Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Lavrov, l’irresistibile ministro degli Esteri di Putin, la chiave dell’immagine oscura della Russia nel mondo di oggi

Sergei Lavrov, ministro degli Esteri russo dal 2004 (Reuters/foto d’archivio)

La Russia non invaderà altri paesi, inoltre, la Russia non ha invaso l’Ucraina: la Russia libera l’Ucraina.

Non è uno scherzo, non è un discorso teatrale, non è un haiku, non è un’invenzione. Questo, tra l’altro, ha detto senza preoccupazione il ministro degli Esteri russo poche ore fa, Sergey Lavrov. È stato durante una conferenza stampa in Turchia, dopo un incontro fallito con il suo omologo ucraino, Dimitri Koleba. Sempre in quell’incontro con i giornalisti, Lavrov ha affermato che gli unici negoziati validi per porre fine a quella che la Russia chiama “operazione speciale” e che il resto del mondo riconosce come una guerra sono quelli in corso in Bielorussia, che gli ucraini usano contro i civili. Come scudi umani, il sentimento anti-russo in Occidente e nei media ha mostrato che era “sulla strada giusta”; Che l’Occidente aspira a minare la capacità economica della Russia ma non ci riuscirà, e che nessuno ha mai parlato da Mosca della possibilità di una guerra nucleare.

Tutto questo è stato detto da Lavrov, che durante i primi giorni dell’attacco ha mantenuto un chiaro silenzio, che ha fatto credere a vari analisti cheForse non era abbastanza convinto dall’azione militare sfrenata ordinata da Putinun attacco che ha messo in guardia il mondo e il cui livello di accettazione tra gli stessi russi è, infatti, ancora del tutto sconosciuto, nel quadro di una feroce campagna di propaganda interna, che cerca di convincere la grande maggioranza che, di fatto, il Il dispiegamento militare in Ucraina mira al “disarmo” e al “disarmo” di quel Paese, in una sorta di esorcismo dall’Occidente.

Ciò avviene attraverso una legislazione repressiva con pene fino a 15 anni per persone o media che diffondono “notizie false” sull’esercito russo e sulle sue azioni – con l’arbitrarietà che deriva dal definire la falsità delle informazioni in governi autoritari come quello di Vladimir Putin. – , Insieme a A tutte le scuole russe vengono inviati programmi che specificano in dettaglio come insegnare ai bambini e agli adolescenti ciò che sta accadendo in Ucraina E la soppressione di ogni manifestazione pubblica o in strada, cioè la persecuzione di chi si oppone all’invasione sui social e che osa andare a protestare.

Lavrov, nato nel 1950, è un diplomatico di carriera.  In questa foto del 2020 con il presidente Putin.  (Kay Nitfield/Paul tramite Reuters)
Lavrov, nato nel 1950, è un diplomatico di carriera. In questa foto del 2020 con il presidente Putin. (Kay Nitfield/Paul tramite Reuters)

“L’élite al potere, compreso il ministro degli Esteri Lavrov, si è rivelata al mondo intero come persone completamente dipendenti, persone che si piegano completamente alla volontà del presidente Putin. Sembrano aver esaurito la propria propaganda e ci credono”.diglielo Dmitrij Muratov, Direttore Novaia Gazeta E il Premio Nobel per la Pace David Renickdurante un colloquio con Il newyorkese.

READ  Afghanistan: donne e uomini riprendono gli studi universitari separati da un sipario | Cartolina dell'Università Ibn Sina di Kabul

L’uomo che oggi ha provocato l’indignazione con le sue frasi ironiche Per diciotto anni è stato una figura chiave nel governo Putin quando si tratta di analizzare le mosse della Russia nei suoi rapporti con il mondo. Lavrov è il principale negoziatore russo e conosce bene gli Stati Uniti, avendoci vissuto a lungo. Diplomatico professionista, è stato per dieci anni rappresentante del suo Paese presso le Nazioni Unite. È sposato, padre di una figlia laureata in scienze politiche alla Columbia University e nonno di due figli.

