha chiamato ad agire contro “lo sfruttamento degli immigrati da parte del regime in Bielorussia”, secondo il suo portavoce, Stephen Seibert. La maggior parte dei migranti cerca di entrare in Polonia con l’obiettivo di raggiungere la Germania o altri paesi dell’Europa occidentale.

Mosca si oppone ad incolpare la Bielorussia per la crisi migratoria. “L’attuale crisi deriva dall’ingerenza dell’Occidente negli affari dei paesi del Medio Oriente e del Nord Africa, nonché dal fallimento dell’operazione americana in Afghanistan”.Lo ha annunciato una portavoce della diplomazia russa, Maria Zagarova.

READ  Perché non ci sono seconde dosi di vaccini?

La Polonia e la sua politica anti-immigrazione

Nel frattempo, migliaia di migranti affrontano condizioni difficili con temperature che scendono a 0 gradi di notte e un pesante dispiegamento delle forze di sicurezza polacche. La stampa polacca ha confermato che almeno 10 persone sono state uccise tra i migranti alla frontiera. Le guardie di frontiera bielorusse hanno affermato che quattro migranti curdi nel campo sono stati feriti e hanno accusato le forze di sicurezza polacche di averli violati. “Secondo i rifugiati, sono stati detenuti sul territorio della Polonia, dove hanno cercato di ottenere protezione e status di rifugiato”., hanno detto in una nota.

Diverse organizzazioni per i diritti umani hanno espresso preoccupazione per la politica anti-immigrazione di Varsavia, che negli ultimi mesi ha eretto una recinzione nella zona di confine. A settembre, quattro migranti intrappolati al confine bielorusso-polacco sono morti di ipotermia ed esaurimento.Secondo un quotidiano britannico, guardiano. Lo rilevano Amnesty International e l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati La Polonia sta prendendo posizione contro il diritto internazionale effettuando rimpatri accelerati invece di offrire asilo.

In questo senso, il Alto Commissario Filippo GrandiHa sottolineato che le sfide del blocco sui flussi migratori verso l’UE “non giustificano la profonda reazione che vediamo in alcune parti, retorica xenofoba, muri, filo spinato, contrafforti violenti e scioperi dei rifugiati”. La parte descritta come “inaccettabile” è che gli stati incoraggiano lo spostamento delle persone vulnerabili.