Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Argentina compare per la prima volta come denunciante in Italia | Tra le cause contro l’umanità e contro entrambi i torturatori

Per la prima volta, il L’Argentina sarà l’attore Nei processi avviati Italia Contro Due torturatori, Jorge Trocoli dall’Uruguay e Carlos Luis Malatto dall’Argentina sono fuggiti nella penisola dopo aver ottenuto la cittadinanza italiana. Per incoraggiare la cooperazione del Paese in questi due casi, però, alcune cose devono essere fatte Accordi con il Vaticano e la Fondazione Passo In modo che l’Argentina possa accedere alle informazioni sul periodo dittatoriale che si trovano in entrambi MessaggiLa Segreteria di Stato per i Diritti Umani è in Italia, Oracio Petragalla Corti.

Finora, l’Argentina non è apparsa come attore in altri processi in Italia. Contro dittatori e violatori dei diritti umani, come il processo Condor, il Paese, da parte sua, a differenza di altri Paesi dell’America Latina, ha perseguito i responsabili della repressione.

Processo contro Broccoli, Membro dei servizi segreti della Marina uruguaiana, dopo un lungo periodo di istruzione, esordisce a Roma il 14 luglio. Processo contro MalattoUn membro del RIM 22 (22 reggimento di fanteria da montagna) a San Juan è ancora sotto indagine, il che potrebbe essere considerato un inizio, ma si spera che la cooperazione argentina acceleri il processo poiché è già stato condannato. Condannato all’ergastolo nel 2013 a San Juan È fuggito Del paese nel 2011. L’Argentina ha chiesto all’Italia di espellere Mlato, ma è stato respinto perché i reati a carico di questo cittadino italiano sono rientrati nella legge dei limiti del diritto penale italiano.

Pitragalla Corti ha incontrato a Roma l’avvocato Erminio Carmelo Amelio Lo stesso farà Troccoli con l’avvocato nel caso e domani nel caso Malato. Il segretario per i diritti umani ha detto con l’avvocato Amelio: “Stavamo valutando la possibilità che i testimoni viaggiassero e si presentassero in Italia all’inizio del processo perché riteniamo che sia necessario essere presenti per comprendere la complessità dei reati”. Pagina I12.

READ  L'Italia discute se consentire ai grandi elettori di Govit-19 di votare per la presidenza

Nel caso di Malad, è aumentato da loro 7 casiColoro che sono stati finora nelle mani della magistratura italiana per accusarlo, Fino a 30 casi Grazie per la collaborazione del Segretariato per i diritti umani. “La segreteria ha un unico registro delle vittime del terrorismo di stato e questo offre l’opportunità di aggiungere nuove vittime”, ha spiegato il funzionario.

Fondazione Vaticano e Passo

Il Vaticano ha un grande archivio che di solito non è aperto a nessuno. Comprende, tra l’altro, documenti delle Nunziature, delle ambasciate vaticane in diversi paesi. “Abbiamo avuto un incontro con il cardinale Pietro Parolin (N.D.R. Vaticano n. 2 accanto al Papa) Segreteria di Stato del Vaticano. La nostra idea era quella di riprendere una serie di colloqui sulla base di un memorandum firmato da Papa Francesco – credo nel 2017– Accesso alle vittime File relativi alla dittatura argentinaPeetrakalla ha descritto.

Ma per molti anni il lavoro è stato interrotto. “Ora la nostra richiesta è che possiamo ricominciare quel lavoro Tabella tecnica con archivio Sulla vicenda possono indagare il Segretario di Stato per i diritti umani e il Vaticano”, ha aggiunto. È stato inoltre chiesto di modificare i criteri di avviso in quanto non vi sono parenti che possano affermare che tutte le vittime hanno accesso ai fascicoli. “Ad esempio, vogliamo che le nonne di Plaza de Mayo e il Segretariato nazionale per i diritti umani siano intese come organizzazioni per i diritti umani. Il destino dei nipoti e dei dispersi. Il Vaticano ha detto che studierà quando si potranno aprire i fascicoli per creare questo tavolo tecnico. Stiamo aspettando la risposta”, ha detto Petragalla.

READ  Com'è stato il passaggio di Miguel Lyon di Atlanta, Italia

Un accordo simile è stato firmato lunedì con la Fondazione Passo. Ci sono documenti che parlano della cooperazione tra l’Italia e le vittime della dittatura degli anni Sessanta e Settanta. “Sarà molto importante per noi scambiare file tra il Segretariato per i diritti umani e la Fondazione Passo. È stato molto interessante vedere quei file “, ha sottolineato. Cercherà di digitalizzare i documenti di interesse da aggiungere agli archivi nazionali della memoria argentina, ha spiegato.

Il caso Riverberry

pastore Franco Riverberry, Durante la dittatura, Kodoi Cruz prestò servizio come sacerdote a Mendoza, collaborando con l’esercito per torturare i nemici in un centro segreto della zona. Il Ha assistito alla tortura Ha poi tenuto una Bibbia in mano e ha chiesto alle vittime di collaborare con gli autori. Ma questo caso non è stato discusso con il Vaticano.

In possesso di passaporto italiano, Riverberry è fuggito in Italia nel 2011. L’Argentina ha chiesto l’estradizione di Riverberry, che attualmente risiede nella città di Sorbolo, nella provincia di Pharma. Ma l’Italia ha rifiutato due volte di espellerlo. Tuttavia, il 30 giugno sarà resa nota la decisione definitiva della Corte di Cassazione italiana in merito. Ma fino al 15 giugno l’avvocato difensore argentino, Arturo Salerni, potrà presentare nuove prove in tribunale. “Idealmente, possiamo determinare questo ruolo in Argentina. Ma se così non fosse, continueremo a lavorare insieme per assicurarlo alla giustizia in Italia”, ha affermato Petragalla..

“Per noi Un’altra novità L’importante è che dopo la recente visita argentina degli avvocati italiani a tutela dei parenti delle vittime e questi ultimi contatti, se c’è qualcosa di integrato, sia Il ruolo del querelante Segreteria per i diritti umani In tutti questi casi. Anche l’Argentina sarà querelante In altri paesi Processi simili verranno eseguiti lì. In Germania, ad esempio”, ha concluso.

READ  Dalla Polonia all'Italia | Terza squadra

Questi incontri e il mosaico in memoria delle madri della Moschea di Plaza de Mayo sono stati collocati davanti all’ambasciata argentina giovedì scorso, dopo il 45° anniversario della sua creazione, con Pietragalla Corti che ha compiuto una visita molto simbolica a Roma e in Argentina. Visiterete le Fosse ArdeatineUn monumento storico nella capitale italiana raccoglie le tombe di 335 persone massacrate dai nazisti durante la seconda guerra mondiale, precisamente il 24 marzo – giorno del golpe di Videla in Argentina – ma tanti anni fa, nel 1944. In rappresaglia per la morte di 33 soldati nazisti in un attacco di protesta il giorno precedente.

Nel mezzo I nazisti furono i responsabili del massacroUfficiale delle SS dopo la seconda guerra mondiale Fuggito a Parilocchi Lì visse senza punizione per quasi cinque decenni. Fu deportato in Italia nel 1995, dove fu processato e condannato all’ergastolo. Muore a Roma nel 2013.