Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le case automobilistiche: un mondo senza bandiere e senza confini – settori – economia

Dicono che non c’è niente di più inglese di un taxi a Londra. Era qualche anno fa, e oggi non è del tutto corretto. I famosi taxi neri, onnipresenti nella capitale britannica, come il Parlamento e la Great Clock Tower, sono patrimonio culturale della lingua inglese. Fino ad allora, poiché il patrimonio economico appartiene a Zhejiang Geely Holding Group Co., Ltd.

La London Taxi Company, con sede a Coventry, in Inghilterra, progettò e produsse i famosi taxi, ma dopo aver affrontato diverse crisi e cambi di proprietà, tra cui ad Austin, entrò in liquidazione e i suoi beni rimasero nelle mani di Geely, che si trasformò nella London EV Company.

Le difficoltà economiche sono solo uno dei motivi del rebranding. Oggi le fusioni o le joint venture sono frequenti nel settore automobilistico perché con minori costi di produzione si ottengono maggiori profitti e un migliore accesso ad altri mercati, e ovviamente condividono tecnologia e piattaforme.

Questo spiega, ad esempio, perché molte Renault sono simili a Nissan, o le auto Kia sono simili a Hyundai, o tra Volkswagen e Skoda. Differiscono all’esterno, l’unica differenza è lo scudo, ma all’interno condividono il telaio, i motori e altri componenti.

Con queste considerazioni, negli ultimi decenni, la competizione tra i marchi dell’industria automobilistica è stata abbandonata per lasciare il posto a colossi conglomerati che ogni giorno si sforzano di allargare la propria cerchia di attività in tutto il mondo.
La mappa del marchio è molto diversa da quella di circa 30 anni fa, quando la Cina stava appena iniziando a emergere, che oggi è un attore di alto livello poiché quasi tutte le aziende occidentali riconosciute hanno alleanze con potenti produttori di quel paese.

Numeri di settore

Il colosso asiatico ha guidato per diversi anni la produzione mondiale di automobili: nel 2021 è stato primo con 25,72 milioni, seguito dagli Stati Uniti (10,88); Giappone (9,68); Germania (4,66); Messico (3,99) e Corea (3,95 milioni).

READ  Economia. Semifinali Eurocopa Spagna-Italia con il 53% di ordini da portare a casa طلبات

L’industria automobilistica ha dei numeri impressionanti. Si stima che ci siano 1,4 miliardi di auto nel mondo. L’anno scorso, l’intera gamma di marchi ha prodotto 80.154.988 unità, il 3% in più su base annua e il 13% in meno rispetto al 2019, l’ultimo anno prima della pandemia.

La figura mostra le difficoltà incontrate nella produzione dovute alla mancanza di microprocessori e alla chiusura degli stabilimenti. Questo calo può essere paragonato solo al 2011, anno segnato dalle conseguenze della crisi finanziaria del 2008.

Quell’anno furono prodotte 79.880.920 unità, secondo i dati dell’Organizzazione internazionale dei produttori di veicoli (OICA).

Con tutto ciò che è in gioco per quanto riguarda gli affari, non è raro che emergano ogni giorno nuove alleanze e fusioni, poiché la contesa sui mercati è forte. L’anno scorso, Toyota si è classificata al primo posto tra i produttori con 9,56 milioni di unità vendute. Segue Volkswagen con 8,88 milioni; Hyundai Kia (6,67); GM (6,29), e che chiude la top five di Stellantis con 6,14 milioni.

Questo, senza contare che sta iniziando a delinearsi una nuova mappa con il settore dei veicoli elettrici, per il quale i marchi stanno costituendo diverse business unit e in alcuni casi eliminando gradualmente gli asset dei motori a combustione per dedicarsi esclusivamente alla mobilità elettrica.

Alleanze e fusioni

Tornando a nuove fusioni e acquisizioni, la più recente delle quali è il conglomerato coreano KG Group che ha salvato SsangYong dalla bancarotta acquistando il 61% delle sue azioni. SsangYong, è fortemente indebitato e sotto scorta dall’aprile dello scorso anno. L’attività principale del Gruppo KG è nelle industrie siderurgiche e chimiche.

Forse una delle mosse più significative e importanti nel settore automobilistico è avvenuta lo scorso anno con la creazione della Stellantis NV con sede nei Paesi Bassi, il gruppo è stato fondato il 16 gennaio 2021, a seguito della fusione tra il gruppo italo-americano Fiat . Chrysler Automobiles e il gruppo francese PSA.