Nato a Mosca nel 1950, Lavrov è un uomo alto, elegante, asciutto, ma ben educato. Ama indossare bei vestiti e cravatte di seta. Perde la pazienza solo a porte chiuse. Dall’esterno il suo aspetto è sempre impeccabile, anche se è appena sceso da un aereo. Oltre al russo, parla inglese, francese e singalese, la lingua dello Sri Lanka.la sua prima destinazione dopo aver terminato gli studi presso l’Istituto di Relazioni Internazionali di Mosca.

Per la sua posizione nel Gabinetto, è il volto della Russia nel mondo e il grande inviato del Cremlino. Era la mente dietro la brevissima stagione in cui Putin era in modalità zenCerca di cambiare la sua immagine davanti al pubblico internazionale, misericordioso e concedendo l’amnistia ai suoi nemici politici come un miliardario. Mikhail Khodorkovsky – osare impegnarsi in politica – oppure Rivolta della figa, agli attivisti ambientali di Greenpeace arrestati per lavoro nell’Artico. È, come è evidente in questi giorni, il funzionario capace di accompagnarlo nella sanguinosa avventura di una guerra il cui esito finale è incerto e i cui grandi benefici per la Russia sono ignorati. A quanto pare, Lavrov non ha detto all’imperatore che era nudo, e ora ha dovuto pagare per questo difendendo una folle escalation in una guerra fratricida, perché questo è tutto.

Lavrov, un forte fumatore, è venuto a fare una campagna contro il divieto di fumo sulla base del fatto che si trattava di una violazione dei diritti umani.  (Reuters)
Lavrov, un forte fumatore, è venuto a fare una campagna contro il divieto di fumo sulla base del fatto che si trattava di una violazione dei diritti umani. (Reuters)

pragmaticamente parlando, Lavrov è un negoziatore sofisticato che conosce tutti i suoi segreti commercialistando attenti ai trucchi diplomatici. Non è famoso per suggerire, ma per disarmare gradualmente le strategie dei suoi avversari A causa di questa speciale capacità di scomporre gli argomenti l’uno dell’altro, è conosciuto nell’ambiente diplomatico come “Mr. No”.

READ  Nel 2010, Osama bin Laden aveva predetto che Joe Biden avrebbe "portato l'America in crisi".

Lavrov è stato una figura chiave nella guerra in Siria e una voce chiave nel lungo conflitto con l’Ucraina per il suo riavvicinamento con l’Occidente, che risale alla Rivoluzione arancione, episodio accaduto durante il primo anno della sua amministrazione e che gli ha mostrato le maggiori differenze mondiali tra l’ex repubblica sovietica e il Cremlino.Per quanto riguarda l’America Latina, è anche colui che attua il coinvolgimento russo in Venezuela, dove il Paese ha interessi politici ma soprattutto economici.

Calcio, poesia e caccia

Lavrov è venuto al suo ruolo di ambasciatore presso le Nazioni Unite durante il governo Boris EltsinQuando Putin era primo ministro. Prima di accettare di accompagnare Putin come consigliere, nel 2004, ha posto una sola condizione: Riuscire a liberarsi dalle guardie del corpo una volta alla settimana per fare rafting con i suoi amici.

Putin è d’accordo.

Sebbene sia un forte fumatore (Ha anche condotto una vigorosa campagna contro il divieto di fumo delle Nazioni Unite perché ha affermato che si trattava di una violazione dei diritti umani), Lavrov Putin condivide la sua passione per lo sport, sebbene non lo pratichino allo stesso modo. Mentre Putin è un fan delle arti marziali e dell’equitazione, lo è anche il suo ministro Uomo di calcio, sci e pesca subacquea.

Lavrov a Stoccolma, lo scorso dicembre.  (Jonathan Nextrand/Paul tramite Reuters)
Lavrov a Stoccolma, lo scorso dicembre. (Jonathan Nextrand/Paul tramite Reuters)

Molto colto, ammiratore Salinger E il BulgakovLavrov scrive poesie e suona la chitarra. I suoi collaboratori affermano che è sempre uno di quelli che per primi arrivano all’ufficio al settimo piano del palazzo di via Smolensky, uno di quelli che compongono il cosiddetto gruppo delle “Sette sorelle”, grattacieli in un misto di gotico e Stili barocchi russi con neoclassico – con dettagli artistici realistici. L’Unione Sovietica ma anche con l’evidente influenza degli edifici di New York dell’epoca – che Stalin fece costruire nel 1947 per celebrare l’80° centenario della città.

Il consigliere è anche sempre tra gli ultimi a lasciare il suo ufficio, a volte dopo il tramonto. Chi lo conosce conosce le sue ossessioni: non può portare fogli sulla scrivania, nemmeno un computer. Tutta la sua vita passa attraverso una tavoletta.

La sua ossessiva ricerca della calma si è più volte arenata in questi anni, ma né la breve guerra con la Georgia nel 2008, né l’annessione della Crimea (che i russi, appassionati di eufemismi chiamano, ripresa) nel 2014, né la guerra civile che l’ha messa a tacere . L’Occidente nell’est ucraino è riuscito a porre fine alla loro routine e ai loro hobby.

READ  La controversa pratica di prendere il sole nell'ano, una tendenza nei social network

Ignora il modo in cui dorme la notte ora, mentre giustifica la sua più grande vergogna, l’attentato al Mother and Child Hospital.; Quando due milioni di persone furono sfollate a causa delle operazioni militari russe; Migliaia di russi e ucraini morti, città devastate e un futuro oscuro dalla decisione del Cremlino di invadere un paese vicino alla storia e alle emozioni della Russia senza pari.

Ha avvelenato non solo se stesso, ma anche tutti i russi. È il creatore dell’odio attraverso il quale il mondo ora guarderà non solo a lui, ma anche a tutti noi, cittadini russi e russi. Ci vorranno molti anni per convincere il mondo che “non siamo”, “non è quello che siamo”. (…) La Russia ha moralmente perso questa guerra non appena è iniziata. Qualunque cosa sia accaduta sul campo di battaglia, la Russia ha perso questa guerra come entità politica, economica e sociale: come stato e come parte della comunità globale. C’è stato un tempo in cui la parola guerra, senza limitazioni, si riferiva sempre alla Grande Guerra Patriottica. Ora questa parola ha un significato diverso. La guerra, senza prescrizioni né aggettivi, si riferisce ora alla guerra che ha iniziato, e che ha reso me e tutti gli altri russi responsabili della catastrofe che ha causato”, Ha scritto Maxim TrudoljubovUno degli editori del sito Medusa.

Una donna incinta ferita scende le scale di un ospedale per la maternità distrutto dai proiettili a Mariupol, in Ucraina, mercoledì 9 marzo 2022 (AP Photo/Evgeniy Maloletka)
Una donna incinta ferita scende le scale di un ospedale per la maternità distrutto dai proiettili a Mariupol, in Ucraina, mercoledì 9 marzo 2022 (AP Photo/Evgeniy Maloletka)

Questo futuro incerto che sicuramente metterà in ombra Lavrov di notte è al di là del fatto che la Russia riuscirà a vincere militarmente, distruggere tutti i principi e alzare la bandiera in Piazza Indipendenza a Kiev. La grande domanda è cosa farà dopo la Russia con tutto quell’odio accumulato tra coloro che resistono. Come domeranno la ribellione dei ragazzi e dei ragazzi che oggi si stanno armando per difendere la nazione in cui vivono, e come potrà un diplomatico come lui riflettere l’immagine del guerriero e dell’insensibile che colpisce oggi non solo un uomo forte guidando dal Cremlino ma, purtroppo, a tutti i cittadini russi che non hanno scelto di inzuppare di sangue i loro fratelli ucraini.

Continuare a leggere: