Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Austria vuole porre fine alla striscia di imbattibilità dell’Italia

LONDRA (AP) – La striscia negativa dell’Italia non durerà per sempre, con il tecnico austriaco Franco Foda che ha intenzione di porvi fine.

Gli italiani sono diventati uno dei favoriti agli Europei dopo aver vinto le prime tre partite della fase a gironi, segnando sette gol e non subendo una sola partita. Tutte e tre le vittorie a Euro 2020 hanno esteso la sua serie di sconfitte a 30 partite sotto il manager Roberto Mancini, che ha eguagliato il suo precedente record negli anni ’30.

“All’inizio ci sembrava una sfida insormontabile e impossibile perché non si perdevano nell’eternità”, ha detto Foda. “Ma prima o poi ha perso anche la squadra di Mancini”.

L’Austria, che si è qualificata per la prima volta al 16° turno del torneo, avrà l’opportunità di farlo sabato allo stadio di Wembley.

A parte la striscia di imbattibilità, l’Italia segnerà un altro record. La squadra non ha subito gol in 11 partite in un totale di 1.055 minuti. Se l’Austria non riesce a segnare, l’Italia batterà il record di 1.143 minuti stabilito tra il 1972 e il 1974.

Per una squadra che non è riuscita a qualificarsi per la Coppa del Mondo 2018, gli ultimi risultati dell’Italia sono una sorpresa.

“E’ qualcosa che ci rende orgogliosi, soprattutto se consideri quello che pensavi di noi prima della partita”, ha detto l’attaccante italiano Lorenzo Insine. “Ma dobbiamo concentrarci, dobbiamo stare calmi, dobbiamo pensare a noi stessi. Non abbiamo ancora ottenuto nulla. Il nostro obiettivo è arrivare fino in fondo, non solo a livello di squadra”.

L’insegna di 30 anni include la trasformazione della squadra italiana sotto Mancini.

READ  L'odissea della Svizzera tra l'alleato italiano Baku e Roma

Il loro ex allenatore, Gian Pio Ventura, ha perso il sostegno dei suoi giocatori durante la gara di qualificazione ai Mondiali contro la Svezia, a causa delle panchine, considerato il membro più talentuoso della squadra.

Insine ha formato un forte binomio con Ciro Immobile che ha saputo portare il suo gol vittoria in nazionale in Cherie Evil.

“Questa è la prima volta che mostro questa posizione in un evento così importante e ha svolto un ruolo così importante”, ha detto Insine. “Gli allenatori precedenti usavano schemi meno compatibili con il mio stile di gioco, e oltre a questo ho sempre mostrato la mia disponibilità”.