READ  Tariffa tariffaria in Europa: dalla mancia tedesca al pagamento forzato in Portogallo | Economie

In questo modo Stellantis commercializza i marchi Fiat, Alfa Romeo, Lancia, Maserati e Abarth, di proprietà di FCA Italia, e precedentemente di proprietà dei marchi americani Jeep, Chrysler, Dogde e RAM. Ha poi acquisito Peugeot, Citroen e DS e infine ha acquistato General Motos, Opel e Vauxhall.

Questo è solo uno dei non più di 20 conglomerati che condividono più di 50 marchi famosi (vedi il grafico che mostra questo articolo). Il Gruppo Volkswagen è tra i gruppi più potenti con i suoi marchi Volkswagen, Audi, Bentley, Bugatti, Lamborghini, Porsche, Seat, Skoda, MAN, Scania, veicoli commerciali VW e Ducati (moto).

La General Motors, fondata da William C. Durant, il proprietario della Buick, a suo tempo riuscì ad aggiungere marchi come Oldsmobile e Cadillac al suo portafoglio. Dopo i problemi economici del 2009, GM ha licenziato Oldsmobile, Pontiac, Saturn e Hummer ed è ora partner di Baojun e Wuling (produttori cinesi), Buick, Cadillac, Chevrolet, GMC, Holden (mercato australiano), Jiefang (azienda cinese di veicoli commerciali ).

Un altro colosso industriale formato dall’alleanza Renault-Nissan-Mitsubishi. Tra i marchi francesi e i due marchi giapponesi dominano Renault, Nissan, Mitsubishi, Dacia, Alpine, Infiniti, Datsun (mercati emergenti), Renault-Samsung (Corea del Sud) e Venucia (Cina).

In Asia troviamo due dei gruppi più importanti. Il Tata Group of India, che oggi possiede Tata Motors, Tata Daewoo (veicoli commerciali), Jaguar e Land Rover. e Zhejiang Geely Holding Group Co., Ltd. Ltd, meglio conosciuta come Geely, ha sede a Hangzhou, Zhejiang, Cina.

È composto da Geely Auto, Volvo, Lotus, Proton, London EV Company, PolestarLynk & Co. , Yuan Cheng Auto (veicoli commerciali) e Terrafugia (auto volanti). È anche azionista di Volvo AB, il produttore di autocarri responsabile dei marchi Volvo e Renault Trucks, e detiene il 10% del Gruppo Mercedes-Benz e il 50% di Smart.

READ  Horacio Rodriguez Laretta ha incontrato gli ambasciatori del G7 e ha chiesto di "ristabilire la fiducia internazionale"

Tra i maggiori produttori ci sono tre marchi giapponesi, Suzuki, Subaru e Mazda, che, pur essendo ancora indipendenti, hanno alleanze o mantengono affari e condividono quote di minoranza con altri produttori. Mazda ha una partecipazione in Toyota e Toyota a sua volta è in Mazda. Subaru e Suzuki hanno anche legami con Toyota.

E sebbene non presentino elevati volumi di produzione, ci sono due marchi che hanno stabilito un punto di riferimento nella storia dell’automobilismo per le loro famose supersportive e il loro ruolo in Formula 1, l’inglese McLaren e l’italiana Ferrari, che era di proprietà della Fiat. È pubblico e dal 2015 è stato quotato con successo alla Borsa di New York.

Nuovi marchi ‘verdi’

La corsa all’elettrificazione sta producendo movimenti nel settore.
Ford Modele, ad esempio, è il nuovo sottomarchio Ford che produrrà auto elettriche.

Renault, Nissan e Mitsubishi hanno progettato il piano Alliance 2030, in cui la sua divisione elettrica svilupperà il 90 percento dei suoi modelli durante quell’anno, utilizzando le cinque piattaforme di veicoli elettrici speciali che condividono.
Volvo ha lanciato la sua divisione Volvo Energy, che mira esclusivamente ad accelerare la transizione energetica dell’azienda.

In altri casi, puoi già vedere i prodotti di questa nuova linea di business con modelli di auto elettriche come l’EQ di Mercedes-Benz; L’Audi eTron identifica una Volkswagen di BMW o Ioniq di Hyundai e le loro controparti EV di Kia.

In questa gara c’è un attore importante, l’americana Tesla di Elon Musk, che lo scorso anno ha venduto 936.172 auto elettriche, una crescita dell’87 per cento rispetto al 2021, ma il suo obiettivo è vendere tra i 20 e i 30 milioni nel lungo termine.

industria automobilistica