Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le borse europee limitano le perdite in un altro giorno di alti e bassi per la guerra in Ucraina | Economia

I mercati azionari globali, in particolare quelli europei, continuano a vacillare di fronte alla guerra in Ucraina. Dopo l’euforia di venerdì, i mercati azionari del vecchio continente hanno chiuso lunedì in rosso. L’ordine emesso dal presidente russo, Vladimir Putin, di attivare la sua forza nucleare e l’imposizione di nuove sanzioni da parte di Bruxelles, aggiungono ulteriore tensione ai mercati, che sfuma la carta blitzkrieg su cui hanno scommesso lo scorso fine settimana. Tuttavia, i mercati sono stati in grado di correggere i ribassi di oltre il 2% che hanno iniziato la giornata. Ibex 35 ha chiuso pressoché piatto, con un leggero calo dello 0,09%, dopo un’apertura in ribasso del 2,23%.

I mercati hanno iniziato la giornata tinti di rosso dopo aver preso una pausa venerdì scorso a seguito delle sanzioni statunitensi e europee. Poi i mercati hanno scommesso su una guerra veloce, rendendosi conto che le sanzioni erano troppo tiepide. Il colpo è stato subito notato da Bruxelles questo fine settimana, intenzionata a rimuovere le banche russe dal sistema SWIFT e a congelare gli asset della Banca centrale russa. Soprattutto a Mosca, dove il rublo è crollato ai minimi storici, spingendo la banca centrale ad intervenire raddoppiando i tassi di interesse, lasciandoli al 20%.

L’annuncio delle sanzioni ha causato anche la morte della sua prima vittima. La Banca centrale europea lunedì ha avvertito di un “possibile fallimento o fallimento” della filiale europea della Sberbank russa, una delle più grandi del paese, a causa dei “grandi” prelievi di depositi di fronte alla crisi ucraina e alle sanzioni occidentali. La Banca centrale europea ha avvertito che nel “prossimo futuro” l’entità, che ha sede in Austria e le sue controllate in Croazia e Slovenia, non sarebbe in grado di rimborsare i propri debiti o altre passività a causa del “deterioramento della liquidità” e della mancanza di alternative le misure. Può essere implementato in modo realistico. Le azioni della banca alla Borsa di Londra sono scese del 74%, mentre le azioni di Tinkoff Bank nello stesso paese sono scese del 72,9%.

READ  Il team di Technical Economy si reca in Francia per finalizzare un accordo con il Club di Parigi

Sebbene i mercati asiatici siano sfuggiti al crollo, gli europei non hanno potuto evitare di vendere, sebbene stessero riducendo al minimo le perdite. Francoforte, che ha aperto in ribasso del 2,31%, ha contenuto i numeri rossi allo 0,73%; Parigi è passata dal lasciare il 2,14% all’1,39%. Milano anche dal 2,47% all’1,39% e Londra dall’1,22% allo 0,42%. È stato l’eclettismo spagnolo a muoversi meglio nonostante la battuta d’arresto che le banche stavano vivendo a causa del conflitto. Dopo che il cancelliere tedesco Olaf Schulz ha annunciato la necessità di aumentare le energie rinnovabili per ridurre la dipendenza dal gas russo, Siemens Gamesa ha riportato un vantaggio del 14,4% e Solaria del 10,8%. Anche Fluidra ha toccato un rialzo del 10%. Wall Street ha continuato il suo trend di elevata volatilità. Alle 18:30, il Dow è sceso dello 0,88%, mentre il Nasdaq è sceso dello 0,13% dopo essere stato in verde per la maggior parte della giornata.

Tuttavia, gli analisti a breve termine temono che l’impatto sull’economia europea arriverà attraverso i prezzi dell’energia, dal momento che paesi come la Germania o l’Italia sono fortemente dipendenti dal gas russo. Il prezzo di un barile di petrolio Brent è nuovamente salito, varcando nuovamente il confine dei 100 dollari. Gli investitori hanno riprodotto esattamente lo schema della scorsa settimana e si sono rivolti ad attività come il debito pubblico. Il rendimento del titolo tedesco, considerato il più sicuro, è sceso bruscamente di 96 punti base allo 0,134%. Anche il debito spagnolo-tedesco è sceso di 59 punti base all’1.152%.