Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’argentino Luciano Benavides ha vinto la sua prima tappa motociclistica nel Rally Dakar che ha visto un clamoroso abbandono

Luciano Benavides ottiene la sua prima vittoria parziale nel Rally Dakar (Shakedown)

(dall’Arabia Saudita) Questo è il Rally Dakar Il più duro dei quattro è in Arabia Saudita, ma c’è qualcosa di più forte delle richieste del Tour 2023 ed è la natura. La pioggia continua ha costretto a modificare la sesta sezione di gara, così come le due successive. Ma in questo venerdì la giornata era sporca uova a condizione Luciano Benavides (Husqvarna) ha vinto una tappa per la prima volta e Manuel Andujar (Yamaha) ha ottenuto il suo secondo successo di questa edizione sui quad davanti agli argentini 1-3-4.

Sulle moto, la buona notizia è arrivata agli argentini da quando Luciano Benavides ha aperto una vittoria parziale. Il secondo era l’americano Skylar Hawes (Husqvarna) che continua a guidare il libro paga globale, dove Kevin Benavides (KTM) è ancora terzo, a 7 minuti da Hawes, dopo essere arrivato quinto nel gruppo. La battaglia per la vittoria sulle due ruote è avvincente, le prime sette si chiudono in 7 minuti, e nella versione più impegnativa in Arabia Saudita tutti possono accorciare i tempi. Mancano ancora nove giorni di gara.

“È stata una giornata pazzesca. Abbiamo percorso mille chilometri al giorno. La mattina ci siamo congelati e poi abbiamo lavorato sulla tappa che è stata molto dura. Ieri ero preoccupato che non avessimo ricevuto le cose. A causa dei miei risultati e delle mie perdite, generalmente mi ha restituito. Ho voltato pagina, sono andato in bianco e mi sono divertito a guidare una moto e l’ho fatto molto bene”, le dice. Luciano Benavides un infobae.

“È la mia prima tappa della Dakar ed è molto speciale. La stavo cercando da molto tempo ed è davvero unica. E poi abbiamo dovuto fare 300 km Altro per arrivare qui mentre pioveva la guida stradale (foglio stradale) era sbagliata, quindi ci siamo persi così abbiamo camminato per tutta l’Arabia. Ma sono contento di essere qui”, ha concluso il 26enne di Salta. Lui e suo fratello Kevin sono gli unici argentini nella storia a vincere una tappa in moto al Rally Dakar.

Manuel Andejar ha vinto la sua seconda parte del Rally Dakar
Manuel Andejar ha vinto la sua seconda parte del Rally Dakar

Da allora ci sono state più celebrazioni argentine in quad Manu Andujar Ha prevalso e ha condotto il procedimento davanti al francese Alexandre Giraud e due suoi connazionali, Francisco Moreno e Pablo Copete. Nell’anno il Giro continua a progredire ed è avanti di 42 minuti su Moreno. Copetti è il terzo e Andújar il quarto.

D’altra parte, indipendentemente dal tempo, ci sono state più scene di incidenti che hanno coinvolto conducenti Audi. Carlo Sainz S Stefano Peterhansel. Nel 212esimo chilometro dello spettacolo speciale di oggi che si è unito a Hail Riyadh, il francese Peterhansel e il suo navigatore hanno preso un colpo, Edoardo Boulanger, è stato ferito dallo shock e ha sofferto di mal di schiena. Il dipartimento medico di Dakar lo ha trasportato in aereo all’ospedale di Buraydah per ulteriori esami. Il francese, il più grande vincitore nella storia del Rally Dakar con 14 vittorie, ha abbandonato la gara a causa di complicazioni del suo copilota.

READ  Selezione Argentina vs. Brasile, dalla Coppa America di Futsal: horario e dónde ver en vivo

Il suo compagno di squadra Audi, lo spagnolo Sainz, è caduto nello stesso punto. L’equipaggio è rimasto illeso e ha perso nuovamente terreno in gara. Il complesso panorama dei suoi rivali gli ha permesso di farlo Nasser Al-Attiyah (Toyota) rimanendo in un altro segmento e affermandosi al vertice della classifica generale con il tempo di 1h 06min 50sec per il Sudafrica Henk Lategan (Toyota).

Nelle auto sandbox, meglio conosciute come UTV, il belga ha festeggiato nella divisione prototipi Guillaume de Mevius (Grallyteam), che a loro volta guardano tutti dall’alto della classifica generale sei giorni dopo. Nella categoria delle vetture di serie preparate per la competizione, la T4 ha celebrato i polacchi Marco Juxel (Can Am) e portoghese Rodrigo Lope de Oliveira Can Am era quinto e ancora in classifica generale.

Mentre nei camion, Tariq Al Rammah (Iveco) è arrivato primo. L’olandese Martin van den Brink (Iveco) è arrivato quinto e finora ha condotto la gara.

Stefan Peterhansel e Carlos Sainz arrestati alla Dakar

Il resto degli argentini, secondo le loro posizioni in scena e in generale:

Moto: Franco Kimi (campione) 15° e 15°. Stefano Kimi (KTM) 31° e 27°.

le auto: Sebastien Halpern (Mini), 15° e 18°. Juan Cruz Jacobini (Toyota), 33° e 13°.

ATV: Alessandro Fantone, X e IX. Carlos Verza IX, VIII.

UTV: Nel T3, David Zell (Can-Am) 30° e 23°. Nel T4, Jeremías González Ferioli (Can-Am), decimo e settimo. Nicolas Cavigliaso (Can-Am) 12° e 27°. Juan Manuel Silva (Yamaha) 31° e 17°. Ramon Nunez (Can-Am) 38° e 30°.

Altri cambiamenti in arrivo

La pioggia non ha dato tregua all’Arabia Saudita e ha imposto ulteriori modifiche al tracciato originale. Non essendo possibile utilizzare il campo di Dawadmi, sede originaria dell’evento speciale di venerdì, le tappe 7 e 8 sarebbero le “maratone”, cioè quelle in cui i partecipanti non hanno assistenza da parte delle loro squadre e in cui le riparazioni devono essere fatto. le loro auto. Partendo dal percorso iniziale, si sono alternate le sezioni cronometrate del sabato e della domenica, accorciando la distanza tra loro per gestire al meglio il chilometraggio di ogni giornata.

READ  Coppa dei Campioni: l'Italia si chiama Verratti | Coppa Europea di Calcio 2021

Tuttavia, l’attività motociclistica e I quad sono stati cancellati a causa delle difficoltà del tempo odierno e dell’alto livello di stanchezza osservato tra i piloti di tutte le classi. Alle 20, infatti, arrivavano ancora i concorrenti (locali). Pertanto, moto e quad saranno invitati a lasciare una zona di residenza temporanea a Riyadh alle 10 per recarsi a Dawadmi e domenica si disputeranno l’ottava tappa.

Per la settima tappa, che si correrà sabato prossimo, arriveranno auto e camion da Riyadh e Dawadmi, e la prova speciale si svolgerà 333 chilometri. Poiché i piloti non hanno previsto in questa fase della corsa la vera e propria tappa maratona, dopo l’arrivo dell’anello speciale (diramazione, 94 km), verrà organizzata un’area di servizio con un tempo massimo di intervento di due ore. Successivamente, l’equipaggio si dirigerà a Dawadmi (collegamento di 240 km), dove le loro auto saranno parcheggiate nel Parco chiuso.

L’ottava tappa, che sarà domenica 8 gennaio, il convoglio si sposterà a Riyadh e comprenderà il giro inizialmente previsto nella tappa 7, meno 128 chilometri. Sarà un percorso a tempo 345 chilometriSuccessivamente, i partecipanti si dirigeranno al campo di Riyadh.

Lunedì sarà il giorno di riposo al campo nella capitale saudita e martedì la gara riprenderà sul tracciato originario.

Continuare a leggere: