Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’astronomo italiano Giovanni Cassini scoprì Giapeto, una delle lune di Saturno – Radio Reloj, la stazione radio cubana dell’epoca e notizie

Giapeto fu scoperto da Giovanni Cassini il 25 ottobre 1671

Internet

25 ottobre 2022

L’astronomo italiano Giovanni Cassini ha scoperto Giapeto, una delle lune di Saturno

Giapeto, una delle lune di Saturno, fu scoperta da Giovanni Cassini il 25 ottobre 1671

L’Avana, Cuba. – Ipeto È una delle lune di Saturno. Si colloca all’ottavo posto per distanza dal pianeta e al terzo per dimensioni, con un diametro di circa 1.500 km, dopo i satelliti più grandi Titano e Rea. Scoperta da Giovanni Cassini nel 25 ottobre 1671. Occorrono 79,33 giorni terrestri per completare una rivoluzione attorno a Saturno, a una distanza media di 3.561.300 km. Un emisfero satellitare è molto più scuro dell’altro, una strana proprietà che potrebbe essere dovuta a una diversa composizione del materiale sulla superficie, proveniente dall’interno della luna stessa o da materiale proveniente da altri satelliti o anelli. La vera causa non è nota con certezza, sebbene la seconda ipotesi sia sempre più supportata da evidenze osservazionali. Giapeto prende il nome dal Titano Giapeto. È anche conosciuto come Saturno VIII.

Giovanni Cassini ha chiamato le quattro lune scoperte da Sidra Luduicia (Louis Stars) in onore del re Luigi XIV. Tuttavia, la maggior parte degli astronomi ha scelto di fare riferimento a loro e a Titano usando i numeri, da Saturno I a Saturno V. Quando Mimas ed Encelado furono scoperti nel 1789, la numerazione si estese a Saturno VII. Il nome attuale delle lune fu pubblicato da John Herschel (figlio di William Herschel, che scoprì Mimas ed Encelado) nella sua pubblicazione del 1847 dei risultati delle osservazioni astronomiche effettuate al Capo di Buona Speranza, dove propose di nominarle usando i nomi di i Titani (sorelle e fratelli di Crono / Saturno). Questi sono Teti, Dione, Rea e Giapeto.

READ  Scopri un nuovo modo per penetrare nelle cellule umane | sapere

L’orbita di Giapeto è insolita. Ad esempio, la distanza media da Saturno è molto maggiore della distanza media da altri grandi satelliti (circa tre volte la distanza da Titano, che è il più vicino a Giapeto). Un’altra caratteristica notevole che deve ancora essere spiegata è la sua inclinazione orbitale (15°), che è notevolmente più grande del resto delle lune più grandi di Saturno. Queste due caratteristiche (la sua inclinazione orbitale e la grande distanza dal pianeta) fanno di Giapeto l’unica grande luna di Saturno da cui si possono osservare pienamente gli anelli di Saturno; Da altri si vede praticamente sul bordo a causa della sua scarsa o nulla inclinazione orbitale

La bassa densità di Giapeto indica che il suo componente principale è il ghiaccio, accompagnato da una piccola quantità di materiale roccioso. lungo la sua superficie compaiono numerosi crateri; Nella regione oscura, la sonda Cassini/Huygens ha rilevato numerosi crateri giganti, tre dei quali hanno un diametro superiore a 350 chilometri. Il più grande è largo circa 500 chilometri e presenta una ripida cengia con pendenze di oltre 15 chilometri. La forma del satellite è sferica, come ci si aspetterebbe da una grande luna, con parti piatte e un bordo equatoriale così alto da distorcere la forma di Giapeto, anche se visto da lontano. Per questo motivo, e poiché la sonda Cassini non ha ripreso l’intera superficie, non c’è consenso su come sia esattamente questo oggetto.