Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le esportazioni di carne sono diminuite del 3,9% a settembre

Le vendite erano con Il prezzo medio è di $ 5.498 per tonnellata, inferiore del 5,3% rispetto al prezzo registrato ad agosto. Il calo delle tariffe è stato ampio in tutte le destinazioni, ad eccezione dei Paesi Bassi, che hanno pagato l’1,9% in più rispetto ad agosto per tonnellata.

I prezzi pagati dai principali acquirenti di carne bovina argentina sono in costante calo da diversi mesi, a seguito dell’apprezzamento del dollaro rispetto alle altre valute. Rispetto al massimo raggiunto nell’aprile 2022, il prezzo delle esportazioni accumula un calo dell’11,1%. E nel caso del principale acquirente delle esportazioni di carne argentina, la Cina, il prezzo medio è sceso del 9,9% rispetto al picco di maggio. Nel caso dei buyer che compongono la quota Hilton (Germania, Olanda e Italia), i prezzi sono scesi tra il 27,3% e il 29,5%. Nelle vendite in Cile, i prezzi sono diminuiti del 9,1% rispetto a febbraio, mentre i prezzi negli Stati Uniti sono diminuiti del 4,9% rispetto a giugno.

Tuttavia, nei primi nove mesi dell’anno, Il volume delle esportazioni di carne bovina è stato di 472,9 mila tonnellate e, nonostante le battute d’arresto registrate negli ultimi due mesi, rappresenta un aumento del 7,9% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Queste vendite hanno generato 2,755 milioni di dollari, con un aumento del 36,2% rispetto ai primi nove mesi del 2021.

A ottobre il prezzo medio è sceso fattoria stabilein un mercato in cui è stato nuovamente scambiato meno capitale rispetto al mese precedente, a seguito di Raffreddamento mostrato dalle richieste interne ed esterne. distanza Una diminuzione del 6,4% del prezzo medio e di circa l’1% del numero di capi commercioin ottobre sono stati registrati Sconti del 7,1% e del 6,9% al mese, Dritto. Il prezzo medio era situato a 251,6 dollari per chilo vivo. Il calo dei valori unitari è stato diffuso, mentre in termini di numero di capi scambiati, le maggiori quantità di vitelli e vacche detenute sono state più che compensate da Diminuzione del numero di mucche e mucche private e regolari tori.

READ  La gastronomia ha superato i 20.000 milioni di euro di fatturato in Italia

Tra settembre e ottobre 2022 Il Il calo medio del 6,9% è dovuto alla riduzione dei prezzi pagati in tutte le categorie negoziazione. specialmente, Tori e mucche conservati e normali Li avevamo Altri hanno visto diminuire i loro prezzi (-18,5%, -14,5% e -11,4%, con termini rilevanti rispetto al mese precedente).

D’altra parte, ilvacche private offerto Diminuisce dal 6,3% al 9,8% al meseseguito da Vitelli (-5,4%), MEG (-4,6%), vitelli (-4,5%) e vitelli (-3,7%). l’uscita delle contrazioni registrate nell’ultimo mese, Il prezzo medio di ottobre 2022 è stato “appena” superiore del 55,2% rispetto al prezzo registrato nell’ottobre 2021. Questo è incorniciato in un file scenario inflazionistico Il livello generale dei prezzi è aumentato dell’88% in ottobre.

Questo viene tradotto in un file Nuovo calo del valore medio dell’agriturismo a piedi che si attesta al 15,6%. anno reale In questa occasione (a settembre si registrava già una flessione annua reale del 4,7%). Tutto questo dopo trenta mesi consecutivi di miglioramenti in termini reali.

Quando si misurano i prezzi in dollari paralleliAccedere Il calo a settembre e ottobre è stato del 10,5% mese su mese e del 10,1% anno su anno, spiegato dai valori più bassi di tutti i gruppi nei due confronti, guidati dalle perdite di vacche e tori. Il prezzo medio dell’azienda agricola era di $ 0,82 per chilogrammo vivo.