Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’atterraggio morbido è diventato un sogno lontano

Le metafore aeronautiche non nascondono il fatto che i banchieri centrali lottano contro l’iperinflazione.

I momenti seri che attraversano i mercati sono solitamente accompagnati da una sorta di trucco per spiegarli. Nel 2020 era l’alfabeto. Dopo l’iniziale flessione dei mercati e dell’economia a causa della pandemia di Covid, gli investitori sono concentrati su quale forma assumerà la ripresa. Era a forma di V con un rapido aumento dalle profondità? O uno a forma di W con una serie di battute d’arresto? O assumerà semplicemente una forma a “L”, dove tutti veniamo lasciati cadere e non possiamo tornare indietro?

Economisti e banchieri centrali hanno speso molto tempo a utilizzare i messaggi per aiutare le persone a capire cosa potrebbe accadere. Alla fine ha prevalso la lettera V. Ora, l’aumento storico dell’inflazione è motivo di preoccupazione: la mano invisibile che disegna il movimento verso l’alto nella lettera scelta non sfugge alla penna.

Le banche centrali si stanno difendendo, ma i messaggi sono stati ignorati. Invece, il piano che ci aiuta tutti a comprendere la missione del presidente della Fed Jay Powell e dei suoi colleghi politici si è concentrato su atterraggi duri, atterraggi facili e atterraggi duri nel mezzo.

Sono state fatte molte analisi su quanto spazio dovrebbe lavorare Powell. “Un atterraggio morbido è ancora il nostro scenario di base, ma la pista si sta accorciando e restringendosi”, ha affermato il mese scorso Anders Persson, chief investment officer di Noufen.

Tuttavia, la fiducia degli investitori in questo percorso sta svanendo. Di questo passo, questa pista corta e stretta sarebbe circondata da acque infestate da squali e distrutta dagli uragani. “I responsabili politici hanno perso il controllo della narrativa, quindi ora devono agire, ma se scendono sotto silenzio, sarà perché sono dei geni”, afferma Kate Jukes, macro strategist di Société Générale. Juckes afferma che nel suo recente viaggio per visitare i clienti di investimento in Europa “tutti hanno detto che sarebbe stato un atterraggio duro”.

Personalmente, penso che questo argomento sarebbe più divertente se Powell indossasse un’uniforme e occhiali da sole da aviatore alle sue conferenze stampa, ma in questo momento non è divertente.

Nei suoi ultimi commenti sulla questione questa settimana, il presidente della Federal Reserve ha effettivamente chiesto ai passeggeri di prepararsi per una dura corsa. “È molto probabile che la lotta contro l’inflazione comporti qualche sofferenza”, ha detto a una riunione dei banchieri centrali in Portogallo.

Certo, è opportuno concentrarsi sulla Federal Reserve. Nonostante si parli di un sistema finanziario multipolare, è chiaro che i mercati statunitensi dominano il panorama degli investimenti globali. Quando gli investitori si rendono conto che l’inflazione statunitense è fuori dal controllo della Fed e che la Fed aumenterà i tassi di interesse più di quanto già teme il mercato, i titoli di Stato statunitensi scendono bruscamente, trascinando i titoli sulla loro scia e rafforzando il dollaro in generale. noi.

L’effetto dell’onda si sta diffondendo ampiamente: un esempio è l’ultimo timore sui titoli di Stato dell’Eurozona che ha colpito in particolare l’Italia. Almeno secondo Jokes, ciò era in gran parte dovuto all’attrazione gravitazionale dei rendimenti obbligazionari statunitensi, non alle notizie sull’eurozona o sull’Italia stessa.

Ma non solo Powell sta cercando di cadere inaspettatamente, il che potrebbe portare a un crollo dei mercati. I mercati del debito europeo hanno ancora il potenziale per crollare se i fondi decidessero di andare contro l’impegno della Banca centrale europea di impedire la frammentazione del mercato obbligazionario dell’eurozona. La fiducia nella sua capacità di arginare l’impennata dei rendimenti italiani non è universale.

E non dimenticare la Bank of Japan, che è in controtendenza rispetto alla tendenza degli alti tassi di interesse e continua a lottare per mantenere i rendimenti dei titoli di Stato giapponesi vicini allo zero. Alcuni investitori e hedge fund vedono l’opportunità di investire nel fallimento di questa politica, scommettendo che i rendimenti stanno per aumentare.

Mansoor Mohiuddin, capo economista presso la Bank of Singapore, avverte che se hanno ragione, questo sarà un momento destabilizzante per i mercati globali, parallelamente all’improvvisa abolizione da parte della banca del tetto massimo di cambio del franco. Swiss National nel gennaio 2015, una mossa che ha fatto salire alle stelle la valuta svizzera, spazzato via tutti i tipi di trader dai gestori di hedge fund ai trader al dettaglio sparsi e ha scosso tutte le major.

“I rendimenti delle obbligazioni sovrane giapponesi raggiungeranno il picco”, afferma. Questo, a sua volta, probabilmente aumenterà anche i rendimenti di altre obbligazioni. Crede che questo generalmente non accadrà. “Il governatore della Banca del Giappone, Haruhiko Kuroda, non si muoverà”, afferma. “Questa è un’opportunità irripetibile per aumentare il tasso di inflazione al 2 percento”.

Schroders sottolinea che per raggiungere questo obiettivo, la BoJ ha dovuto lottare per mantenere bassi i rendimenti. Di recente ha acquistato più di 10 trilioni (milioni di milioni) di obbligazioni ogni settimana, cinque volte la media di meno di 2 trilioni (milioni di milioni) di yen che compra di solito. Ora possiede quasi la metà di tutte le obbligazioni sovrane giapponesi in circolazione.

Pertanto, la Bank of Japan sta andando nella direzione opposta rispetto alla maggior parte dei suoi omologhi, ma sta anche affrontando un atterraggio duro. Per la maggior parte delle persone, l’obiettivo è cercare di non evitare inutili sofferenze nelle economie e, quindi, nei portafogli.

La Banca dei regolamenti internazionali – la cosiddetta banca centrale delle banche centrali – è chiaro che i politici devono essere severi. L’entità di Basilea ha dichiarato in un’analisi delle pressioni inflazionistiche pubblicata come parte del suo rapporto annuale: “Il passaggio da un regime di alta inflazione una volta unito può essere molto costoso. Tutto ciò richiede una risposta rapida e risoluta”.

“Le banche centrali sono ben consapevoli che i benefici a lungo termine superano di gran lunga i costi a breve termine”, ha aggiunto. E quella credibilità è un bene troppo prezioso per essere messo a repentaglio”.

Se speri ancora, caro lettore, che i banchieri centrali salveranno il valore del tuo portafoglio dopo una prima metà dell’anno terribile per la maggior parte degli investitori, questa affermazione dovrebbe dirti che è tempo di cercare il volo più vicino. E ricorda che l’uscita potrebbe essere dietro il tuo sedile.

Katie Martin

Diritti d’autore – Il Financial Times Limited 2021.

© 2021 The Financial Times Ltd. tutti i diritti sono salvi. Si prega di non copiare e incollare articoli da FT che vengono poi ridistribuiti via e-mail o pubblicati online.

Leggi l’articolo originale quaggiù.

READ  L'Italia lavorerà sulla bolletta elettrica, ma non applicherà il 'modello spagnolo'